cultura

Orvietato sporgersi: venerdì e sabato a 30 anni di distanza Orvieto si interroga sulla cultura contemporanea

lunedì 20 novembre 2006
Si è tenuta questa mattina la conferenza stampa di presentazione di "Orvietato Sporgersi", evento organizzato dall’Associazione Zerotre in collaborazione con l’Associazione Maestrale e con il Patrocinio del Comune di Orvieto, della Provincia di Terni, della Regione Umbria e della Comunità Montana Monte Peglia e Selva di Meana. Saranno due giorni di dibattito culturale, il 24 e 25 novembre prossimi presso il Teatro Mancinelli, per riproporre Orvieto, a trent’anni di distanza, come laboratorio della cultura contemporanea.


Nel 1976 si tenne infatti a Orvieto una delle più importantiiniziative di riflessione culturale su Scrittura/Lettura: prospettive della ricerca letteraria. Orvietato Sporgersi sembra fosse il titolo dell’intervento che Roland Barthes avrebbe dovuto fare al convegno. Scrittura/lettura fu una grande kermesse cui parteciparono i maggiori intellettuali ed esponenti delle avanguardie dell'epoca: tra gli altri Balestrini, Barilli, Colombo, Eco, Ginzberg, Malerba, Pedullà, Sanguineti. Or-vietato sporgersi è dunque il titolo dell’evento culturale che viene riproposto a fine novembre a Orvieto partendo proprio da quell'importante avvenimento cittadino e da quegli anni per capire quanto è cambiata la nostra società e quanto sono mutati gli strumenti critici per comprenderla. A trent’anni di distanza e dopo l'importante seminario dell’Ulivo di ottobre, Orvieto si ripropone dunque come un luogo privilegiato di dibattito sul rapporto tra cultura e società. Oltre ad una serie di iniziative che coinvolgeranno la città, sono previsti due giorni di dibattito culturale cui parteciperanno alcune figure intellettuali contemporanee (giornalisti, poeti, scrittori, filosofi e sociologi) di particolare rilevanza. Tra gli altri: Paolo Mauri, Francesca Izzo, Ilaria Borletti, Agostino Petrillo, Massimiliano Smeriglio, Nanni Balestrini, Pirkko Peltonen Rognoni, Michele Marziani, Brunella Antomarini, Piergiorgio Paterlini, Domenico Cacopardo, Tommaso Ottonieri, Paolo Gentiluomo, Angelo Guglielmi, Roberto della Seta, Michele Mezza. L’iniziativa, come tengono a sottolineare Liliana Grasso e Valentino Filippetti dell’organizzazione, è stata realizzata su base volontaria di trenta ragazzi che fanno attività affini alla cultura e che, con grande spirito di ricerca, hanno accettato con grande piacere questa sfida di elaborazione culturale senza una struttura fissa e collaudata alle spalle. “La città di Orvieto – come ha poi sottolineato il Vicesindaco Carlo Carpinelli – è pronta a recepire tali istanze, perché si è distinta sempre nel tempo ed oggi soprattutto come fulcro della politica e delle esperienze sociali.” Come nel 1976 si rendeva necessaria una riflessione sul futuro della cultura, così la nuova contingenza politica e sociale esige un dibattito sulle nuove identità culturali della società, che possono apparire come una forza unipolare in grado di omologare le diversità vitali del sapere. L’intento di Orvietato sporgersi è quello di sviluppare un convegno, contornato da attività collaterali come forum, spazi multimediali e laboratori culturali, dove il confronto sia finalizzato a costruire una proposta politico-culturale che risponda alle dinamiche e alle trasformazioni sociali in atto. Un momento di confronto utile ad un’evoluzione delle forme associative, culturali e partecipative della politica. Scrivono gli organizzatori, Liliana Grasso e Cristiano Ghirlanda

“[…] Ciò che ci aspettiamo da questa iniziativa, ciò che auspichiamo, come organizzatori e come cittadini, è che sia utile. Troppo spesso infatti gli incontri di carattere culturale seguono un modello ornamentale ed auto-referenziale di cui davvero non abbiamo bisogno. Ciò di cui invece si sente l’urgenza è di una seria e approfondita analisi sugli interrogativi posti dalle trasformazioni sociali e uno sforzo per poter individuarne le soluzioni. E l’arte ha da sempre in questo ambito un ruolo essenziale ed insostituibile. Nel mese di ottobre di quest’anno, inoltre, sempre ad Orvieto, si è tenuto il primo incontro promosso dall’Ulivo per la costituzione del Partito Democratico. Così come nel ’76 si discuteva dell’opportunità politica legata al compromesso storico, oggi è l’alba di un Partito che dovrebbe esercitare una complessa sintesi. Si tratta di nuovi strumenti, nuovi luoghi e nuove linee di confine. Di conseguenza, è evidente, nuove esclusioni e nuovi contrapposizioni. La dimensione storica del presente ci dice che si è d’innanzi alla sfida di comprendere pienamente il nuovo, e siamo a buon punto. Ma abbiamo il dovere di riorganizzarlo, ridefinendo anche, e per tempo, i mezzi dell’emancipazione. Lo sforzo che si richiede al mondo della cultura, cioè a coloro che meglio possono godere dei mezzi di decodificazione della realtà, è di contribuire alla comprensione dei suoi nodi essenziali. L’impressione è che ci si trovi di fronte ad un punto di maturazione del capitalismo dove molti dei concetti che lo componevano quali il lavoro, la merce, i diritti, l’informazione si siano fortemente modificati nella propria identità e per queste ragioni è in crisi il concetto stesso di democrazia. Sono questi i termini intorno ai quali vuole ruotare la nostra riflessione, per stabilire uno sfondo generale sul quale avviare utilmente osservazioni e valutazioni. Comprendere tali nuovi confini concettuali è fondamentale per riappropriarsi della propria identità. Una società che ha paura delle proprie trasformazioni è una società che non sa dominarle. Che non crede nella capacità delle proprie istituzioni, né crede alle forme di garanzia di controllo e di tutela. L’incertezza del futuro a qualsiasi livello sociale si vada ad insediare, produce l’impossibilità di porre in essere un progetto e costringe al rifugiarsi nell’”io”. Dunque non c’è bisogno di nostalgia pre-borghese. Si tratta di trovare il modo per attraversare e superare il presente. Il nostro intento è di conservare e ridefinire la capacità di mobilitare risorse culturali in funzione di un disegno condiviso dello sviluppo, promuovendo iniziative di produzione della conoscenza. Per la serie di questioni che vogliamo affrontare, proponiamo alcune formulazioni sulle quali vale forse la pena di riflettere, non pretendiamo di definire a priori le linee guida di un discorso molto complesso e per il quale le formulazioni unitarie potrebbero suonare astratte, costrittive e generalizzanti della ricchezza di un panorama che difficilmente si può piegare a percorsi usuali. Attraverso il linguaggio degli scrittori, degli storici, dei filosofi, dei sociologi, desideriamo attivare una funzione di networking, ovvero di costruzione di reti di soggetti orientate all’analisi del contemporaneo. Il processo è articolato e complesso, il compito che ci assumiamo non è quello di valutare, ma di stabilire una piattaforma per la discussione. È quanto proviamo a fare.”

Per porsi in questa dimensione Orvietano Sporgersi si propone come un appuntamento annuale fisso. Un luogo di riflessione culturale permanente basata sul dialogo costruttivo tra le intellettualità della società civile. Informazioni: www.orvietatosporgersi.eu

Orvietato sporgersi: il programma

Commenta su Facebook

Accadeva il 15 novembre

Il disco dei Cherries alza il sipario sulla nuova stagione del Teatro Santa Cristina

Il Vetrya Corporate Campus si amplia. Nuove aree e servizi aperti alla comunità

"Stop discarica". Assemblea pubblica al Centro Anziani di Ciconia

Il Comitato Civico per il Diritto alla Salute-Art.32 chiede un'adeguata risposta sanitaria

La rosa, le spine

Motore in avaria, aereo rientra in aeroporto: paura per famiglia orvietana

Ramona Aricò ci crede ed incoraggia la Zambelli Orvieto

"Gli Etruschi parlano". Presentato a Paestum il progetto in realtà aumentata

Non applicazione della quota variabile della Tari alle pertinenze

"Le città del futuro", anche Vitorchiano a Montecitorio

A "Cuochi d'Italia", Valentina Santanicchio si aggiudica la vittoria sul Veneto

Danza e teatro, al Boni "Tempesta" e "La Giara. Un meraviglioso regalo"

A Villa Umbra, gli stati generali su scuola e sistema di istruzione e formazione professionale

Accattonaggio molesto, CasaPound avvia una raccolta di firme

Accesso ai bandi europei, si rafforza la collaborazione tra scuola ed Anci Umbria

"Legalità, mi piace". Oltre 300 studenti delle superiori partecipano all'evento di Confcommercio

False "Catene di Sant'Antonio" di WhatsApp. L'appello di Polizia Postale e Sportello dei Diritti

Il questore di Terni in visita al Comune di San Venanzo

Il Comune stanzia 116.000 euro per asfaltature e installa pannelli luminosi con limiti a 50 km/h

Lotta al tumore al pancreas, il Comune s'illumina di viola

Via ai lavori di pavimentazione sulla strada statale 205 "Amerina"

Civita di Bagnoregio e Gubbio, due casi di studio per Orvieto

Weekend intenso per l'Orvieto FC. Esordio in campionato per i Giovanissimi

Giornata dei Diritti dell'Infanzia, l'artista Salvatore Ravo realizza un murale per la Festa dell'Albero

Nuova ondata di furti, impegno congiunto tra istituzioni e carabinieri

Alessandro Carlini presenta "Partigiano in camicia nera. La storia vera di Uber Pulga"

Due giorni di appuntamenti per la sesta edizione per "Olio diVino"

La "Festa dell'Olio" di Montecchio compie 42 anni

A 12 anni dalla scomparsa, Orvieto ricorda Padre Chiti. Il programma delle celebrazioni

Dal Bianconi al Rivellino, piovono spettacoli nella Tuscia dei teatri

Le ragioni del No. Incontri a Orvieto, Acquapendente e Castel Giorgio

La Fondazione per il Csco è di nuovo accreditata quale agenzia formativa presso la Regione

Al Teatro dei Calanchi è di scena "Abdullino va alla guerra"

Bandiera verde a "Il Secondo Altopiano", qualità e impegno quotidiano per l'agricoltura naturale

Alessandro Benvenuti torna al Boni da protagonista con lo spettacolo "Chi è di scena"

Approvata la convenzione per istituire l'Ufficio speciale ricostruzione post sisma 2016

La Scuola dell'Infanzia di Pantalla dedica un'aula alla "maestra Barbara"

Le eccellenze dell'Umbria in vetrina alla Borsa internazionale del turismo enogastronomico

Iniziati i lavori alla scuola di Giove, 205 studenti trasferiti a Guardea e Penna in Teverina

Psr 2014-2020, operativi i cinque Gal dell'Umbria, a disposizione 32 milioni di euro per sviluppo locale

XXXIV Trofeo delle Regioni, convocati otto nuotatori della Uisp Orvieto Medio Tevere

Geotermia, chiesto un incontro al Mise. Nevi: "L'Umbria non ha bisogno di rinvii"

Geotermia, il centrosinistra si spacca. Fiorini: "Giunta e seguaci hanno già deciso"

Scuola, approvato il Piano provinciale offerta formativa e programmazione 2017-2018

Undicesima seduta del 2016 per il consiglio comunale. In 23 punti l'ordine del giorno

A Ficulle torna "Olio diVino". Due giorni di degustazioni, musica e convegni

Gestione dei rifiuti, Rotella (Porano Bene Comune) interroga l'amministrazione

Geotermia al Bagnolo. Ambientalisti cauti: "C'è poco da esultare"

Cambio al vertice della Cro. Comitato risparmiatori: "Disponibili al confronto"