cultura

Come e perché il reportage di Rainews24 ha fatto il giro del mondo

mercoledì 7 dicembre 2005
Riportiamo "Fallujah, una battaglia mediatica" di Maurizio Torrealta da www.megachip.info



Cosa ha fatto sì che le informazioni trasmesse da Rainews24 diventassero una notizia e facessero il giro del mondo? La risposta è la seguente: la notizia trasmessa da Rainews24 mostrava le immagini dei morti a causa del fosforo bianco.

Le immagini erano così orribili e nello stesso tempo così inspiegabili da contenere al proprio interno, come fossero fantasmi tornati tra gli esseri viventi, una implorazione ad essere spiegate. Il fosforo bianco, sostanza che reagisce con l'acqua, aveva aggredito in profondità solo certe aree del corpo bruciando la pelle, in particolare la mucosa attorno alla bocca e agli gli occhi, ma lasciando intatti i vestiti. I corpi risultavano modificati, trasformati in una composizione orribile, simile a quella del quadro di Picasso “Guernica”, quadro che rappresenta le conseguenze provocate dall'uso del fosforo bianco sui cittadini della città spagnola di Guernica durante l'assedio della città.

L'oscenità delle foto dei morti di Fallujah si è diffusa utilizzando un veicolo diverso da quello della comunicazione televisiva analogica tradizionale. L' oscenità delle immagini dei morti si è diffusa per contagio tramite internet. Le foto sono state poste sulle pagine web del sito di rainews24 con la possibilità di essere scaricate.

Anche i video ( in 3 diverse lingue) godevano di questa duplice possibilità, non solo quella di essere visti in “Streaming” ma anche quella di essere scaricabili su altri computer trasformandosi a loro volta in file riproducibili e riproduttivi e quindi a loro volta scaricabili e diffusibili.

Si è innescato un modello di diffusione più attinente alla teoria dei Memi di Richard Dawkins che alla tradizionale modalità comunicativa televisiva. La sinergia tra le 2 modalità di diffusione, quella di rete e quella televisiva, ha permesso di rafforzare le debolezze che le due modalità separatamente hanno. La rete non offre sufficiente autorevolezza per essere immediatamente ritenuta credibile, e questa funzione è stata svolta dalla certificazione di garanzia controllata offerta dal media televisivo di origine; mentre la televisione è sottoposta ai limiti della unidirezionalità del suo messaggio, e la rete al contrario, con i suoi meccanismi di contaminazione riproduttiva, ha permesso un’estensione e una diffusione imprevista ed imprevedibile dell’efficacia comunicativa televisiva.

La diffusione via internet ha offerto un modello di contaminazione inizialmente lento ma poi esponenzialmente rapido e diffuso.

Non deve dunque stupire la notizia che l' OPEN SOURCE CENTER, il centro di analisi di intelligence per lo studio di informazioni non riservate, creato da John Negroponte ex governatore militare dell Iraq ed ora zar dell'intelligence Usa, si sia immediatamente interessato al filmato della televisione italiana che ha creato tanto traffico in internet (notizia del sito del New York Times).

Una ulteriore caratteristica che ha permesso a questo filmato-immagine-notizia di propagandarsi nella rete è stata la sua gratuità. Un filmato scaricabile a pagamento ovviamente non avrebbe avuto la stessa diffusione e la stessa rapidità ed avrebbe comportato limiti di copyright e di diffusione geografica che ne avrebbero limitato la visibilità.

L'effetto shock di questo filmato-immagine-notizia sulla Pubblica Opinione Internazionale è stato cosi forte che ha provocato una prima reazione violenta: un fuoco di sbarramento basato sulle smentite e sulla denigrazione del lavoro giornalistico che lo ha prodotto.

Il primo risultato paradossale che hanno avuto queste smentite autorevoli (prima smentita del Pentagono e primo comunicato dell’ambasciata Usa e Inglese) è stato quello di accreditare e diffondere ulteriormente il filmato-immagine-notizia, facendo sì che lo stesso Tg1 italiano, che dopo 4 giorni non aveva ancora trasmesso la notizia contenuta nel documentario, comunicasse invece la smentita del Pentagono.

L' effetto emulativo e competitivo che sta alla base del sistema informativo mondiale ha permesso che un canale radio della BBC ottenesse una smentita del Pentagono che smentiva la smentita precedente dello stesso Pentagono, riconoscendo l' uso del fosforo bianco in Iraq come arma da combattimento contro gli insorti.

Nello stesso tempo l'allargamento ulteriore del dibattito mediatico su questo argomento faceva affiorare articoli su riviste militari settoriali, nelle quali comparivano racconti dettagliati che comprovavano l'uso di armi al fosforo bianco da parte dell'esercito americano in Iraq.

Se analizziamo la massa delle informazioni prodotte e diffuse su questo argomento a livello mondiale sembrerebbe, a prima vista, che la battaglia per la diffusione della notizia sull' uso del fosforo bianco da parte dei militari Usa che hanno combattuto a Fallujah sia uscita vittoriosa.

L’ammissione del Pentagono è stata esplicita. Nello stesso tempo, la distinzione che il Pentagono ha fatto, ammettendo solo un uso limitato ad azioni contro insorgenti, si è dimostrata una notizia poco credibile dal punto di vista operativo. Quale ufficiale militare avrebbe potuto governare il tragitto di una nuvola di fosforo permettendo che questa distinguesse tra insorti e popolazione civile?

Ma sarebbe un errore pensare che questa battaglia mediatica sia finita così. Sarebbe un errore pensare che non saranno messe in atto operazioni di discredito dei giornalisti che hanno realizzato questo servizio per limitare l'impatto che continua ad avere sulla pubblica opinione.

Viene anzi da pensare che l' uso del fosforo nella battaglia di Falluja sia stato così massiccio da rendere preferibile per il Pentagono una mezza ammissione che potrebbe svolgere la funzione di pietra tombale del dibattito, piuttosto che una negazione che potrebbe invece fa proseguire la ricerca dei fatti e far affiorare le dimensioni vere della strage compiuta nella città irachena.

Ma questo non significa che non verranno messe in atto altre ondate di controffensiva mediatica prima che la durata di una notizia non raggiunga la sua morte naturale.

di Maurizio Torrealta da www.megachip.info

Questa notizia è correlata a:

Gli orrori della guerra. A Ficulle pubblica assemblea DS e proiezione del filmato di Rainews 24 su Fallujah

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 febbraio

Serena Autieri, doppia principessa del popolo. Al Lyrick, "Diana & Lady D"

Interventi antisismici sui beni culturali. Oltre 2 milioni di euro a Orvieto, più di 18 nella Tuscia

Concorso fotografico "Quel filo sottile…che ci unisce"

Pd Orvieto: "Apprezzamento e soddisfazione per il finaziamento del Mibact"

"No alla geotermia, difendiamo il nostro territorio"

Arriva il ticket online per Civita, la presentazione nello spazio Lazio Innova

Confcommercio: "Occorrono un metodo rigoroso e risorse certe per rilanciare il turismo"

"Monastero Invisibile", una rete di preghiera diocesana per tutte le vocazioni

Cafè Loti in "concerto al buio" al Teatro Boni per "M'illumino di meno"

Gianna Paola Scaffidi e Rosario Galli al Teatro Boni sono "Prigionieri al 7° piano"

"Oltre i confini della pena". Quando il lavoro cambia i destini delle persone

Il Museo Geologico e delle Frane guida le scuole della Teverina alla scoperta del territorio

La Confraternita di San Martino raccontata da Colombo Bastianelli

Museo vulcanologico e illuminazione pubblica spenta un'ora per "M'illumino di meno"

Dal Gal ternano fondi per la Chiesa di San Giovanni Battista e strutture adiacenti

Nella Chiesa di San Giovenale l'ultimo saluto a Marcella Rotili

Sarà l'Unione dei Comuni a gestire le funzioni in carico alla Provincia

Presentata alla Camera dei Deputati la mostra che porta Campo della Fiera in Lussemburgo

Testamento Biologico, registro delle dichiarazioni in Comune

Festival dello Street Food, non c'è l'accordo per l'edizione 2018

Aperte le iscrizioni al Corso di percezione visiva per appassionati di fotografia

Verini (Pd): "Un intervento di grande rilievo"

Comune e Opera del Duomo: "Riconoscimento importante per la tutela della città"

Piazza del Popolo senza auto dal 24 marzo. Orvieto per Tutti: "L'agorà è altrove"

Orvieto FC, sfida contro il Clt per aprire la seconda parte del Campionato

Al Palazzo dei Sette "Riformare la politica in Umbria, in Italia, in Europa"

Spazi pubblici ad associazioni private? Olimpieri (IeT) presenta un'interpellanza

"La traduzione plastica dell'anima". Si presenta il libro dedicato all'arte di Antonio Ranocchia

Brillano stelle tifernati al Premio per la Danza "Città di Orvieto"

La Zambelli Orvieto continua a stupire ed espugna Chieri

Alla Bottega Michelangeli, il FAI Giovani apre "I luoghi di Orvieto che devi proprio scoprire"

Sole e itudine

La Vetrya Orvieto non trova le contromisure, la Favl straripa

"Analytiques and Reflections upon Orvieto". La Kansas State University in Italy alla Bottega Chioccia Tsarkova

"Quando i soldi ci sono, e tanti, ma i risultati lasciano a desiderare...."

“Economia e politica in dialogo”, nell’incontro di Nova Civitas

Edilizia residenziale pubblica, revocata la sospensione delle assegnazioni nei Comuni fuori dal "cratere" sisma

Sanità, avviata la partecipazione sul regolamento per accreditamento strutture sanitarie e socio sanitarie

Triplicate le presenze ai musei del territorio, boom di visitatori nel 2016

"Erborando" all'Orto Botanico Rambelli. Corso per riconoscere le piante commestibili

Sisma, la Regione attiva tre tavoli per la ricostruzione e lo sviluppo delle zone colpite

"Invito a palazzo da Donna Olimpia". Conferenza-incontro e momento conviviale

Furti, truffe e prostituzione preoccupano gli orvietani: “Aumentate i controlli”

"Umbria Jazz Spring" a Terni. "Così si potenzia l'offerta turistica in Umbria"

Quattro nuovi cantieri. "Le risposte ai cittadini arrivano dai lavori in corso"

"L'arte del narrare. Il significato della fiaba di tradizione popolare"

Arriva Umbria Jazz Spring, a Terni 14-17 aprile

Terremoto, Confindustria propone di estendere la "no tax area" anche ad altre zone umbre

Letteralbar e Comune indicono il premio letterario per racconti e poesie brevi a tema libero

Lavori al Palazzo dei Sette, traffico vietato lungo corso Cavour

Il tennis dà spettacolo. Via al Torneo Open BNL 2017 al Club Opensportvillage

Palloncini bianchi per l'ultimo saluto a Laura. "Solo Dio conosce la verità"

Il Ricordo di Luca Coscioni. Note dopo il VI Congresso dellÂ’Associazione Coscioni, Salerno 15-17 Febbraio

Medaglia dÂ’oro al merito civile a Luca Coscioni. Il Sindaco di Orvieto comunica lÂ’intenzione di avviare lÂ’iter

Le iniziative dell'Umbria alla Bit di Milano

Luca Coscioni. Combattente per la vita. Orvieto

Disabili penalizzati da una cultura poco attenta. Odg in Provincia della Sinistra Arcobaleno per l'attuazione della convenzione ONU

Sabato 23 febbraio nella chiesa della Madonna della Cava Concerto della Scuola di Musica 'Adriano Casasole'

Corso di laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni : superata quota 100

Nuovo traguardo per l’Uisp Scherma Orvieto. L’atleta Ceccaroni 3° a Salerno al Trofeo nazionale “Montepaschi Vita”

Un atto di indirizzo del Consiglio per dare maggiore valenza al Giorno del Ricordo e ad altri particolari eventi del Novecento. Lo sollecita il sindaco Mocio rispondendo a un'interpellanza di AN

Approvate in Consiglio l'acquisizione dell'ex Ospedale e la relazione del Sindaco sulla valorizzazione del patrimonio pubblico a Orvieto

Riqualificazione urbana da Piazza Cahen alle aree commerciali di Corso Cavour nel PUC 2008 del Comune di Orvieto

Dalla Protezione Civile oltre un milione e 500 mila euro per interventi di difesa idraulica e ripristino di aree in frana

Sicurezza sul lavoro: se ne parla sabato 23 febbraio con il Sottosegretario alla Salute Gian Paolo Patta in un'iniziativa della Sinistra Arcobaleno

Festival dei Complessi Bandistici Umbri: domenica al Mancinelli secondo appuntamento di Scorribanda. Alle ore 18,00 il Concerto Musicale di Cannara

A Roma fino al 2 marzo gli inquietanti tableaux di Gregory Crewdson. Unica tappa europea del fotografo americano