cultura

Orvietato sporgersi: venerdì e sabato a 30 anni di distanza Orvieto si interroga sulla cultura contemporanea

lunedì 20 novembre 2006
Si è tenuta questa mattina la conferenza stampa di presentazione di "Orvietato Sporgersi", evento organizzato dall’Associazione Zerotre in collaborazione con l’Associazione Maestrale e con il Patrocinio del Comune di Orvieto, della Provincia di Terni, della Regione Umbria e della Comunità Montana Monte Peglia e Selva di Meana. Saranno due giorni di dibattito culturale, il 24 e 25 novembre prossimi presso il Teatro Mancinelli, per riproporre Orvieto, a trent’anni di distanza, come laboratorio della cultura contemporanea.


Nel 1976 si tenne infatti a Orvieto una delle più importantiiniziative di riflessione culturale su Scrittura/Lettura: prospettive della ricerca letteraria. Orvietato Sporgersi sembra fosse il titolo dell’intervento che Roland Barthes avrebbe dovuto fare al convegno. Scrittura/lettura fu una grande kermesse cui parteciparono i maggiori intellettuali ed esponenti delle avanguardie dell'epoca: tra gli altri Balestrini, Barilli, Colombo, Eco, Ginzberg, Malerba, Pedullà, Sanguineti. Or-vietato sporgersi è dunque il titolo dell’evento culturale che viene riproposto a fine novembre a Orvieto partendo proprio da quell'importante avvenimento cittadino e da quegli anni per capire quanto è cambiata la nostra società e quanto sono mutati gli strumenti critici per comprenderla. A trent’anni di distanza e dopo l'importante seminario dell’Ulivo di ottobre, Orvieto si ripropone dunque come un luogo privilegiato di dibattito sul rapporto tra cultura e società. Oltre ad una serie di iniziative che coinvolgeranno la città, sono previsti due giorni di dibattito culturale cui parteciperanno alcune figure intellettuali contemporanee (giornalisti, poeti, scrittori, filosofi e sociologi) di particolare rilevanza. Tra gli altri: Paolo Mauri, Francesca Izzo, Ilaria Borletti, Agostino Petrillo, Massimiliano Smeriglio, Nanni Balestrini, Pirkko Peltonen Rognoni, Michele Marziani, Brunella Antomarini, Piergiorgio Paterlini, Domenico Cacopardo, Tommaso Ottonieri, Paolo Gentiluomo, Angelo Guglielmi, Roberto della Seta, Michele Mezza. L’iniziativa, come tengono a sottolineare Liliana Grasso e Valentino Filippetti dell’organizzazione, è stata realizzata su base volontaria di trenta ragazzi che fanno attività affini alla cultura e che, con grande spirito di ricerca, hanno accettato con grande piacere questa sfida di elaborazione culturale senza una struttura fissa e collaudata alle spalle. “La città di Orvieto – come ha poi sottolineato il Vicesindaco Carlo Carpinelli – è pronta a recepire tali istanze, perché si è distinta sempre nel tempo ed oggi soprattutto come fulcro della politica e delle esperienze sociali.” Come nel 1976 si rendeva necessaria una riflessione sul futuro della cultura, così la nuova contingenza politica e sociale esige un dibattito sulle nuove identità culturali della società, che possono apparire come una forza unipolare in grado di omologare le diversità vitali del sapere. L’intento di Orvietato sporgersi è quello di sviluppare un convegno, contornato da attività collaterali come forum, spazi multimediali e laboratori culturali, dove il confronto sia finalizzato a costruire una proposta politico-culturale che risponda alle dinamiche e alle trasformazioni sociali in atto. Un momento di confronto utile ad un’evoluzione delle forme associative, culturali e partecipative della politica. Scrivono gli organizzatori, Liliana Grasso e Cristiano Ghirlanda

“[…] Ciò che ci aspettiamo da questa iniziativa, ciò che auspichiamo, come organizzatori e come cittadini, è che sia utile. Troppo spesso infatti gli incontri di carattere culturale seguono un modello ornamentale ed auto-referenziale di cui davvero non abbiamo bisogno. Ciò di cui invece si sente l’urgenza è di una seria e approfondita analisi sugli interrogativi posti dalle trasformazioni sociali e uno sforzo per poter individuarne le soluzioni. E l’arte ha da sempre in questo ambito un ruolo essenziale ed insostituibile. Nel mese di ottobre di quest’anno, inoltre, sempre ad Orvieto, si è tenuto il primo incontro promosso dall’Ulivo per la costituzione del Partito Democratico. Così come nel ’76 si discuteva dell’opportunità politica legata al compromesso storico, oggi è l’alba di un Partito che dovrebbe esercitare una complessa sintesi. Si tratta di nuovi strumenti, nuovi luoghi e nuove linee di confine. Di conseguenza, è evidente, nuove esclusioni e nuovi contrapposizioni. La dimensione storica del presente ci dice che si è d’innanzi alla sfida di comprendere pienamente il nuovo, e siamo a buon punto. Ma abbiamo il dovere di riorganizzarlo, ridefinendo anche, e per tempo, i mezzi dell’emancipazione. Lo sforzo che si richiede al mondo della cultura, cioè a coloro che meglio possono godere dei mezzi di decodificazione della realtà, è di contribuire alla comprensione dei suoi nodi essenziali. L’impressione è che ci si trovi di fronte ad un punto di maturazione del capitalismo dove molti dei concetti che lo componevano quali il lavoro, la merce, i diritti, l’informazione si siano fortemente modificati nella propria identità e per queste ragioni è in crisi il concetto stesso di democrazia. Sono questi i termini intorno ai quali vuole ruotare la nostra riflessione, per stabilire uno sfondo generale sul quale avviare utilmente osservazioni e valutazioni. Comprendere tali nuovi confini concettuali è fondamentale per riappropriarsi della propria identità. Una società che ha paura delle proprie trasformazioni è una società che non sa dominarle. Che non crede nella capacità delle proprie istituzioni, né crede alle forme di garanzia di controllo e di tutela. L’incertezza del futuro a qualsiasi livello sociale si vada ad insediare, produce l’impossibilità di porre in essere un progetto e costringe al rifugiarsi nell’”io”. Dunque non c’è bisogno di nostalgia pre-borghese. Si tratta di trovare il modo per attraversare e superare il presente. Il nostro intento è di conservare e ridefinire la capacità di mobilitare risorse culturali in funzione di un disegno condiviso dello sviluppo, promuovendo iniziative di produzione della conoscenza. Per la serie di questioni che vogliamo affrontare, proponiamo alcune formulazioni sulle quali vale forse la pena di riflettere, non pretendiamo di definire a priori le linee guida di un discorso molto complesso e per il quale le formulazioni unitarie potrebbero suonare astratte, costrittive e generalizzanti della ricchezza di un panorama che difficilmente si può piegare a percorsi usuali. Attraverso il linguaggio degli scrittori, degli storici, dei filosofi, dei sociologi, desideriamo attivare una funzione di networking, ovvero di costruzione di reti di soggetti orientate all’analisi del contemporaneo. Il processo è articolato e complesso, il compito che ci assumiamo non è quello di valutare, ma di stabilire una piattaforma per la discussione. È quanto proviamo a fare.”

Per porsi in questa dimensione Orvietano Sporgersi si propone come un appuntamento annuale fisso. Un luogo di riflessione culturale permanente basata sul dialogo costruttivo tra le intellettualità della società civile. Informazioni: www.orvietatosporgersi.eu

Orvietato sporgersi: il programma

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 gennaio

Nel "borgo magico" di Calcata, con Asds Polisportiva Castel Viscardo e Armata Brancaleone

Fermati tre ventenni all'uscita del supermercato con merce appena rubata

On line il primo numero del 2018 del periodico aziendale di informazione sanitaria "Usl Umbria 2 inForma"

All'Unitre riprende il Laboratorio di Pittura guidato da Donato Catamo

Regionali 2018, parte il viaggio di Bigiotti attraverso borghi e bellezze della Tuscia

Lo minaccia con il coltello e gli porta via l'incasso giornaliero

Umbria presente a "Winter School 2018. L'agenda sul futuro della sanità italiana"

Recupero evasione Imu, Orvieto al secondo posto tra i 16 Comuni umbri con oltre 15.000 abitanti

Sporcizia e siringhe vicino alla Casa dell'Acqua di Ciconia

Corsi serali all'Istituto Cardarelli. Un gruppo di alunni a Roma dal ministro Fedeli

"Gli Ebrei sono matti" sul palco del Teatro Boni

"Gli Psicodrammatici" mettono in scena "Il senso di colpa"

Procedura di Via. Sacripanti (Gm): "Questo è Germani, questa è la sinistra che ci governa"

Buono servizio sostitutivo del trasporto scolastico per le scuole dell'infanzia

"Vette in Vista", quando il cinema incontra la montagna

"A 80 anni dalle leggi razziali". La Regione ricorda la tragedia della Shoah

Zeno (Pci): "La città si svuota e il sindaco se ne fa una ragione"

Federalberghi: "Le risorse derivanti dall'imposta di soggiorno siano destinate allo sviluppo del turismo"

Toni e Peppe Servillo tornano al Mancinelli con "La parola canta"

Sostegno a domicilio per anziani e disabili, in pubblicazione i bandi

Assistenza sociale fittizia, le Fiamme Gialle portano alla luce oltre 4 milioni di euro di evaso

Esercitazione tecnico-tattica per i marescialli con specializzazione "Sanità"

Nuova geografia giudiziaria, Montegabbione e Monteleone con Orvieto

Testimonianze al Teatro Concordia per la Giornata della Memoria

"Vino made in biologico". Convegno all'Istituto Agrario "Ciuffelli"

Festa del Tesseramento per l'Associazione Andromeda

Orvieto FC, prima squadra nella tana del Cannara

L'allenatore Matteo Solforati valuta i progressi della Zambelli Orvieto

"Più o meno alle tre" con i Lettori Portatili. Andrej Longo presenta "L'altra madre"

Sabato 28 gennaio casting per il nuovo film di Alice Rohrwacher

Nello scavo della piramide di via Ripa Medici ritrovato il cibo degli Etruschi

Corso di Sociocrazia con Pierre Houben all'Auditorium

Orvieto, Via del Corso

L'Orvietana Rugby vince ancora al De Martino

Olimpieri (IeT): "Con Germani il Comune torna a privatizzare"

Prima seduta del nuovo Consiglio Provinciale, convalida degli eletti e giuramento del presidente

Ad aprile torna la Coppa degli Etruschi

Fabrizio Bentivoglio porta "L'ora di ricevimento" al Teatro Comunale di Todi

Imprese Creative, a disposizione 2,8 milioni di euro. Illustrati i criteri del primo bando regionale

Oltre 400 richieste in due mesi nei punti informativi di Sii, Ati e Assoconsumatori

Promozione turistica, l'Umbria presente per la prima volta all'Holiday World di Dublino

Atletica Libertas Orvieto, tanti gli eventi e le manifestazioni in arrivo nel 2017

Seduta plenaria della Pro Loco per l'approvazione dei bilanci

Prima seduta del consiglio comunale. In quindici punti l'ordine del giorno

Al Teatro Santa Cristina, il recital "...ed ora sono nel vento..."

Sisma, si riunisce comitato istituzionale. Marini: "Massimo supporto a sindaci dall'ufficio speciale ricostruzione"

Studenti in Comune per presentare "Testimoni della Memoria. Il nostro viaggio in Polonia"

Linea ferroviaria Orte-Foligno-Perugia, ripristinate due fermate

Cena a base di solidarietà. Serata speciale organizzata dai ragazzi dell'Oratorio San Filippo Neri e dagli studenti dell'Alberghiero

Donne vittime di violenza, in Regione firmato il protocollo per l'inserimento lavorativo e sociale

Sottoscritto il protocollo d'intesa tra Perugia e Orvieto per l'iscrizione delle Città Etrusche al Patrimonio Unesco

Al Teatro Boni va in scena "L'istruttoria" di Peter Weiss

"Viaggio nell'Operetta". Seconda tappa con Katia Ricciarelli e Andrea Binetti

Iaia Forte al Teatro Boni con "Tony Pagoda. Ritorno in Italia"

Benedizione dei Trattori a Ciconia. Gli agricoltori offrono il frutto del loro lavoro

"Comunicare speranza e fiducia nel nostro tempo". Il vescovo incontra i giornalisti per S.Francesco di Sales

Incontro su "La persecuzione in Europa e i suoi effetti anche a San Venanzo"

Uisp, la squadra Umbria Nuoto master cresce