cronaca

Il sindaco di Chiusi denuncia "Il Riccio" per intimidazione

mercoledì 24 ottobre 2018
Il sindaco di Chiusi denuncia "Il Riccio" per intimidazione

L'Associazione di salvaguardia ambientale "Il Riccio" prende atto, con sbigottimento, che Juri Bettollini, sindaco di Chiusi avrebbe presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Siena, rilevando come "intimidatorio" il legittimo sollecito ad avere un riscontro all'istanza, inviata in data 8 agosto 2018, che richiedeva l'inclusione dell'Associazione nei procedimenti decisionali che riguardano le proposte progettuali di Acea nel complesso immobiliare denominato "Ex Centro Carni di Chiusi", ed in difetto della quale, la scrivente Associazione, avrebbe fatto segnalazione all'ANAC (Autorità Nazionale Anti Corruzione).

Ricordiamo che la normativa prevede una tempistica di trenta giorni dalla ricezione dell'istanza, entro il quale il Comune della Città di Chiusi avrebbe dovuto quantomeno esporre le ragioni di un ritardo/silenzio che, al contrario invece, si è protratto per ben settantacinque (75) giorni.
Nella mail che il Sindaco ha inviato all'Associazione, con in copia il Procuratore Capo della Repubblica di Siena, il primo cittadino, in aggiunta al reato di minaccia (art.612 del c.p.), ravvede altresì per le mail inviate al protocollo del Comune, due ad agosto ed una ad ottobre, il reato di cui all'art. 340 del c.p., ovvero una condotta interruttiva o turbativa della regolarità del funzionamento dell'ufficio o servizio pubblico nel suo complesso.

"Il Riccio" ritiene di essersi sempre mosso nel completo rispetto della legalità, e di non aver mai ostacolato la pubblica amministrazione ma, al contrario, ha sempre avuto ed ha come obiettivo quello di servire l'interesse pubblico e lo stimolare una partecipazione attiva alla vita civica del territorio, ivi compreso il sollecitare la P.A. circa le conseguenze, in termini di responsabilità, di un  mancata risposta nei termini di legge. Questo atto del sindaco della Città di Chiusi viene visto anche dal WWF Perugia, che agisce di concerto all'Associazione "Il Riccio", come tentativo intimidatorio che potrebbe assumere anche rilievo penale, pertanto le suddette Associazioni ambientaliste si riservano ogni azione al fine di tutelare l'interesse pubblico alla partecipazione nei procedimenti autorizzativi in materia ambientale, affinché condotte così gravi non abbiano più a ripetersi in spregio alla normativa comunitaria e nazionale.

Fonte: Il Riccio

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 febbraio

Giulio Scarpati all'Unitre. Con Valeria Solarino al Mancinelli per "Una giornata particolare"

Cede una porzione di muro, tecnici della Provincia al lavoro sulla SP 31

Ultima settimana di scuola aperta all'Istituto Artistico, Classico e Professionale

Al Palazzo del Gusto, corso di qualificazione professionale per sommelier Ais

Final Four Under 18 Eccellenza, la finale sarà Ellera-Todi

Anteas e Gruppo Famiglie Parrocchia S.Anna promuovono l'incontro "Invecchiare bene"

Lancia una bottiglia contro il muro del commissariato, denunciato un 37enne

Anche il Comune di San Venanzo aderisce a "M'illumino di meno"

Visite guidate a "San Giovenale. La chiesa e il quartiere nell'Orvieto medioevale"

Provincia, la Rsu chiede certezza su servizi, personale e bilancio

Emanuele Carelli presenta la raccolta di poesie "Celeste come i cieli"

Ridistribuite le deleghe, fino a nuove determinazioni

Il Tar conferma l'aumento della litigiosità tra cittadino e pubblica amministrazione

Campo da calcio di Ciconia "in abbandono", la Uisp fornisce chiarimenti

Proposta di legge sull'ambiente, prosegue in tutta l'Umbria la raccolta firme

A "Cinema intorno al mondo", è la volta di "Lagos. Notes of a city"

Vinti: "Le dimissioni scoperchiano la pentola del conflitto interno al Pd"

Tecnici Enel al lavoro, traffico interrotto in Via Magalotti

Umbria e Orvieto protagoniste a Praga. Intensa l'attività per rafforzare relazioni e progetti

Comune spento per "M'illumino di meno". Gli interventi per razionalizzare i consumi energetici

Presentato in Regione il volume "Umbria, paesaggi in divenire 1954/2014"