cultura

La rete delle scuole orvietane con capofila il Liceo Majorana vince il concorso nazionale "Innovadidattica" con il progetto "Una Scuola per Cittadini Europei Competenti"

lunedì 25 maggio 2009
La rete delle scuole orvietane con capofila il Liceo Majorana vince il concorso nazionale "Innovadidattica" con il progetto "Una Scuola per Cittadini Europei Competenti"

La rete degli istituti scolastici e formativi di Orvieto organizzata dal liceo Majorana per partecipare al concorso "Innovadidattica" bandido lo scorso gennaio dall'ANSAS (Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell'Autonomia Scolastica) ha ottenuto con 97 punti su 100 il migliore punteggio a pari merito con altre sole 5 scuole delle diverse regioni. Il risultato è notevole se si pensa che sono stati inseriti in graduatoria (da un minimo di 70 ad un massimo di 97 punti) ben 302 progetti di altrettante reti (che complessivamente hanno coinvolto non meno di 1800 soggetti) e che parecchi progetti sono stati esclusi in quanto non hanno raggiunto il punteggio minimo di 70/100.

I progetti sono stati valutati da un'apposita Commissione, costituita da esperti dell'ANSAS stessa, del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca, dell' INVALSI e dell'ISFOL. Le graduatorie per regione si possono consultare sul sito www.bdp.it
Con il concorso "Innovadidattica" l'ANSAS ha inteso sollecitare le scuole su tutto il territorio nazionale a promuovere e attuare progetti di innovazione organizzativa e didattica, gestiti dalle scuole stesse nella loro autonomia, al fine principale di sviluppare la didattica per competenze secondo le indicazioni dell'Unione Europea e di adottare i sistemi di valutazione propri delle indagini internazionali del tipo OCSE-PISA.

La rete è così composta: Liceo Scientifico Statale "Ettore Majorana" Orvieto (scuola capofila); IIS Artistica e Classica Orvieto; IIS Tecnica e Professionale Orvieto; Scuola Media Statale "Scalza e Signorelli" Orvieto; Istituto Comprensivo "Muzio Cappelletti" Allerona; Centro Servizi Formativi Orvieto. Il riferimento per la formazione è l'ADI (Associazione Docenti Italiani), agenzia accreditata dal MIUR.
Il progetto, coordinato da un apposito comitato tecnico-scientifico e assistito dagli esperti dell'ADI, sarà attuato all'inizio del prossimo a.s. e coinvolgerà, oltre ai dirigenti e a 24 docenti delle scuole e del CSF, classi terminali di scuola media e classi prime e seconde delle scuole superiori e del CFS.
Si tratta dunque di un grande sforzo delle scuole di Orvieto per migliorare il sistema scolastico nel suo complesso.

Commenta su Facebook