cultura

Corpus Domini. I cortei delle Dame e delle magistrature comunali

venerdì 27 maggio 2005
La tradizionale festività del Corpus Domini chiude il ciclo delle manifestazioni di “ORVIETO CITTA’ MEDIEVALE”.
Il Corpus Domini, festa liturgica di tutta la cristianità, fu istituito da Papa Urbano IV l'11 Agosto 1264 con la Bolla “Transiturus”, conservata nei preziosi archivi dell'Opera del Duomo. L’istituzione della festa è legata ai miracolosi fatti del 1263, quando un incerto sacerdote, Pietro da Praga, celebrando la messa nella chiesa di Santa Cristina in Bolsena e dubitando sulla presenza del corpo di Cristo nell'Eucaristia, vide stillare sangue dall'ostia consacrata, gocce che bagnarono il lino liturgico chiamato corporale e l’altare. Il sacro lino fu immediatamente fatto portare ad Orvieto, città in cui risiedeva, da Papa Urbano IV ed è tutt’ora conservato nella cappella del Duomo chiamata appunto del Corporale.
Già qualche settimana prima della promulgazione della bolla lo stesso Urbano IV aveva preso parte, insieme a numerosissimi cardinali e prelati venuti da ogni luogo e a una moltitudine di fedeli, ad una solenne processione con la quale il sacro lino, macchiato dal sangue di Cristo, era stato portato per le vie della città. Da allora ogni anno in Orvieto, per la festività del Corpus Domini, il Corporale del Miracolo di Bolsena, racchiuso in un prezioso reliquiario opera di orafi locali, viene portato in processione per le strade cittadine, seguendo un percorso che tocca tutti i quartieri e tutti i luoghi più significativi della città.
La processione religiosa sfila, dagli anni cinquanta, insieme ad un Corteo Storico, sicuramente uno dei più belli d’Italia. Nel Corteo sono rappresentate tutte le magistrature dell'epoca comunale e gli stemmi e le armi delle famiglie gentilizie orvietane: sullo sfondo dell’incomparabile scenario dei monumenti e delle caratteristiche strade di Orvieto, uno spettacolo suggestivo e indimenticabile. E' questa l’unica occasione per veder sfilare, lungo le selciate vie cittadine, i 400 splendidi costumi storici, finemente e fedelmente riprodotti da abili mani di artigiani locali.
Il sabato invece, alla vigilia della processione Corpus Domini, sfila per le vie della città il Corteo delle Dame e dei Popolani. Musica e danze medievali fanno da cornice alla fastosità degli abiti indossati con grazia dalla 150 dame Orvietane e dai festosi popolani. Questa iniziativa vuole riproporre uno spaccato di vita medioevale, immaginando che il giorno prima della processione del Corpus Domini arrivassero ad Orvieto i nobili del territorio seguiti dalle dame, dalle corti e dai contadini del popolo.

Commenta su Facebook