cultura

3MSC, un fenomeno che dilaga tra cult e trash

giovedì 20 aprile 2006
di Davide Pompei
I primi posti nella classifica dei libri più letti sono sempre un traguardo per ogni autore, ma per Federico Moccia anche una rivincita. Il riscatto di chi aveva mandato, senza esito, il proprio manoscritto a tutte le case editrici della capitale, fino a finanziare a proprie spese una piccola tiratura presto esaurita. “Tre metri sopra il cielo”, infatti, era uscito un po’ in sordina nel ‘92 presso la piccola casa editrice (poi fallita) “Il Ventaglio”, in cui il padre faceva le scelte editoriali e la figlia correggeva le bozze. La presentazione ci fu il 16 novembre 1992 presso una galleria d’arte, il libro fu in qualche modo notato, timidamente apprezzato e cominciarono a circolare quasi clandestinamente fascicoli fotocopiati tra i ragazzi delle scuole romane. Per un periodo la rivista Fleming propose anche di allargare il testo del romanzo alla pubblicazione, ma Moccia fu dissuaso da un risultato che si annunciava deludente. Nel tam tam del passaparola, una copia del dattiloscritto è arrivato nelle mani di un produttore, ed è nato il film omonimo diretto dall’esordiente Luca Lucini, che ha lanciato Riccardo Scamarcio. Il libro ha impiegato alcuni anni per diventare il cult che è oggi, l’autore ha dovuto riprenderlo in mano e modificarlo, aggiornandolo di circa dieci anni, tanto che dell’originale non è rimasto più del 30%, ma ristampato dalla Feltrinelli ha conosciuto un successo enorme, sconfinando dalla tangenziale per raggiungere addirittura Polonia, Olanda, Germania, Giappone, Brasile, Grecia, Turchia, Spagna. In tutto 13 paesi. Chissà i ragazzi di Varsavia o di Cracovia cosa troveranno nella vicenda pariolina di “Trzy metry nad niebem”? Probabilmente l’amore adolescenziale come esperienza totalizzante, l’improvviso sentimento che “atterra e suscita, affanna e consola” e che riguarda tutti, in ogni paese e ad ogni età. Dai banchi di scuola al blog dei “mocciosi”, si è consumata una piccola rivoluzione culturale che ha avuto il merito di avvicinare molti adolescenti alla lettura, per la gioia di genitori e prof. Fenomeno letterario da un milione di copie, film da un milione di euro incassati, dvd da record di vendite e ad ottobre una fiction televisiva (ovviamente su Italia uno, la rete giovane), la sigla 3msc ha preso il posto di tvb nei messaggini, diventando la griffe di cappellini, magliette, portachiavi, diari. E lo stato d’animo è entrato pure nel testo della canzone sanremese degli Zero Assoluto. La scritta, poi, in genere preceduta dai nomi di due ragazzi o dall’originale “io e te”, la si può leggere sui muri di tante città, Orvieto compresa. La prima fu spennellata tanti anni fa su Ponte Flaminio nella zona nord di Roma e ha poi trovato molti emulatori pronti a volare che l’hanno fatta propria e riprodotta sui muri dei palazzi o di fronte alle scuole. “Tre metri sopra il cielo” è molto di più di un libro, è un fenomeno di costume in cui facilmente ci si identifica, uno slogan, un modo di essere che per molti ragazzini sta diventando una mania, un vero cult di moda che rischia di diventare trash e banale, sinonimo di omologazione talmente tanto inflazionato. Ridotto a un “libro simpatico o poco più” è per molti un romanzo generazionale come tanti, zeppo di luoghi comuni e ragazzine demenziali. Il film, sicuramente, meritava qualche approfondimento in più da parte di un regista abituato ai tempi e ai ritmi della comunicazione pubblicitaria, manca tutta la rabbia che i protagonisti del libro hanno ed emerge un’immagine dei giovani complessivamente un po’ sbiadita e superficiale, che ha comunque fatto da traino al libro. Della serie quando “Il tempo delle mele” incontra una casareccia “Gioventù bruciata”. A monte di tutto, però, resta un libro davvero godibile che intrattiene e trattiene. Rispetto alla storia pubblicata nel ’92 era stato chiesto a Moccia di ridurre il romanzo perché secondo gli esperti Feltrinelli un libro con più di 300 pagine non tira. Lui ha rifiutato modifiche e cambiamenti di linguaggio, credendo profondamente in quello che aveva scritto. “Il mio libro è una prova di grande testardaggine, un miracolo di ostinazione e di determinazione” ha sempre detto. Sta di fatto che se “Tre metri sopra il cielo” contava già 319 pagine, “Ho voglia di te” ne ha addirittura 416. E tutte da leggere. Federico Moccia sarà a Orvieto giovedì 27 aprile, alle ore 18.15 a Palazzo dei Sette, per la rassegna "Il libro parlante". Nella foto un angolo di Orvieto "dedicato" al romanzo di Moccia.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 maggio

La scultura "50 sfumature di me. Donna" si aggiudica il concorso "D.O.N.N.A."

Orvieto, Montefiascone e Pitigliano ancora uniti sotto il segno di "Volcanic Wines"

Calato il sipario sui festeggiamenti di San Venanzio Martire

Azzurra Ceprini Orvieto. Francesco Tringali, assistente allenatore della A1 e della U18 e coordinatore del settore giovanile

In tanti per ammirare l'infiorata artistica in onore della Madonna Ss. del Poggio

Ceramiche e fiori al Pozzo della Cava, arriva "Oltre la finestra"

L'Unione Orvietana Rugby alla Cittadella del Rubgy di Parma

"Un fiore per la città" mette radici nella Chiesa di San Giuseppe Patrono

Fiamme in via Garibaldi, fatti evacuare gli ospiti di un B&B

Orvieto Basket vs Foligno, tutto pronto per la finalissima

Susanna Tamaro incontra e incanta la scuola primaria di Sferracavallo

Nicoletta Campanella presenta "Le più belle del reame" dedicato alle Rose Banksiae

La disciplina delle circolazione stradale. Ecco cosa cambia

Polizia in campo per il contrasto all'immigrazione clandestina

L'Oasi WWF Lago di Alviano partecipa alla 25esima edizione di "Giornata delle Oasi"

Festival al Museo delle Terrecotte, un successo di "Parole & Note"

Caccia. La giunta regionale approva il calendario venatorio 2015-2016

Pd: "Sì al campo polivalente, no alla devastazione dei giardini pubblici"

Versamento acconto Imu e Tasi 2015. Va effettuato entro il 16 giugno

Casaperazza in festa per Santa Rita da Cascia

Gli studenti dell'Università della Tuscia restaurano il busto di Innocenzo X e lo Stemma in Travertino di Gregorio XIII

"Ri-governare Orvieto" con Laura Ricci Sindaca: Politiche giovanili, Scuola, Formazione, Sport

"Ri-governare Orvieto" con Laura Ricci Sindaca: Sociale, Sanità, Diritto alla Salute

Ad Allerona: "I fiori nel piatto - Le erbe spontanee mangerecce, come riconoscerle, apprezzarle .. e mangiarli"

Verso la gestione integrata dei rifiuti nel comprensorio orvietano

A Orvieto l'open day dei servizi educativi per la prima infanzia

In manette gli "amanti della truffa", rubavano soldi agli anziani con travestimenti e storie strappalacrime

"Ri-governare Orvieto" incontra i commercianti e i gestori di locali del centro storico

Tentarono di svaligiare la gioielleria di Baschi, si costituisce il rapinatore

Giovedi, in Piazza della Repubblica la chiusura della campagna elettorale di Giuseppe Germani

Il mistero dei Templari nell'opera "orvietana" di Simone Martini

Con "Anime Parallele" Orvieto riscopre la Necropoli etrusca di Crocefisso del Tufo

[VIDEO] Presentazione di "Anime Parallele"

"Le Meraviglie" al cinema, il film di Alice Rohrwacher oggi nelle sale italiane

Da Castel Giorgio a Cannes un vortice di emozioni e attese

Dedicata a Luigi Mancinelli e Orvieto la puntata di "Note di Bianca" in onda su Sky Classica Hd (29 Maggio)

La Compagnia Mastro Titta porta in scena al Mancinelli "Flashdance"

Terzo e conclusivo precetto etico. Per non ulteriormente oltraggiare l'arte della politica

Andrea Ricci, sindaco uscente di Montegabbione, scrive ai cittadini a conclusione del suo mandato amministrativo

"Matriarché. Il principio materno per una società egualitaria e solidale"

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni