cronaca

In 40mila a Marta per vedere le apparizioni della Madonna

lunedì 23 febbraio 2015
di Roberto Pomi - www.lafune.eu
In 40mila a Marta per vedere le apparizioni della Madonna

La storia che vi raccontiamo ha dell’incredibile. Un qualcosa di forte, che ha a che fare con la fede, sulle rive del lago di Bolsena. Un luogo che ha visto nei decenni passati migliaia di fedeli entrare in una piccola grotta a Marta. A raccontarla è l'amico, Roberto Pomi, giornalista viterbese de La Fune e colonna dei Funamboli, il trio radiofonico che anima le trasmissioni Radio Verde. 

La grotta di cui stiamo parlando - racconta Roberto dalle colonne de La Fune - è detta “delle apparizioni” e ha a che fare con la devozione mariana. Tutto ha avuto inizio nel maggio del 1948, il 19 maggio per la precisione. Persino il presidente del consiglio Alcide De Gasperi era a conoscenza di queste apparizioni e vennero a testimoniarlo tanti giornalisti. Questo fece del piccolo paesino di Marta un luogo di pellegrinaggio.

Le prime ad avere queste apparizioni furono tre bambine di nome Maria Antonietta, Ivana e Brunilde, le quali andarono in estasi vedendo la Madonna. Esiste un libro, ‘Apparizioni di Marta’, scritto da Mario Prugnoli, che racconta tutti i fatti accaduti.

La prima apparizione Il 19 maggio 1948 le tre bambine, di 9 anni, una volta uscite di scuola alle ore 12 (allora si tornava a scuola anche di pomeriggio), decisero di andare, appena pranzato, a cogliere i fiori in campagna per la processione del Corpus Domini. Le loro mamme, però, dissero loro che avevano sbagliato giorno in quanto la processione ci sarebbe stata giovedì prossimo e non il giovedì della settimana in corso.

Allora le bambine pensarono di portare i fiori in una cantina, così si sarebbero mantenuti al fresco, e posarono il canestro di fiori in fondo.
Improvvisamente le tre bambine videro una luce fortissima con in fondo un quadro raffigurante la Madonna e Gesù Bambino in braccio. Erano le 13,30.

Le bambine uscirono sbalordite e commosse dalla visione e gridarono “Abbiamo visto la Madonna”, e così tutti i vicini accorsero e quando fu sera tutti i paesani andarono a visitare la cantina dell’apparizione.

In tantissimi a Marta attirati dal fenomeno Il giorno dopo ci volle addirittura la forza pubblica per mettere ordine alla folla che aumentava sempre più. Anche molti visitatori ebbero varie visioni: c’era chi vedeva una luce, chi la Madonna, chi San Giuseppe, chi anime dei trapassati e chi, invece, vedeva sia la Madonna che il demonio.

Queste cose succedevano ormai a persone di Marta ma anche a quelle dei paesi limitrofi come Capodimonte, Montefiascone, Valentano, Tuscania, Bagnaia etc. Per mettere maggior ordine, a qualche giorno dalla prima apparizione, i carabinieri decisero di far entrare 15 persone alla volta, e fu messo un telo a mo’ di porta affinché ci fosse il buio nella cantina, ma poco dopo fu tolto perché le apparizioni avvenivano sia all’interno che all’esterno della Grotta, in pieno giorno. L’evento fu talmente clamoroso che ci furono anche visitatori stranieri.

40mila persone a Marta in un giorno Uno dei primi a vedere, in estasi, la Madonna fu Orlando Maurizi, al quale la Madonna disse che all’indomani si sarebbero verificati due miracoli. A questa notizia si costituì una commissione di controllo formata da un frate cappuccino, l’allora parroco di Marta don Liberato Tarquini, le autorità di Marta e quelle della provincia. Venuta l’ora dei miracoli, il 22 maggio 1948, la commissione si riunì attorno al veggente Maurizi, in estasi.

Poco dopo avvenne il miracolo: una bambina che aveva un male incurabile ad un braccio, guarì come d’incanto. Il frate cappuccino, però, non credette inizialmente a tutto ciò, aveva visto un solo miracolo dei due previsti e, salendo su un balcone di una casa posta di fronte alla grotta, iniziò a dire alla folla che non era vero niente e che la Madonna non era apparsa a nessuno.

Ma proprio in quel momento il sole cominciò a roteare diventando di mille colori e fu visto da tutti i presenti che in coro gridarono “Viva Maria”.
Il povero frate rimase sbigottito, e rivoltosi di nuovo alla folla disse “Fratelli, scusatemi se ho sbagliato, aspettiamo quello che Dio vorrà e se son rose fioriranno”. Dai giornali si apprese che quel giorno a Marta assistettero ai due miracoli circa 40.000 persone, e di queste, mentre il sole roteava, qualcuno vide la Madonna volare in cielo.

Un luogo non riconosciuto dalla Chiesa e la veggenza di Medjugorje Da quel momento la Madonna non finì più di elargire grazie di ogni specie. Ci furono anche nuovi veggenti. Ma, benché si verificassero miracoli così tangibili, non mancarono le malelingue, quelle che non ammettevano la veridicità degli avvenimenti. Il clero disse addirittura che si trattava di fatti diabolici. Però i credenti hanno continuato a pregare nella grotta, che era sempre piena di gente anche durante il mese di giugno nonostante la mietitura fosse già cominciata.


Sempre qua, tempo dopo, nel settembre 1962, il 65enne Concetto Moretti, che non ha ricevuto alcuna istruzione e che addirittura era analfabeta, una volta con una candela accesa fece cadere a terra delle gocce di cera e disegnò una bella chiesa dicendo che sarebbe poi stata costruita in futuro, in un luogo dove la Madonna sarebbe apparsa e avrebbe concesso tante grazie e conversioni, ed è infatti sorta a Medjugorje, identica al disegno di Moretti.

La grotta è sempre aperta, giorno e notte, con libero accesso per tutti. Ogni giorno, alle ore 15, vi vengono eseguite le caratteristiche preghiere mariane e il Rosario.

Tuttavia la grotta, almeno per il momento, non è considerata ufficialmente dalla Chiesa come luogo di culto per il fatto che non ha mai riconosciuto queste apparizioni, nonostante i tanti miracoli avvenuti, le varie apparizioni della Madonna e le tante persone che ogni giorno ci vanno a pregare.
La Grotta è posizionata all’incrocio tra via Verentana e via Capodimonte, sottostante alla torre dell’orologio.

 

Fonte www.lafune.eu

 

 

Pubblicato da Piero Cambi il 24 febbraio 2015 alle ore 10:13
Nel 1948, avevo 21 anni. Anche a Orvieto arrivò questa notizia.Preso dalla curiosità feci quei 40 kilometri, con la bicicletta a motore (cucciolo), che avevo acquistato da poco. Trovai tanta gente che pregava , ma sinceramente , io non vidi niente. Mi commossi nel vedere tanta gente, uomini e donne , che pregavano intensamente. Uso la stessa definizione che usai in un filmato , che feci, su Mdyugorje,
“ PER CHI CREDE E PER CHI NON CREDE, QUESTA E’….MARTA”

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 marzo

Giuseppina Mellace presenta il libro "Delitti e stragi dell'Italia fascista dal 1922 al 1945"

Il Liceo Artistico va a scuola di benessere. Fra orti sinergici, laboratori integrati e Zen

Intorno alla Rupe cresce l'economia della Grande muraglia, in molti vogliono vendere ai cinesi

Bambini sotto shock per l’attentato. Come aiutarli?

Urla, polemiche e promesse: dibattito e voto in Regione su Le Crete

A Collevalenza la 34esima rappresentazione della Via Crucis

Pasqua a Lugnano in Teverina, tutti gli appuntamenti

Politica dei rifiuti o degli assensi?

Azienda Usl Umbria 2, nessuna riduzione o sospensione dei servizi durante le festività pasquali

Controlli rafforzati per il ponte di Pasqua. Arresti, denunce e allontanamenti

Anche la sezione primavera "L'Altalena" all'Ovo Pinto di Civitella del Lago

Psr Umbria 2014-2020: oltre 48milioni di euro per sviluppo locale

Maxi-concorso regione, prova preselettiva tra i 31.909 candidati

Mettere un freno all'accattonaggio, la Lega Nord chiede maggiori controlli

Partito il ciclo di conferenze su Bartolomeo di Alviano

Elisabetta Antonini e Marcella Carboni al Tuscia in Jazz con il loro progetto Nuance

72 anni fa l'eccidio dei Sette Martiri di Camorena, Orvieto li ricorda così

Anas: 4,5 milioni di euro in tre anni per la manutenzione ordinaria delle strade statali dell'Umbria

"Appendere...ad Arte". Mostra nell'ex chiesa di San Giacomo Maggiore

Servizio interforze per contrastare micro-criminalità, commercio abusivo e accattonaggio molesto

Anche la Cia è contraria all'ampliamento della discarica: "La Regione riveda le sue posizioni"

Pizze di Pasqua, i premiati della 14esima edizione. Degustazioni e solidarietà

Eccidio di Camorena, le iniziative del Centro di documentazione popolare

Geotermia e biomasse, il consiglio comunale dice no

Ripartire dall'olivicoltura per promuovere il territorio

Puc 3. Sì della giunta ai bandi per interventi di edilizia residenziale e attività produttive

"Netland". Alla sala polivalente, c'è l'assemblea informativa sul Puc 3

Al Teatro dei Rustici la Compagnia "Un Sacco DiVersi" presenta "Come d'autunno"

I pendolari di Orte pronti a manifestare contro la soppressione dell'Ic 598

I Porti della Teverina. Al Teatro dei Calanchi di Lubriano "I nuovi lineamenti delle mafie"

Dopo Fabio Bistoncini, il Cenacolo del Csco propone un incontro sull'educazione finanziaria

Lo Sportello d'Ascolto Integrato lancia una campagna di sensibilizzazione contro lo stalking

Energia elettrica interrotta. Restyling delle cabine Enel in località Padella e Poggente

Biomasse. Terzino replica al comitato e annuncia un incontro con i sindaci dell'alto Orvietano

"Con i cittadini per Castel Giorgio": "Lo chiedevamo da più di due anni"

"Prima di tutto Castel Giorgio": "Salvaguardia del territorio e mancanza di condivisione delle scelte amministrative"

Orvieto dice sì al Centro di ricerca e formazione per la salute e l'alimentazione

Lavezzini Parma vs Azzurra Ceprini Orvieto: 64 a 55. Mercoledì a Cagliari e sabato si chiude a Porano contro Umbertide.

Chi è chi. Antonio Amatulli, tecnico esperto ma soprattutto amico vero di Azzurra

Quando il destino si diverte ad intrecciare un'esistenza con un territorio

Al San Giovanni presentazione del Progetto Farsiccia e Consumer Test

L'Orvieto Basket fa 2 su 2, battuto anche Rieti

Sei patenti ritirate dai carabinieri per abuso di alcool e droga

Torna l'iniziativa "L'insalata della nonna" dedicato alle erbe spontanee mangerecce

Eolico sul Peglia. La Provincia replica a De Sio: "Nessuna norma elusa"

Catena di solidarietà dei dipendenti Enel per donare il sangue

Con la rassegna "Amarcord" la Montegabbione del passato rivive nei filmati amatoriali

Preadottato il nuovo calendario venatorio. Si parte il 2 settembre

"Primavera e poesia" al Caffè del Teatro con i Lettori Portatili

Al Mancinelli per "Visioni di futuro" Pannelli e Tagliabue portano in scena "A slow air"

Itw Lkw accanto a Legambiente e Kyoto Club per discutere di geotermia come sviluppo

Falsa inaugurazione? Luciani (Identità e Territorio) interroga la giunta sulla nuova sala operatoria

Il business dell'oro rubato fruttava 4 milioni l'anno. Manette anche nell'Orvietano

Meteo

venerdì 24 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento

--

--

--

--

--

--

15:00 20.1ºC 44% buona direzione vento
21:00 11.5ºC 81% buona direzione vento
sabato 25 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 17.5ºC 62% buona direzione vento
15:00 20.2ºC 43% buona direzione vento
21:00 11.3ºC 87% buona direzione vento
domenica 26 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 12.7ºC 60% buona direzione vento
15:00 14.9ºC 42% buona direzione vento
21:00 8.9ºC 86% buona direzione vento
lunedì 27 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.3ºC 52% buona direzione vento
15:00 11.0ºC 38% buona direzione vento
21:00 3.6ºC 68% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni