cultura

Il CNR di Porano in orbita con Roberto Vittori

martedì 19 aprile 2005
Uno dei 22 esperimenti che gli astronauti della missione Eneide, di cui fa parte l'italiano Roberto Vittori, stanno curando č stato organizzato da un gruppo scientifico che comprende il Dipartimento di Produzioni Vegetali dell’Universitŕ della Tuscia (responsabile dottor Giuseppe Colla) l’Istituto di Biologia Agroambientale e Forestale del CNR di Porano (responsabile dottor Alberto Battistelli), l’Azimut (Consorzio di aziende del settore aerospaziale responsabile dottor Casucci) e l’Arsial della Regione Lazio (responsabile dottor Temperini).
Gli astronauti dovranno produrre germinelli di rucola.
Lo scopo di queste attivitŕ č di ottenere nello spazio alimenti freschi gradevoli, ricchi di vitamine e antiossidanti.
L’esperimento rappresenta un ulteriore passo verso il coinvolgimento dell’Istituto di Porano nei programmi di ricerca spaziale volti a realizzare strutture che rendano possibile la coltivazione delle piante nello spazio. Le piante dovranno riprodurre, in piccoli microcosmi “spaziali”, le funzioni che svolgono sulla terra: fornire cibo e ossigeno, fissare l’anidride carbonica e partecipare al riciclaggio dei residui organici degli astronauti.

Commenta su Facebook