cronaca

Neonata di 8 mesi contagiata: “La madre lavora a Castel Giorgio”

martedì 24 marzo 2020
Neonata di 8 mesi contagiata: “La madre lavora a Castel Giorgio”

Tra gli ultimi 7 casi di positività al Covid-19 registrati nel comune di Acquapendente, quattro sarebbero collegati al caso di un paziente ospitato presso una casa di riposo protetta di Castel Giorgio.

La conferma, dopo che sia ad Acquapendente e soprattutto a Castel Giorgio si erano diffuse notizie di contagio, è arrivata dallo stesso sindaco del comune laziale, Angelo Ghinassi che in merito ai sette nuovi casi registrati nella sua comunità ha chiarito che ben quattro potrebbero fare riferimento alla struttura per anziani dell’Alfina.

“La bambina di 8 mesi è ad Acquapendente e la madre lavora a Castel Giorgio in una casa per anziani”, ha detto il sindaco Ghinassi facendo riferimento proprio al caso più emblematico, quello della neonata che con tutta probabilità potrebbe essere il primo caso italiano di contagio a pochi mesi dalla nascita. Lo stesso primo cittadino aquesiano ha poi confermato che altri due casi sono legati allo stesso ceppo di contagio, ovvero la struttura protetta di Castel Giorgio.

La notizia di un presunto caso di contagio di un paziente di una residenza protetta si era diffusa già da qualche giorno, prima che il 21 marzo il sindaco di Castel Giorgio, Andrea Garbini, in seguito alla comunicazione del primo residente positivo al Coronavirus, aveva annunciato che: “un altro contagio è stato confermato in modalità ufficiosa perché il soggetto non risulta residente nel nostro Comune. La persona era ospite presso una delle strutture sanitarie del nostro paese da giorni ricoverato presso l’ospedale di Terni Santa Maria”.

Dalla Usl Umbria 2 avevano prontamente fatto sapere che “Il servizio di Igiene Pubblica del Dipartimento di Prevenzione dell'Azienda Usl Umbria 2 ha adottato tutte le misure preventive per assistiti e operatori sanitari per evitare al massimo i contatti e ha previsto per tutti l'esecuzione del tampone per il Covid-19”.

Commenta su Facebook