cultura

PAAO: prove tecniche di trasmissione

lunedì 15 novembre 2010
di Claudio Bizzarri
 PAAO: prove tecniche di trasmissione

Il Parco Archeologico ed Ambientale dell'Orvietano si sta muovendo su più fronti per prepararsi all'anno nuovo che è alle porte, elaborando una serie di progetti sui quali torneremo più diffusamente in futuro (scavi, mostre, escursioni, gemellaggi, pubblicazioni, ecc.) e inizia anche a metter a regime alcune delle possibilità che già da adesso possono essere sfruttate a vantaggio degli Orvietani e dei visitatori della nostra città. Quello che voglio raccontare oggi è l'esperienza che si è venuta a materializzare sulla scia della collaborazione fra PAAO e FEE (Federazione Escursionismo Europeo), una costola della quale è rappresentata dall'Associazione Sportiva D. Scolastica "E. Majorana", appartenente alla FIE.

A Foligno, nei giorni dal 6 al 10 ottobre, lo svolgimento della 41esima conferenza europea sull'escursionismo, definita dal responsabile locale FIE Paolo Bellocchio "un'importante occasione per favorire, attraverso le tematiche legate all'escursionismo (conoscenza del territorio, della storia e della cultura delle popolazioni che lo abitano e che lo hanno abitato; la salvaguardia dell'ambiente e la sua fruizione "eco-compatibile"; lo sviluppo economico legato ad un turismo "di qualità"), l'interazione di approcci diversi e la condivisione di problemi e soluzioni a questo legati".

Il 7 e l'8 ottobre sono state 180 le persone provenienti da Genova, da Malta e dal Portogallo che ci hanno fatto visita - un numero che va implementato di altre 70 persone, provenienti da Foligno e da Calvi dell'Umbria, che sono venute poi nel corso del mese di Novembre. In qualità di direttore del PAAO ho avuto il piacere di guidare questi gruppi, anche coll'aiuto di molti volontari fra i quali i membri di altre associazioni FIE (Terre del Maestrale e Viatores Umbro-Sabini), lungo l'anello della rupe, presentando una città che si è sviluppata in stretta simbiosi con la sua peculiare natura geologica, che ne determina anche le modalità di sviluppo storico-archeologico. Si è trattato di un test che ha quindi potuto usufruire di una "cavia" di alto profilo, di un pubblico che, oltre ad essere in parte composto da stranieri, conosce altre realtà come quelle che gli abbiamo presentato ad Orvieto ed è in grado di formulare paragoni. Ed il risultato è stato confortante, forse superiore alle aspettative per quel che riguarda il feed-back che ne è scaturito. Interesse, curiosità, riconoscenza, voglia di scoprire sono solo alcune delle parole che possono descrivere quanto si è percepito.

La giornata è stata anche ulteriormente "condita" con quanto la nostra città riesce a proporre dal punto di vista eno-gastronomico e dalla particolare scoperta della realtà ipogea di Orvieto Underground, un tassello importante dell'offerta culturale di Orvieto. E' questa la filosofia del PAAO, la valorizzazione di quanto esiste, la promozione ad un grande pubblico, la scoperta di quello che c'è di nuovo e l'individuazione delle eccellenze che sono anche sul territorio da un punto di vista storico, archeologico ed antropologico. Proporre Orvieto è forse più semplice - e scontato - ma le valenze del territorio sono incredibili e la collaborazione con l'IMA (Institute for Mediterranean Archaeology) ne sta facendo una dei suoi punti di forza (a breve una presentazione anche negli USA). Ma questa è un'altra storia; alla prossima puntata...

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità