cultura

Nutrimenti: è on line il nuovo numero di "Fili d'aquilone"

domenica 22 febbraio 2009

Nutrire il corpo e l'anima, ma senza esagerare, senza forzature, senza imporre ad altri le proprie convinzioni, etiche o religiose.

Il numero 13 di Fili d'aquilone, la rivista diretta da Alessio Brandolini, prende avvio con il breve racconto drammatico e sarcastico di Stefano Cardinali, "Una ricetta esemplare", al quale si affianca il brano "L'aranceto" di Giuseppe Manfridi, che ha sempre a che fare con il nutrimento. In "Volgendo le spalle a chi muore" Armando Santarelli ragiona su chi ha la fortuna di nutrirsi e chi no, e affronta la piaga dei morti per fame.

Il reportage fotografico di Valentina Pasquinelli ("Il coltello nel pomodoro"), introdotto da Ambra Laurenzi, narra con le immagini il rapporto tra cibo e fotografia e la trasformazione dei soggetti fotografati in elementi simbolici. Quello di Adriano Perini ("Natura nutrice"), sempre introdotto da Ambra Laurenzi, "inquadra" luci, fiori, radici, colori, nonché i giardinieri che lavorano in un Orto Botanico, e invita ad assaporare più a fondo la natura, a lasciarsene nutrire.

Per la poesia straniera:

Alessio Brandolini ci parla dell'opera e della vita della sfortunata poetessa argentina Alfonsina Storni e traduce una scelta di sue poesie; sempre Brandolini presenta un libro uscito da un paio di mesi in Italia: il Requiem del poeta brasiliano Lêdo Ivo. Irene Campagna ci introduce nel mondo poetico di Roque Dalton, ma partendo dal suo unico romanzo, Pobrecito poeta que era yo..., e propone una breve antologia poetica dell'autore salvadoreño - curata con Emanuela Jossa - preludio di un'antologia in via di pubblicazione. Claudine Bertrand e Viviane Ciampi presentano un autore del Quebec di origine italiana: Antonio D'Alfonso, che con la sua densa poesia in lingua francese scava nella propria identità, e si "nutre alle radici". Jolka Milič, infaticabile esploratrice della poesia contemporanea slovena, seleziona e traduce testi di Barbara Korun. Martha Canfield, proseguendo nell'analisi della poesia colombiana, ci parla dell'opera di Álvaro Mutis, in particolare affronta il libro di poesia Le opere perdute, di prossima uscita in Italia.

Per la poesia italiana:

Fabio Pierangeli in "Nutrimenti della grande poesia" prende avvio da alcuni versi di Giacomo Leopardi per introdurne e scandagliarne l'opera. Fausta Squatriti ci parla dell'ultimo libro in versi di Roberto Agostini, Mattini antartici e Alberto Casadei di quello di Alessio Brandolini, Tevere in fiamme. Proponiamo poi una silloge poetica di Vera Lúcia de Oliveira, tratta dal libro inedito La carne quando è sola, scritto dall'autrice brasiliana direttamente in italiano. La stessa de Oliveira presenta due poetesse (Ilde Arcelli e Antonella Giacon) di un circolo letterario perugino fondato per "nutrire la poesia": Il Merendacolo; sui prossimi numeri proporrà altri autori di questo circolo.

Interventi legati al tema del "nutrimento" sono quelli, politici e molto polemici, del francese Bernard Noël che argomenta su "Come nutrire una rivoluzione senza popolo" e di Emiliano Sbaraglia che si chiede (e ci chiediamo): "Che fine ha fatto la sinistra italiana?". Massimo Mastrogregori, sul solco del pensiero e dell'opera di Erich Auerbach, traccia un ritratto della civiltà europea tra "unità e molteplicità". Viviane Ciampi in "Poesia e spiritualità" propone un colloquio con l'artista Luisella Carretta.

Legati al mondo dei più piccoli sono, come di consueto, il racconto di Annarita Verzola, "Testavuota e Testapiena" e l'ultima puntata di Jolka Milič sulla letteratura slovena per l'infanzia, che propone tre autori: Lojze Kovačič, Marjan Manček e Tatjana Pregl Kobe.

Le Rubriche ci nutrono con:

"Cibi" (otto poesie della Dickinson) di Giuseppe Ierolli, nell'abituale escursione nel mondo poetico di ED. "La voce della terra" di Elvio Cipollone ci ricorda "la lezione del maiale" e Verónica Becerril, nella sua rubrica dedicata al cinema, recensisce il film del regista franco-algerino Abdel Kechice Cous-cous. Infine, Federico Platania in "Ascoltare, una rubrica per le orecchie" ci offre un ricco e sostanzioso menù "di portate musicali".

Ci rimane soltanto di augurarvi una buona e "nutrita" lettura.

Il prossimo numero uscirà più o meno fra tre mesi, sarà dedicato all'infanzia (anche quella maltrattata) e avrà per titolo INFANTI.

Commenta su Facebook

Accadeva il 13 dicembre

Ludovico Cherubini strepitoso a Spoleto, fa suo l'Open Regionale Assoluto di Spada Maschile

Mostra collettiva d'arte per gli studenti del Gordon College

A grande richiesta al Mancinelli torna per il sesto anno "Canto di Natale"

All'Unitus si parla di "Evoluzione delle tecnologie in ambito digitale" e "Project Management"

Promozione della lettura, sì della Regione allo schema di protocollo d'intesa con l'Associazione italiana biblioteche

"Disagio e pregiudizio minorile", convegno in sala consiliare su bullismo e violenza

Un aquilone, forse

Di fiori

Il colonnello Maurizio Napoletano alla guida del Comando militare dell'Esercito Umbria

Concerto Baratto per la Caritas. Maurizio Mastrini al Teatro degli Avvaloranti

Un'ordinanza del sindaco vieta l'accesso alla frazione di Pornello per motivi di sicurezza

Consumo di alcolici, i dati dell'indagine "Passi" nel territorio

In sala consiliare c'è il convegno su minori stranieri non accompagnati

All'Auditorium Comunale va in scena "Il Presidente, una tragica farsa"

Ussi Umbria si conferma campione d'Italia. Finale dedicata a Dante Ciliani e ai terremotati

"Natale in Musica", tutti i concerti della Scuola Comunale di Musica "Adriano Casasole"

Paolo Maurizio Talanti rappresenta il Comune di Orvieto nel consiglio direttivo di Felcos Umbria

Via le auto da Piazza della Pace, c'è la pulizia straordinaria

"Venite Adoremus". Concerto in Duomo della Corale "Vox et Jubilum"

Giornata di Studio per la Polizia Locale, tanti gli argomenti affrontati

Sei incontri per "Stare bene a scuola e a casa". Via al corso promosso da Iisacp, Orviet'Ama e Sert

Milano, troppo Milano o forse no

Elegia per una morte cattiva

Percorrevo con te una assolata

"Lazio in gioco", l'Istituto "Leonardo da Vinci" per il contrasto alla dipendenza da gioco d'azzardo

"Natale sicuro", la polizia intensifica il controllo del territorio