cronaca

Orvieto dice addio a "Peppino" Carnevali

lunedì 25 marzo 2019
Orvieto dice addio a "Peppino" Carnevali

"Oggi mio padre Peppino ha fatto il suo ultimo salto in alto, ma è rimasto in cielo! Ciao Papà!". Così la figlia Alessandra ha comunicato alla città la scomparsa del padre Giuseppe Carnevali, per tutti da sempre "Peppino", campione italiano di salto in alto, socio fondatore del Panathlon Club Orvieto, portiere dell’Orvietana, maestro federale di tennis, tra gli atleti orvietani che portarono il nome di Orvieto a "Giochi senza frontiere". Una figura carismatica e benvoluta che nella mattinata di lunedì 25 marzo all'età di 85 anni ha lasciato orfano della sua ironia e del suo savoir faire il mondo dello sport e l'intera città.

Appresa la notizia, anche l’Amministrazione Comunale si è unita al cordoglio di un'intera città ed ha espresso vicinanza alle figlie, ai familiari e agli amici. "Pur non avendo ricordi personali di Giuseppe Carnevali - afferma la vicesindaco Cristina Croce - in queste ore, tra quanti lo hanno conosciuto, il suo ricordo suscita tante belle immagini non solo dell’atleta ma anche della persona, e persino di come era la nostra città alcuni decenni fà. Immagini non solo legate ai meriti sportivi ma ad esempio, a quel suo modo di essere insegnante di Educazione Fisica alle Scuole Medie.

Un insegnamento fatto di rigore, rapporto schietto con gli alunni (maschi, perché all’epoca era così!) e comunque sempre con semplicità, amicizia ed eleganza. Altri lo ricordano per la gestione del ‘Cinema Palazzo’ (al Palazzo del Popolo, quando nel solo centro storico c’erano tre sale da cinema che si contendevano le ‘prime visioni’); altri, invece, per quel suo modo di essere orvietano autentico, simpatico, capace di dare e ricevere amicizia. In questo modo, con gratitudine, vogliamo conservarne il ricordo che accomuna varie generazioni di orvietani”.  

I funerali avranno luogo martedì 26 marzo alle 15 nella Chiesa Parrocchiale di Sant'Andrea.

Al ricordo, sincero, di Peppino si unisce con affetto anche la redazione di Orvietonews.it       

 

Commenta su Facebook