cultura

Enrica Rossi, splendida analfabeta, apre le Letture al caffè

martedì 18 ottobre 2005
di Laura Ricci

Due ore di intensa, serrata lettura sono bastate, ad Enrica Rossi, a leggere, anzi a interpretare, il piccolo grande libro di Agota Kristof, L'analfabeta. Undici brevi capitoli, undici episodi di vita fondamentali che, con grande ma naturale, affettuoso, talvolta ironico pathos, l'attrice ha offerto agli ascoltatori presenti dividendoli in due tempi: prima e dopo l'immancabile tè che, accompagnato dalle sempre ottime crostate, secondo il rito ormai consolidato il caffè Montanucci offre ai presenti.
Talmente coinvolgente, la lettura, che quando la Rossi ha annunciato: ... Merendina...! per un attimo si è atteso, più che il tè, il successivo capitolo.

La Kristof che conoscevamo nella nostra lettura intima e silenziosa, quella che si fa in poltrona fra sé e sè - la Kristof senza una parola di troppo, musicale e strutturata, poetica senza sbavature, struggente al punto giusto, mistica conquistatrice della parola e di una seconda lingua di comunicazione (il francese del paese svizzero d'esilio, in lotta con l'ungherese, la lingua madre al tempo stesso da perdere e da salvare) - ci è stata restituita in modo quasi carnale, come se fosse lì , da una straordinaria lettura a voce alta. Indubbiamente complice quel presente magico e cinematografico con cui la scrittura kristoviana fa partecipare l'ascoltatore/ascoltatrice a ogni sfumatura e ad ogni frammento del suo essere qui ed ora, del suo rendere la vita non come racconto del passato, ma mentre accade, mentre si fa.

Protagonisti l'infanzia inventiva e felice, la povertà del dopoguerra, la morte di Stalin vissuta più nel ridicolo di un ipocrita lutto collettivo che nel tragico, lo strappo prima dalla famiglia - il collegio - e poi dalla terra d'origine e dalla lingua madre, la solitudine dell'immigrazione da profuga. Ma soprattutto le passioni comprese, svelate e tenacemente perseguite - il progetto di vita, il desiderio - leggere e scrivere: dapprima il dono, poi l'ostinata riconquista della parola creativa, quella che ci ha consegnato una delle più straordinarie scrittrici del nostro tempo.

Leggo. E' come una malattia. Leggo tutto ciò che mi capita sottomano, sotto gli occhi: giornali, libri di testo, manifesti, pezzi di carta trovati per strada, ricette di cucina, libri per bambini. Tutto ciò che è caratteri di stampa. Ho quattro anni. La guerra è appena cominciata...

Sono ancora molto piccola e già mi piace raccontare storie. Storie inventate da me. La nonna a volte arriva in città, a trovarci e per aiutare mamma. Di sera è la nonna che ci mette a letto... Io scendo dal letto e dico alla nonna: - Le storie le racconto io, non tu.

All'inizio non c'era che una sola lingua. Gli oggetti, le cose, i sentimenti, i colori, i sogni, le lettere, i libri, i giornali, erano quella lingua. Non avrei mai immaginato che potesse esistere un'altra lingua, che un essere umano potesse pronunciare parole che non sarei riuscita a capire.

Verso i dieci anni ho già un'ortografia perfetta, indubbiamente grazie alle mie numerose letture. Sto un po' in ansia quando consegno per la prima volta il mio tema raffazzonato al professore di letteratura ungherese... - Kristov, si alzi. Mi ridà il tema del giorno prima: - Legga. Mi alzo, leggo. Mi vergogno. E' corto. Molto corto, troppo corto. Quando finisco il professore dice alla classe. - E' così che dovete imparare a scrivere. E' breve, conciso, essenziale. Però stia più attenta alla calligrafia, Kristov.

Come si diventa scrittori? Prima di tutto, naturalmente, bisogna scrivere. Dopo di che bisogna continuare a scrivere. Anche quando non interessa a nessuno. Anche quando si ha l'impressione che non interesserà mai a nessuno. Anche quando i manoscritti si accumulano nei cassetti e li si dimentica, pur continuando a scriverne altri.

Cinque anni dopo essere giunta in Svizzera parlo il francese, ma continuo a non saperlo leggere. Sono tornata analfabeta...All'età di ventisette anni, mi iscrivo ai corsi estivi dell'Università di Neuchatel, per imparare a leggere... Due anni dopo conseguo il Certificato di Studi Francesi con un'ottima valutazione. So leggere, so di nuovo leggere... Il mondo è pieno di libri, di libri finalmente comprensibili anche per me.

Non appena padroneggio un po' di lettura, mi fisso un altro obiettivo: scrivere in francese... Questa lingua, il francese, non l'ho scelta io. Mi è stata imposta dal caso, dalle circostanze. So che non riuscirò mai a scrivere come scrivono gli scrittori francesi di nascita. Ma scriverò come meglio potrò. E' una sfida. La sfida di un'analfabeta.

Commenta su Facebook

Accadeva il 12 dicembre

"Un Natale con i fantasmi" al Piccolo Teatro Cavour

Torna la Maratona Telethon, per sostenere la lotta alle malattie genetiche

Diciottesima edizione per "Porano nel Presepe"

Dedicata ai più piccoli l'edizione invernale della Festa dello Sport

Dopo di Noi, 2 milioni di euro per interventi e servizi per l'assistenza

Salci continua e continuerà a vivere sui social

"Incontri Natalizi 2017". Mostra d'arte e solidarietà al Museo Diocesano

Liste d'attesa e problemi a non finire. Pci: "Delusi dall'atteggiamento della politica"

Lavori straordinari alla rete idrica, possibili disservizi ad Orvieto Scalo

Piano Neve per la Stagione invernale 2017-2018. Consigli utili ai cittadini

"Minori stranieri non accompagnati, risorsa per la riqualificazione dei centri storici"

Gabriele Cirilli fa tappa al Teatro Boni con "#TaleEQualeAMe...Again"

Impianto a biomasse, i motivi del ricorso al Tar al centro di un incontro

La Zambelli Orvieto raccoglie le energie per ospitare Ravenna

"Il borgo si illumina", un percorso di presepi artistici nel centro storico

In provincia di Terni immigrazione stabile negli ultimi anni, freno allo spopolamento

Beni storico-religiosi, il Comune illustra al vescovo le priorità nel recupero

Karate, Coppa Nazionale Confederata. Il risultato del lavoro congiunto di Fik e Fiam

Dalla TeMa, l'invito a diventare soci per sostenere la cultura

La Azzurra ci crede, la partita è sua

Auto si ribalta lungo la Strada della Stazione a causa della pioggia

L'adesione del Polo Museale dell'Umbria al convegno

Dialogo in qualche Paradiso

"Frantoi Aperti in Umbria", in archivio l'edizione del ventennale

I "Pescatori notturni" di Romeo Mancini a Palazzo della Penna per "Le ragioni dell'arte"

Sesta edizione, nuovo percorso per "Montalto di Castro accoglie il Bambino Gesù"

Il Mise riconosce Viterbo "città di antica ed affermata produzione ceramica"

"Concerto di Natale" nel Castello Boncompagni Ludovisi di Trevinano

Proiezione di "S is for Stanley" alla presenza del regista Alex Infascelli

Scaricabile "Pieve FilRouge", l'App turistica per scoprire il patrimonio culturale

Sandro Baldoni presenta il film "La botta grossa. Storie da dentro il terremoto"

"Un balcone sul Lago di Corbara". Tra Salviano e Scoppieto, con sosta all'Ovo Pinto

Furti, spaccate e falsi incidenti: il lato "oscuro" del Natale

I vicoli diventano toilette per cani, scoppia la protesta

A Spagliagrano ritiro mensile del clero della Diocesi di Orvieto-Todi

L'Orvietana rallenta, a Giove è pareggio

Grande accoglienzaa Giove, il volto migliore del calcio

Una Vetrya incerottata spreca nell’ultimo quarto

Griffe false, finanza sequestra 6000 capi nell'orvietano

Week end di normale “pazzia” futsalistica per l’Orvieto Fc

Acqua e rifiuti, le scuole visitano gli impianti della provincia

"D'oro e d'argento", rassegna corale di beneficenza al Teatro Boni

Investimento territoriale integrato, ora si passa alla fase operativa

Inaugurati i lavori di Rotecastello, migliorata l'accessibilità al borgo

Semmai un giglio

La Zambelli Orvieto corre forte e semina il San Lazzaro

Orvieto Cittaslow come esempio di turismo culturale a Berlino

Il "frottolo" fiorentino, ovvero: "Chi è causa dei suoi mali..."!

Marta

Parco Nazionale dei Monti Sibillini: rischi lungo i sentieri dopo il sisma, ma non in tutti

Flavio dei miracoli

Risate&Risotti compie dieci anni, in viaggio tra buona cucina e divertimento

La piazza della fontana nascosta

Tradimenti

Cinquanta presepi, mercatini e Babbi Natale in Harley Davidson per le feste

In distribuzione le tessere per i parcheggi gratuiti

Attivata la rete Wi-Fi gratuita in tutto il centro storico

Il Corporale di Orvieto in onda su Rai2 per "Voyager, ai confini della conoscenza"

Controlli intensificati per il Ponte dell'Immacolata, ecco gli esiti

"The Bus Driver is Drunk". Musica live in Piazza della Repubblica

A Castel Viscardo e nelle frazioni si accende il Natale, nel segno della solidarietà

"19 note per un sorriso". Beneficenza insieme a Massimiliano Varrese

Rapina lampo al Monte dei Paschi di Siena, in manette il ladro

Germani rimodula la squadra e va avanti

Senso unico in Via degli Ulivi per lavori urgenti di manutenzione straordinaria della rete idrica

Celebrazioni liturgiche del Natale, tutti gli appuntamenti in Duomo

Selargius spaventa la Azzurra Ceprini

"Un dono per un dono". Mercatino della Croce Rossa in Piazza Gualterio