cultura

Biblioteche Ragazzi e commercio equo: si lavora per un mondo più responsabile

mercoledì 21 febbraio 2007
Vogliono essere centri di cultura sociale e di educazione al pensiero critico le Biblioteche Ragazzi di Orvieto. Lo dimostra, tra le altre attività, un percorso di lavoro sulla natura, cultura e valore politico del commercio equo e solidale, durato quasi un anno e da poco giunto a conclusione. L’iniziativa si è articolata in percorsi di lettura mirati, laboratori didattici, incontri di gioco per i bambini e momenti di riflessione per i genitori. Decisivi sono stati il rapporto di collaborazione culturale e il sostegno finanziario assicurato dalla Scuola Elementare di Piazza Marconi e da due importanti partner: la Bottega Piano Terra che a Orvieto distribuisce i prodotti delle Botteghe del commercio equo e solidale, e la Sezione Soci Coop di Orvieto che promuove la linea di prodotti Solidal della Coop Centro Italia . Quest’ultima è intervenuta finanziariamente anche per l’acquisto di libri destinati all’utenza della Biblioteca Ragazzi di Orvieto Scalo. Si tratta di importanti realtà associativo/produttive che hanno scelto il commercio equo come modello alternativo alla circolazione capitalistica di beni e profitti. Una sfida così nitida e decisa comprende un pari impegno per la trasformazione dei valori e degli schemi di comportamento legati al consumismo moderno, e di fatto entrambi i partner sono attivi con proposte educative gestite in proprio o tramite istituzioni pubbliche come le nostre biblioteche. Per la conduzione dei laboratori didattici di Orvieto, si è rivelata estremamente stimolante ed efficace la collaborazione con cooperative sociali specializzate in progetti di animazione sull’uso responsabile del denaro, rivolti alla fascia delle scuole materne, elementari e medie: le Cooperative “Apriti Sesamo” e la “Pangea” di Roma, l’Associazione “EquAzione di Marsciano. Il gruppo “Apriti Sesamo” è intervenuto una prima volta durante al primavera scorsa a fianco della Biblioteca Ragazzi di Piazza Marconi, una seconda volta a dicembre in collaborazione con la Biblioteca Ragazzi di Orvieto Scalo. In entrambi i casi, i bambini sono diventati protagonisti di un articolato percorso di conoscenza e di gioco, che li ha resi consapevoli e li ha divertiti. Si è data attenzione ai contenuti, ad esempio ragionando sui documenti di programma e orientamento culturale, come la Carta dei Criteri del Commercio Equo (www.commercioequo.org). Ci sono stati momenti strutturati di gioco evocativo e di simulazione, molto interessanti per le ricadute di ordine psicodinamico e relazionale. Numerose anche le fasi di elaborazione fantastica e di produzione creativa. Sia a Orvieto Centro che a Orvieto Scalo, le esperienze educative si sono concluse con momenti di apertura e comunicazione verso l’esterno: di grande spessore il dibattito sulla Finanza Etica che si è svolto a maggio scorso nel cortile interno della Bottega Piano Terra in Piazza Fracassini; gradevolissima la degustazione a base di prodotti del commercio equo offerti dalla stessa Bottega; bella e coinvolgente la festa per i bambini sulla stessa Piazza. E che dire dei giochi che i ragazzi partecipanti ai laboratori di Orvieto Scalo hanno organizzato presso in Piazza del Commercio, proprio di fronte alla sede della Coop centro Italia? Oltre 150 bambini e bambine sono stati coinvolti in attività ludiche progettate e autogestite dai loro coetanei all’interno della biblioteca ragazzi e in collaborazione con le scuole. In questo contesto di lavoro, articolato, approfondito e protratto nel tempo, la presenza di un banco vendita della linea Coop-Solidal non rappresenta solo uno spazio di promozione commerciale. Si configura come esito possibile, auspicabile e concretamente praticabile, di un modo altro di gestire le risorse materiali e umane connesse al mondo alimentare. Il Commercio Equo e Solidale è, di fatto, un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove giustizia sociale ed economica, sviluppo sostenibile, rispetto per le persone e per l’ambiente, attraverso il commercio, la crescita della consapevolezza dei consumatori, l’educazione, l’informazione e l’azione politica. Il primo obiettivo del mercato diventa migliorare le condizioni di vita dei produttori, pagando un prezzo adeguato e assicurando continuità nelle relazioni commerciali.

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 dicembre

Auguri in versi di Buone Feste dall'Unitre Orvieto

La sabbia, amore mio

I cigni

Noi ci svegliammo piangendo

Tra democrazia e demagogia

Zambelli Orvieto sensazionale, batte Ravenna ed è prima

L'Orvietana vince col Clitunno e mantiene il passo

Lucio Dragoni è il nuovo allenatore giallorosso. "Uomo di calcio e Maestro di calcio"

Con le corde, dentro il Pozzo della Cava, per il nuovo presepe-evento: "I Quaranta Giorni"

Sisma, firmata la convenzione Regione-Comuni. Si avvia l'Ufficio speciale per la ricostruzione

Ammissione ai collegi del mondo unito, riaperto il bando selezioneper gli studenti dei Comuni colpiti dal sisma

Castello di Alviano aperto per le feste. Visite al maniero e ai musei che ospita

Uisp Orvieto Medio Tevere, elogio ai giovani ambasciatori dello sport orvietano

L'Avis dona fondi per acquistare uno scuolabus per i bambini di Preci

A Perugia incontro pubblico su fare libri e lettori

Cespuglio di more

Verso le elezioni, due candidati per la presidenza. Tre liste per il consiglio provinciale

Ascensori di Via Ripa Medici in manutenzione, navetta sostitutiva fino a venerdì

I Borghi più belli dell'Umbria discutono di temi e progetti di sviluppo turistico

Lo Sportello del Consumatore, riflessioni su presente e futuro del servizio

La TeMa si aggiudica il bando Psr per sviluppo e commercializzazione del turismo

"Capodanno in Famiglia" al Santuario dell'Amore Misericordioso

L'Università della Tuscia è il primo Ateneo statale del Lazio e il settimo del Centro Italia per la qualità della ricerca