cultura

L'Open Source in Italia

giovedì 22 ottobre 2009

L'adozione di sistemi operativi liberi o Open Source nelle imprese italiane nell'anno 2007 è stata, pari al 12,2% del totale, con punte del 39,7% tra le aziende con oltre 250 dipendenti (fonte ISTAT). Dato che conferma l'importanza di questo settore nel contesto più ampio dell'IT e dipinge quello dell'Open Source come un segmento particolare. Sebbene oggi l'Italia non possa rientrare tra i Paesi con un alto tasso di tecnologia Open Source, tuttavia alcuni studi evidenziano un discreto interesse da parte di utenti ed imprese italiani per questo particolare ambito dell'informatica. Secondo i dati di SourceForge.net - il principale portale di collaborazione e repository di codice Open Source - nel novembre del 2006 gli utenti italiani risultavano al terzo posto per accessi alla sua piattaforma, dietro agli statunitensi ed ai tedeschi. Dato che conferma una precedente ricerca dell'Università di Maastricht del 2002 che vedeva l'Italia al quarto posto per numero di sviluppatori attivi nella comunità Open Source internazionale, dietro a Francia, Germania e Stati Uniti.
Alla vigilia della Conferenza Internazionale e Italiana di Orvieto l'Associazione PLIO, Progetto Linguistico Italiano OOo, annuncia che la sola versione in lingua italiana di OpenOffice.org ha superato i sei milioni di download in poco più di nove mesi, con una crescita del 171% rispetto allo stesso periodo del 2008. Nel solo mese di settembre, i download di OOo sono stati 855.450, ovvero uno ogni tre secondi (comprese le notti e i fine settimana).

Continuando a questo ritmo, il numero dei download può superare gli otto milioni entro la fine dell'anno, confermando la crescita della quota di mercato della suite, a cui InfoWorld attribuisce una percentuale del 13,5% nel mondo Windows (che in Europa è più alta del 50% rispetto agli Stati Uniti). Sommando le installazioni in ambito MacOS e Linux, la quota di mercato di OpenOffice.org supera il 15%.
In Italia, nei primi sei mesi del 2009, il numero dei download di OpenOffice.org è stato superiore del 25% (4,1 contro 3,1 milioni) rispetto al numero dei nuovi PC (fonte: Assinform e Associazione PLIO). Una conferma dello stato di salute del progetto, e dell'aumento dell'interesse nei confronti della suite da parte di privati, enti e aziende.
A settembre, il numero delle estensioni per OOo ha superato le 400 unità. Il gruppo più numeroso è quello degli strumenti linguistici, con oltre 100 estensioni che coprono non solo le lingue nazionali ma anche quelle regionali.
"Il successo di OpenOffice.org conferma la validità della strategia adottata dalla comunità, che cerca di offrire il migliore strumento di produttività individuale sul mercato", afferma Italo Vignoli, Presidente dell'Associazione PLIO. "Oggi, OOo viene scelto per la robustezza, per la familiarità dell'interfaccia utente, e per le sue caratteristiche, che ne consentono l'uso su tutte le piattaforme, compresi i netbook, che ormai rappresentano un terzo dei portatili venduti in Italia".


Questa notizia è correlata a:

"OpenOffice.org Conference 2009" dal 3 al 6 novembre ad Orvieto

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 novembre

Tanta Umbria, ancora poco Orvietano nell'Atlante dei Cammini d'Italia

Mostrare per esserci, il progetto di cartellonistica per rifondare sulla bellezza Salci

Chiusa la fase congressuale del Pd, Scopetti confermato segretario

Pendolari sul piede di guerra: "Il futuro dei treni a Orvieto e il silenzio degli amministratori"

Tari, tariffe corrette e conformi alla normativa. Creta: "Non ci sono stati errori"

L'Orvietana punta il Castel Del Piano per riscattarsi dalla sconfitta

A Magione si corre l'Individual Race Attack, tanti orvietani al via

La Filarmonica festeggia Santa Cecilia. Concerto al Teatro Concordia

Parlare di violenza sulle donne per cambiare prospettiva. In Biblioteca, tre appuntamenti

Visita Pastorale del vescovo Benedetto Tuzia. Il decreto di indizione

Alla Rocca dei Papi, conferenza sul genio di Michelangelo

"Orvieto in Philosophia". Per la città della sapienza, Festival di Filosofia in Dialogo e Decade Kantian

Confetti rossi per Alessandra Polleggioni, prima laureata in Informatica Umanistica dell'Orvietano

Scuole, Variati (Upi): "Del totale dei fondi generali solo il 14 per cento destinato alle Superiori"

Ladri in azione in pieno giorno. Paura sull’Alfina

L'Università dell'Arizona presenta il progetto del Museo Archeologico "Poggio Gramignano"

In tanti agli Stati generali della Scuola. Bartolini: "Temi vitali per il futuro dei nostri giovani"

Anas, investimenti per quasi 200 milioni di euro per servizi di progettazione definitiva e fattibilità tecnico-economica

Monte Peglia e Provincia Autonoma di Bolzano, esperienze a confronto per il riconoscimento Mab Unesco

"La Natività ad Orvieto". Decima edizione per il concorso dei presepi, come partecipare

Al Museo di Palazzo Davanzati a Firenze, si presenta il volume di Lucio Riccetti

Giornata di studio su gestione pazienti con Bpco, integrazione Ospedale-Territorio

Al Museo Emilio Greco si presenta il volume "Cristo e il potere. Teologia, antropologia e politica"

Liberati (M5S): "Alta velocità? Poco chiare le risorse, Umbria tagliata fuori dalle opportunità"

Sostanze tossiche, rischio sismico. Consegnata la diffida ai sindaci

"100 Mete d'Italia", riconoscimenti a Monteleone d'Orvieto e Civita di Bagnoregio

"Il Tabarro" di Puccini risuona al Museo della Navigazione nelle Acque Interne

La Quercia

"Non fate come me". A Caffeina Incontri, l'esordio letterario di Massimiliano Bruno