cronaca

Condannato a 26 anni per omicidio, espulso appena uscito dal carcere

martedì 5 febbraio 2019
Condannato a 26 anni per omicidio, espulso appena uscito dal carcere

Era stato ritenuto responsabile di omicidio volontario e condannato a 26 anni di reclusione per aver provocato, insieme ad un complice, la notte del 24 luglio 2000, la morte di due militari della Guardia di Finanza e di tre curdi, lanciando il gommone che guidava contro una motovedetta che stava tentando di impedire uno sbarco clandestino.

Nella mattina di martedì 5 febbraio, all’uscita del carcere di Orvieto, l’albanese, che aveva anche fornito false generalità al momento dell’arresto, non ha avuto nemmeno il tempo di assaporare la ritrovata libertà, che è stato subito trattenuto dalla Polizia di Stato e portato all’Ufficio Immigrazione della Questura, dove gli è stato notificato il provvedimento di espulsione dal territorio nazionale.

L'uomo si trova ora al Centro di Permanenza e Rimpatrio di Potenza in attesa del primo volo utile per il suo Paese. Quella notte, a bordo della motovedetta, c'erano quattro militari, che nell’urto con il gommone – al quale gli scafisti albanesi, per evitare la cattura, avevano bloccato i comandi prima di fuggire – erano stati sbalzati in acqua; due di loro, erano riusciti a salvarsi, ma gli altri due, Salvatore De Rosa e Daniele Zoccola, erano rimasti uccisi, insieme a tre curdi che non erano riusciti a sbarcare.

I due albanesi accusati di essere alla guida del gommone furono arrestati alcune ore dopo la collisione. Sorpresi mentre a piedi percorrevano una strada della penisola salentina, a poca distanza dalla costa, vennero indicati come gli scafisti killer dai curdi che erano sul gommone e che erano stati soccorsi dai militari dopo la collisione.

Commenta su Facebook

Accadeva il 15 febbraio

Le Velette e Il Botto, nuova escursione ed assemblea dei soci per il CAI di Orvieto

Italia Nostra solleva il caso sul rifacimento delle facciate in piazza Duomo

Nella Cripta del Santo Sepolcro. Dall'articolo su "MedioEvo" alle riflessioni in biblioteca

"Scoperte di Gusto", il calendario della seconda edizione

"Incredibili Ars e Arpat, sulla geotermia tirano dritti come nulla fosse"

Rubinetti a secco a Ciconia, sospensione dell'erogazione idrica dalle 22 alle 7

Corso di distillazione delle piante aromatiche ed officinali. Teoria e pratica a Villa Paolina

Collina e sole

L'opposta Elisa Mezzasoma felice per il primo posto della Zambelli Orvieto

Al Teatro Boni Seven Cults porta in scena "Maria Stuarda. Le donne e il potere"

"La Gazza Ladra" di Rossini apre il ciclo di ascolti "Nonsololirica in Sala Eufonica"

Il reparto manutenzioni del Comune si rafforza, in arrivo più mezzi e personale

Karate, 576 atleti in gara a Orvieto. Qualificazioni provinciali del Comitato FIK Viterbo

Nasce il "Circolo Arci Bene Comune Porano". Festa del tesseramento in Via Petrarca

Presentazione bandi regionali per le aziende. Incontro pubblico per micro, piccole e medie imprese

Il Cannara alza la voce, l'Orvietana fuori dalla Coppa

58° Charter Night del Lions Club di Orvieto, nuovi soci e rinnovati impegni

Corteo, la proposta di Ettore della Casa: "Rifare lo Statuto e abolire il collegio dei Decani"

Doppio gioco

A scuola con il tablet. Beneficiano dei vantaggi gli alunni della Primaria e Secondaria di primo grado

Giallo di San Valentino. Indagini non escludono nessuna pista: disposta autopsia sulla 17enne

Sull'Alfina ritorna il sorriso per il Castel Giorgio Volley

Presente e futuro dell'ospedale di Acquapendente a 15 mesi dalla riapertura