cultura

Mastro Titta, il boia per eccellenza

sabato 22 febbraio 2003
Ai tempi in cui la città era governata dai papi (cioè dal Papa Re), fino al 1870, le pubbliche esecuzioni erano uno degli spettacoli preferiti dal popolino, che trovava questa pratica ripugnante non solo di proprio gradimento, ma addirittura portava con sé i figli ad assistere all'evento a mo' di strumento educativo, come in seguito verrà detto. Le leggi pontificie, una commistione di codice civile e religioso, erano tanto rigide con il popolo e con i liberali quanto erano permissive con la nobiltà, specialmente se di appartenenza a famiglie che annoveravano fra i loro membri uno o più vescovi o cardinali, i quali a quei tempi rappresentavano il "sistema": giudici, ministri, persino il capo della polizia, appartenevano tutti al clero.

Dal 1796 al 1864, a mettere in atto le alquanto frequenti esecuzioni, a Roma operò un uomo solo, Giovanni Battista Bugatti, il cui nomignolo mastro Titta divenne leggendario: nel corso di un'attività durata 70 anni, mise in atto 516 condanne (o giustizie, come si chiamavano allora). È da lui che il termine "mastro Titta" cominciò ad essere usato a Roma come sinonimo di boia, tanto per i molti che lo precedettero quanto per i pochi che seguirono.

Pur professando uno dei mestieri più orribili, mastro Titta faceva il suo dovere con distacco. Talvolta era uso offrire ai condannati un'ultima presa di tabacco, quasi a voler dire loro "non ve la prendete con me se oggi vi trovate qui", o "coraggio: non ci vorrà molto tempo, farò un bel lavoro". Insomma, non svolgeva quell'attività per piacere, ma poiché qualcuno doveva pur farlo... ce la metteva tutta per fare del suo meglio!

Mastro Titta viveva di un lavoro ufficiale: era verniciatore d'ombrelli, un'attività per la quale possedeva una bottega sotto casa, nel quartiere di Borgo, sulla sponda occidentale del Tevere, non distante dai palazzi pontifici. Infatti, a causa del suo secondo "lavoro" occasionale, a salvaguardia della sua stessa incolumità, non poteva accedere al centro della città (sulla sponda opposta del Tevere) se non per il ben noto motivo ufficiale: quando si diceva mastro Titta passa ponte, significava che qualcuno stava per rimetterci la testa.

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 maggio

Arriva l'Annuario Scolastico 2016/2017. Per ricordare su carta, ai tempi dei social

Ladri scatenati, fanno razzia all'Euronics di Porta d'Orvieto

Sacrilego io?

"Giù le mani dalla nostra terra!". In difesa di Umbria, Lazio e Toscana

"Centri storici minori in Rete", Parrano alla Biennale dello Spazio Pubblico

Il consiglio comunale approva il rendiconto della gestione per l'esercizio 2016

A giugno riprendono gli scavi nell'area archeologica di Poggio Gramignano

Tra Matteo Solforati e la Zambelli Orvieto prosegue il rapporto

Omaggio a Ippolito Scalza. Una storia scritta nel marmo. Première del video documentario

L'opposizione spara a zero: "Opere pubbliche, flop della Giunta Germani"

Al CSCO iniziato il Corso di Formazione sulla salute globale

"Let's meeting!" a Fabro Scalo, arriva il meeting dei Centri di aggregazione giovanile della zona sociale 12

Ippica, il purosangue Time Chant tenta il bis al "Carlo D'Alessio"

Strade e Pulizia, rimpallo di competenze tra Comune e Provincia

Inquinamento acustico in Strada del Piano, chiesti provvedimenti urgenti

Interrogazione di Sacripanti (Gm) sull’incremento della presenza di cinghiali e richiesta di interventi urgenti

Strade pericolose, autovelox sull'Umbro Casentinese

Approvati dal Consiglio Comunale il Rendiconto di gestione dell’esercizio finanziario 2016 e la variazione al Bilancio di previsione 2017/2019

Contributo di costruzione: il Consiglio Comunale approva la parziale revisione di alcuni parametri applicativi del Regolamento Regionale

Approvata la modifica al Programma Triennale dei Lavori Pubblici

Migranti

Banca Popolare di Bari, costituito un fondo in favore dei Soci

"Di paesaggio in paesaggio", passeggiata letteraria per "Il Maggio dei Libri"

Storia finita

"Tra poesia e musica" al Teatro Comunale con i versi della poetessa Marita Bucci

Al Tuscia Film Fest 2017 scatta "L'Ora Legale" di Ficarra e Picone. A novembre torna l'IFF Berlin

Architettura dei Giardini, AgriCultura, Moda e Musica per il secondo giorno di "Todi Fiorita"

Sì del Comune al progetto "Dall'Idea al Mercato" avviato dalla Camera di Commercio di Terni

Passeggiata tra le lettere del centro storico, alla ri-scoperta della scrittura pubblica

Sotto l'albero con Susanna Tamaro, l'A.Ge. fa festa nel Paese delle Rose

Bilancio positivo per il secondo Talent Scout Stage, conto alla rovescia per il terzo

Zambelli Orvieto fermata in gara-due ad Arzano, si va allo spareggio

Supercar Show, tra i protagonisti anche il pilota Riccardo Nucci

Il fagiolo dall'occhietto di Collelungo nel catalogo delle cose buone

Conferenza con Paolo Bruschetti al Museo Archeologico Nazionale

Sulla questione rifiuti, la segreteria del PCdI legittima le affermazioni di Ciro Zeno

Continua la retrospettiva di Ennio Luzzi alla Galleria Falzacappa Benci

7° Memorial "Luca Coscioni". Orvieto nel circuito Grand Prix di Atletica Leggera

Girato a Bolsena con Pietro De Silva il primo videoclip dei Brahmanelporto

Gruppi di azionale locale umbri, sinergie per un nuovo sviluppo regionale

La Libr'Osteria "Le Sorgenti" ospita lo spettacolo "Cuba libre"

All'Hosteria di Villalba, trionfa la "Cucina con i fiori"

Alla biblioteca Fumi lo spazio dei giovani diventa "Sala Studio Luca Coscioni"

Caso quote Bpb, niente consiglio: dieci domande dei clienti agli amministratori comunali

Caso quote Bpb, si costituisce il Comitato dei risparmiatori

Caso quote Bpb, capigruppo e sindaco uniti nel fare chiarezza

Grazie Marco

Help Interferenze. Ecco come segnalare i problemi tra tv e rete di telefonia

Ai nastri di partenza la seconda edizione del "Festival dello Studente"

Alla scoperta delle orchidee nel bosco del Sasseto e della Riserva naturale Monte Rufeno

Si presentano i libri "Rondini per formiche" e "Prima di dirti addio"

Convento dei Frati Minori Cappuccini in festa per San Crispino