cultura

Birra e rock a Montegabbione

lunedì 20 settembre 2004
Finalmente una nuova proposta musicale nel paese di Montegabbione! Un illimitato plauso ed un grazie di cuore è indirizzato a chi ha avuto il coraggio, se non l’audacia, che a volte può essere poco gratificante, di impegnarsi ad organizzare (bene) la rassegna musicale “Birra & Rock” in un ambiente tradizionalmente ostile a concerti di generi musicali che si discostano anche minimamente dal latino-americano o dal valzer. I destinatari di questi ringraziamenti sono senza dubbio i membri dello staff del Rojo Club, ben supportati dalla Pro-Loco locale, e Marco Pellegrini, il proprietario dello Stix Drum Center & Music School perugino (nonché il leader della STIX BAND) che ha fornito tutto l’apparato, la strumentazione e l’impiantistica indispensabili per ottenere un’eccellente qualità acustica del live, obiettivo pienamente raggiunto, almeno per le mie orecchie. Un plauso consistente va anche alle brave e disponibili cuoche del servizio Pizzeria, che hanno consentito di allietare piacevolmente (come sempre) i nostri palati. Fatta questa doverosa premessa, veniamo alla performance live delle rock-band che si sono esibite sullo splendido e funzionale palco montegabbionese. Giovedì 26 subito un grande esordio esplosivo e vibrante con gli ATEMNO (una sorprendente band di Città di Castello, tecnicamente dotata e dedita ad un power-metal sinfonico di forte impatto emotivo), influenzati da Helloween e Rhapsody e autori di una trascinante e coinvolgente esibizione, almeno per quei pochi che c’erano ad ascoltarli (peccato!). Punti di forza del loro concerto sono stati senza dubbio la grande performance del singer Lodovico Rossi, dotato di un’eccellente estensione vocalica, e la bravura del chitarrista Giovanni Nardi (i due superstiti tra i membri fondatori del gruppo), ben coadiuvati dai quattro nuovi arrivati: il bassista Marco Bonatti, il tastierista Francesco (Iron) Ferrini, il drummer Niccolò Franchi ed il chitarrista Tommaso Riccardi. L’ insolita origine greca del loro monicker rimanda ad un concetto di indivisibilità, unione, dimostrata pienamente sul palco, dove sono apparsi molto affiatati. Gli ATEMNO nell’agosto del 2001 hanno suonato come opening-acts degli Exawatt e dei Domine al Metal-Fest di Umbertide e nel marzo di quest’anno hanno partecipato ad alcune date del tour italiano dei Seven Gates. Nella loro esibizione al Centro Sportivo Comunale di Montegabbione hanno alternato dei loro brani, interessanti, elaborati e di notevole lunghezza, con delle entusiasmanti cover, tra cui sono da segnalare “Eyes of the stranger” dei Queensrÿche, “The final countdown” degli Europe, in una versione rivisitata e più potente dell’originale, ed un’impeccabile esecuzione dell’anthem maideniano “The trooper”, con significativi assoli chitarristici: molto bravi! Complimenti! Forse a causa dello stridente contrasto musicale con gli ATEMNO, ho seguito piuttosto distrattamente (sorry!) il gig dei VIRGO LIVE, esibitisi dopo di loro, dediti ad un rock psichedelico cantato in italiano che punta molto sull’impatto scenografico e su, a parer mio, un’eccessiva dose di sperimentazione, e che hanno proposto anche cover di Afterhours e Marlene Kuntz (di quest’ultimi notevole “Festa mesta”, brano finale della serata). Riguardo alla loro esibizione, ho apprezzato sicuramente la performance del chitarrista, letteralmente scatenato e saltellante sul palco, ma solo parzialmente quella del cantante, più convincente a mio avviso nelle songs più aggressive del loro repertorio che in quelle slow d’atmosfera. Il programma di venerdì 27 prevedeva come primo gruppo gli ELECTROSHOCK, la nuova formazione del chitarrista locale Luca Barbanera, alla cui performance purtroppo non ho avuto il tempo d’assistere personalmente (chiedo venia). Mi è stato riferito da un batterista locale che il combo in questione ha presentato, riguardo alle proprie tracks, una proposta musicale sulla falsariga dei Linea 77, oltre a cover dei Metallica (“For whom the bells tolls”) e dei System of down. Ho invece avuto il piacere d’assistere all’eccellente esibizione degli orvietani GERICO, che si sono formati alla fine del 1991 e suonano un rock italiano influenzato dal progressive anni ’70 e caratterizzato dalla presenza di una splendida voce femminile (Sofia), come i connazionali Presence. Questo gruppo umbro ha alle spalle una lunga esperienza live e la realizzazione di numerosi demos: molto interessanti le loro composizioni alternate a cover dei Dreamtheater (e non poteva essere altrimenti!), tra cui è stata significativa l’esecuzione della classica e potente “Pull me under”. Certamente tutti i brani da loro eseguiti rivelano un’ ottima tecnica di base. Gli altri membri sono Davide (gtr., vox), Roberto (gtr.), Marco Monetini (bs.), Gianmarco (dr.) e Salvatore (Sasi) Bonomo (ks), quest’ultimo sostituito in quest’occasione dal session-man Luca. Terza formazione della serata la STIX BAND, capeggiata dal navigato ed esperto batterista Marco Pellegrini, che ha ottenuto giustamente il consueto successo di pubblico, convenuto numeroso almeno a quest’appuntamento live. Il combo ha offerto l’abituale ed impeccabile performance musicale (ho già assistito in varie occasioni ai loro gig), arricchita dalla qualità e dalla bravura della vocalist, del guitar hero, che suonava una magnifica e speciale Fender acquistata negli States, e, ovviamente, del drummer osannato a ragione dalla folla, a cui ha dedicato il puntuale ed esaltante drum solo. In dettaglio, all’interno del loro repertorio rock classico, sono state da me particolarmente apprezzate in primis le due cover dei Guns N’Roses, “Paradise City” e “Live and let die”, il classico d’ogni tempo “Smoke on the water” dei mitici Deep Purple, la splendida “If you love somebody” di Sting e la travolgente “Jump” dei Van Halen. Da segnalare anche la presenza di Stefanelli, il percussionista di Paolo Belli, che in alcuni brani si è esibito insieme alla band di Marco come special guest. Una grande serata con un grande pubblico, degno (più o meno) della manifestazione! Sabato 28 altri tre gruppi: gli E+, i ficullesi GERBENA al posto dei previsti ATMOSPHERA, che hanno dato forfait, e i MOHAVES. I primi sono un trio: chitarra e voce-basso-batteria, formatisi di recente (da 6 mesi circa), che propongono un rock standard impreziosito dalla gran voce del chitarrista, con canzoni proprie, cantate parte in italiano parte in inglese, e con le cover di “Yellow” dei Coldplay e di “Time is running out” dei Muse, ben eseguite. Un’ottima figura fanno gli inattesi GERBENA, sostenuti da un gruppo di fan al seguito, che presentano un repertorio rock molto vario, iniziando subito a spron battuto con una travolgente cover dei Meganoidi (“Meganoidi”), passando per una dei Doors (“Love me two times”) e due classici degli intramontabili AC DC (“You shook me all night long” ed “Hells bells”), e terminando la loro perfetta esibizione con tre significativi e potenti cavalli di battaglia dell’heavy metal: “For whom the bells tolls” dei Metallica, “Wrathchild” degli inossidabili Maiden ed addirittura la mitica e maestosa “War pigs” della super-band per eccellenza, i grandi Black Sabbath, quelli del vecchio Ozzy. Superato l’inconveniente fastidioso di una corda saltata ad uno dei due chitarristi (Claudio Dini), il quintetto ficullese ha suonato molto bene (provano insieme da due anni), senza sbavature, ed è stato sostenuto dall’ottima performance del simpatico cantante Daniele Mezzoprete. Gli altri membri sono Daniele Delfino (gtr.), Mattia Ciuchi (bs.) e David Mollichella (dr.). Chiudono la serata alla grande i MOHAVES di Torgiano, una cover-band di rock-blues coi fiocchi: perfette esecuzioni, un sound ed un’attitudine deliziosamente retrò anni ’60-’70 (per es. Beatles, Rolling Stones, Lynyrd Skynyrd, ma anche un originale medley “Born to be wild” degli Steppenwolf-“Diavolo in me” di Zucchero, nonché “Il mio nome è mai più” di Liga-Jova-Pelù), un grande, resistente ed adrenalinico singer (Riccardo ‘Chapel’ Torresi), un vero ‘animale da palco’ sempre in movimento e pronto a trasmettere energia, emozioni e vibrazioni positive (certo, se fossero stati in molti a recepirle, sarebbe stato uno spettacolo più coinvolgente…), che ha suonato l’armonica a bocca in vari brani ed alla fine è saltato sul podio del batterista (Francesco ‘Albert’ Baglioni), per picchiare insieme con lui sui tamburi, fischiando a tutto spiano con un fischietto da arbitro. Gran finale poi con una prolungata ed improvvisata funky-jam session di una stravolta ed irriconoscibile “Overdose d’amore” (sempre di Zucchero) per un bel gruppo dal notevole impatto emozionale. Gli altri MOHAVES (che prendono il nome dal titolo del n.144 di Tex) sono Alessandro ‘Stevie’ Fico (gtr.), Tommaso ‘Twenty-one’ Bifani (bs) e Alessandro ‘Moscatella’ Baglioni (ks). Bravi e grazie a tutte le band che si sono esibite! Arrivederci all’anno prossimo, spero… Per contatti ed info su alcuni dei suddetti gruppi: ATEMNO: www.atemno.com (sito in fase di aggiornamento), mail: heavyalby@libero.it, nardg8@yahoo.it; GERICO: www.gericoweb.it, mail: info@gericoweb.it, marco@gericoweb.it; MOHAVES: www.mohaves.tk(un sito molto interessante!), mail: mohaves@email.it; GERBENA: sigaro7611761@inwind.it, daniele_delfino@libero.it, junxibus@yahoo.it; Stix Drum Center & Music School: www.stix.it, mail: stix@stix.it.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 ottobre

Vittorio compie cento anni. Auguri "uomo silenzioso, umile e con un grande cuore"

Il vento mi ha detto

Linux Day 2016. Dodicesima giornata orvietana dedicata al sistema operativo GNU Linux

Partenza con il botto per la Vetrya Orvieto Basket

Orvieto Fc si impone sul campo di Spello contro i Grifoni

Il popolo italiano unito per il No (primo paragrafo)

Orvietana in palla, niente da fare per il Ducato

Piloti orvietani in evidenza, stagione ad alti livelli

In arrivo 1,4 milioni di euro per il centro storico. Soddisfazione dell'amministrazione comunale

Prosegue il programma di sostituzione dei contatori dell'acqua obsoleti

Umbrex a Orvieto. Il circuito di credito commerciale che facilita gli scambi tra aziende, professionisti e organizzazioni

"Corso introduttivo per assaggiatori di olio di oliva", ecco le tappe del viaggio

L'intervento del Comitato per l'Acqua Pubblica dell'Orvietano

Vetrya e Università della Tuscia: formazione 4.0 per gli studenti del corso Marketing e Qualità

Dall'Ohio a Lugnano, una famiglia statunitense adotta alcuni ulivi della collezione mondiale

Tari, il Comune di Alviano vara sgravi per le famiglie meno abbienti

E mi chiedevo nella luce del sole

Inaugurato il nuovo campo sportivo. Gli auguri di Leonardo Bonucci, l'apprezzamento della FIGC

"Destination Wedding: Orvieto città per gli sposi". Il giorno più bello parte dall'ex Chiesa di San Giacomo

Azzurra Ceprini Orvieto. Con Empoli si decide tutto all'ultimo minuto

"Teatri Aperti" tra visite guidate ed eventi gratuiti. Ecco dove l'arte dà spettacolo

Corsi di formazione gratuiti e tirocini retribuiti con il programma delle politiche del lavoro della Regione

Thyssen. Ferma la risposta dei Sindacati all'Antitrust Ue: "no a spacchettamento Ast"

Ast Terni. Il Consiglio provinciale approva un ordine del giorno a sostegno della vertenza

Ast Terni. Anche Orvieto sostiene l'integrità del polo, approvato un ordine del giorno in consiglio

Ast Terni. Presidente Polli: "Il governo ha condiviso le posizioni di istituzioni e sindacati"

Ast Terni. Presidente Marini: "Il Governo ha fatto propria la nostra richiesta di mantenere l'integrità del sito"

Fisar. Non solo a Orvieto per diffondere e promuovere il buon bere e il bere consapevole

Tk-Ast Terni. Decisiva la mobilitazione dei lavoratori, Outokumpu cambia strategia e vende tutto insieme

Ast Terni. Polli: "L'apertura di Outokumpu è importante, ora lavorare uniti"

L'assessore regionale Rometti incontra i pendolari e fa il punto della situazione

Il sindaco di Fabro Maurizio Terzino è stato ricevuto a Roma dall'ambasciatore del Marocco

"... A tutto palco", la nuova stagione del Santa Cristina di Porano

Giubileo Eucaristico 2013/2014. Incontro tra Mons. Tuzia e i comuni di Bolsena, Orvieto e Todi

Screening su prevenzione e salute del cavo orale nei bambini di 6 e 12 anni dell'Orvietano. Buoni i risultati

A Allerona la XXII° Mostra Micologica Interregionale dal 20 al 23 ottobre

Orvieto piacevolmente invasa dalle riprese cinematografiche di "Buongiorno Papà"

Riordino istituzionale dell'Umbria. Consiglio comunale urgente convocato per sabato 20 ottobre

La Compagnia Mastro Titta torna al Mancinelli con Hello Dolly

Meteo

martedì 17 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 19.1ºC 51% buona direzione vento
15:00 23.0ºC 33% buona direzione vento
21:00 11.7ºC 75% buona direzione vento
mercoledì 18 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 16.4ºC 58% buona direzione vento
15:00 21.7ºC 33% buona direzione vento
21:00 10.8ºC 76% buona direzione vento
giovedì 19 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 16.3ºC 55% buona direzione vento
15:00 21.1ºC 37% buona direzione vento
21:00 10.9ºC 80% buona direzione vento
venerdì 20 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 16.7ºC 57% buona direzione vento
15:00 21.0ºC 35% buona direzione vento
21:00 11.5ºC 74% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni