cronaca

In 40mila a Marta per vedere le apparizioni della Madonna

lunedì 23 febbraio 2015
di Roberto Pomi - www.lafune.eu
In 40mila a Marta per vedere le apparizioni della Madonna

La storia che vi raccontiamo ha dell’incredibile. Un qualcosa di forte, che ha a che fare con la fede, sulle rive del lago di Bolsena. Un luogo che ha visto nei decenni passati migliaia di fedeli entrare in una piccola grotta a Marta. A raccontarla è l'amico, Roberto Pomi, giornalista viterbese de La Fune e colonna dei Funamboli, il trio radiofonico che anima le trasmissioni Radio Verde. 

La grotta di cui stiamo parlando - racconta Roberto dalle colonne de La Fune - è detta “delle apparizioni” e ha a che fare con la devozione mariana. Tutto ha avuto inizio nel maggio del 1948, il 19 maggio per la precisione. Persino il presidente del consiglio Alcide De Gasperi era a conoscenza di queste apparizioni e vennero a testimoniarlo tanti giornalisti. Questo fece del piccolo paesino di Marta un luogo di pellegrinaggio.

Le prime ad avere queste apparizioni furono tre bambine di nome Maria Antonietta, Ivana e Brunilde, le quali andarono in estasi vedendo la Madonna. Esiste un libro, ‘Apparizioni di Marta’, scritto da Mario Prugnoli, che racconta tutti i fatti accaduti.

La prima apparizione Il 19 maggio 1948 le tre bambine, di 9 anni, una volta uscite di scuola alle ore 12 (allora si tornava a scuola anche di pomeriggio), decisero di andare, appena pranzato, a cogliere i fiori in campagna per la processione del Corpus Domini. Le loro mamme, però, dissero loro che avevano sbagliato giorno in quanto la processione ci sarebbe stata giovedì prossimo e non il giovedì della settimana in corso.

Allora le bambine pensarono di portare i fiori in una cantina, così si sarebbero mantenuti al fresco, e posarono il canestro di fiori in fondo.
Improvvisamente le tre bambine videro una luce fortissima con in fondo un quadro raffigurante la Madonna e Gesù Bambino in braccio. Erano le 13,30.

Le bambine uscirono sbalordite e commosse dalla visione e gridarono “Abbiamo visto la Madonna”, e così tutti i vicini accorsero e quando fu sera tutti i paesani andarono a visitare la cantina dell’apparizione.

In tantissimi a Marta attirati dal fenomeno Il giorno dopo ci volle addirittura la forza pubblica per mettere ordine alla folla che aumentava sempre più. Anche molti visitatori ebbero varie visioni: c’era chi vedeva una luce, chi la Madonna, chi San Giuseppe, chi anime dei trapassati e chi, invece, vedeva sia la Madonna che il demonio.

Queste cose succedevano ormai a persone di Marta ma anche a quelle dei paesi limitrofi come Capodimonte, Montefiascone, Valentano, Tuscania, Bagnaia etc. Per mettere maggior ordine, a qualche giorno dalla prima apparizione, i carabinieri decisero di far entrare 15 persone alla volta, e fu messo un telo a mo’ di porta affinché ci fosse il buio nella cantina, ma poco dopo fu tolto perché le apparizioni avvenivano sia all’interno che all’esterno della Grotta, in pieno giorno. L’evento fu talmente clamoroso che ci furono anche visitatori stranieri.

40mila persone a Marta in un giorno Uno dei primi a vedere, in estasi, la Madonna fu Orlando Maurizi, al quale la Madonna disse che all’indomani si sarebbero verificati due miracoli. A questa notizia si costituì una commissione di controllo formata da un frate cappuccino, l’allora parroco di Marta don Liberato Tarquini, le autorità di Marta e quelle della provincia. Venuta l’ora dei miracoli, il 22 maggio 1948, la commissione si riunì attorno al veggente Maurizi, in estasi.

Poco dopo avvenne il miracolo: una bambina che aveva un male incurabile ad un braccio, guarì come d’incanto. Il frate cappuccino, però, non credette inizialmente a tutto ciò, aveva visto un solo miracolo dei due previsti e, salendo su un balcone di una casa posta di fronte alla grotta, iniziò a dire alla folla che non era vero niente e che la Madonna non era apparsa a nessuno.

Ma proprio in quel momento il sole cominciò a roteare diventando di mille colori e fu visto da tutti i presenti che in coro gridarono “Viva Maria”.
Il povero frate rimase sbigottito, e rivoltosi di nuovo alla folla disse “Fratelli, scusatemi se ho sbagliato, aspettiamo quello che Dio vorrà e se son rose fioriranno”. Dai giornali si apprese che quel giorno a Marta assistettero ai due miracoli circa 40.000 persone, e di queste, mentre il sole roteava, qualcuno vide la Madonna volare in cielo.

Un luogo non riconosciuto dalla Chiesa e la veggenza di Medjugorje Da quel momento la Madonna non finì più di elargire grazie di ogni specie. Ci furono anche nuovi veggenti. Ma, benché si verificassero miracoli così tangibili, non mancarono le malelingue, quelle che non ammettevano la veridicità degli avvenimenti. Il clero disse addirittura che si trattava di fatti diabolici. Però i credenti hanno continuato a pregare nella grotta, che era sempre piena di gente anche durante il mese di giugno nonostante la mietitura fosse già cominciata.


Sempre qua, tempo dopo, nel settembre 1962, il 65enne Concetto Moretti, che non ha ricevuto alcuna istruzione e che addirittura era analfabeta, una volta con una candela accesa fece cadere a terra delle gocce di cera e disegnò una bella chiesa dicendo che sarebbe poi stata costruita in futuro, in un luogo dove la Madonna sarebbe apparsa e avrebbe concesso tante grazie e conversioni, ed è infatti sorta a Medjugorje, identica al disegno di Moretti.

La grotta è sempre aperta, giorno e notte, con libero accesso per tutti. Ogni giorno, alle ore 15, vi vengono eseguite le caratteristiche preghiere mariane e il Rosario.

Tuttavia la grotta, almeno per il momento, non è considerata ufficialmente dalla Chiesa come luogo di culto per il fatto che non ha mai riconosciuto queste apparizioni, nonostante i tanti miracoli avvenuti, le varie apparizioni della Madonna e le tante persone che ogni giorno ci vanno a pregare.
La Grotta è posizionata all’incrocio tra via Verentana e via Capodimonte, sottostante alla torre dell’orologio.

 

Fonte www.lafune.eu

 

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 ottobre

"Frantoi Aperti" compie vent'anni. Eventi a macchia d'olio nei borghi dell'Umbria

"Autunno. Archeologia, Arte, Architettura", quattro incontri alla Rocca dei Papi

La Zambelli Orvieto si ferma sul più bello e cede il passo a Caserta

Liste d'attesa...di morire

Orvieto FC, secondo anno di iscrizione a tutti i campionati della Figc

Gloria in Excelsis Deo

A Sferracavallo Dom Quix realizza un'opera murale dedicata ad Aldo Netti

"Festa dell'Aria". Parrano BioDiversa riflette su qualità dell'aria e cambiamenti climatici

Erasmus+, tra gli studenti che partecipano anche quelli dell'Agrario di Fabro

"Il Governo eroghi risorse necessarie alla gestione dei servizi da parte della Provincia"

Pampepato, via al percorso per il riconoscimento della certificazione Igp

"World Francigena Ultramarathon", domenica l'arrivo dei partecipanti

Volatili

Nuova sede di Cittaslow International, incontro con il presidente Stefano Pisani

La Fondazione "Peres center for peace" premia la presidente della Regione Catiuscia Marini

Zambelli Orvieto scontenta ma pronta a lavorare per migliorare

Sì della giunta al Piano per il passaggio a tariffa puntuale sui rifiuti

Amerina, convenzione tra Comune e Provincia per concessione di aree di pertinenza stradale

Sì al progetto per opere di urbanizzazione in vocabolo Fosso Fanello

Giornate della Castagna, nel secondo weekend arriva il Palio degli Asini

Rinnovato il Consiglio Provinciale dell'Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Perugia

"Ospedale da campo. Memorie di un medico cattolico dalla guerra di Libia a Caporetto"

Il punto di Guido Barlozzetti: "Una brutta notizia"

Riscaldamento in Via Scalza, Olimpieri (IeT): "In assenza di interventi Ater, provveda il Comune"

"La Libreria dei Sette di Orvieto compie 95 anni...e adesso rischia la chiusura. Parliamone!"

Autunno ricco di proposte alla Biblioteca Comunale

Il Boni pronto a volare. Aperta la campagna abbonamenti, via alla nuova stagione teatrale

Sogni incrociati

Bollette pazze, Olimpieri (IeT) chiede conto con un'interpellanza dell'accaduto

L'Istituto Agrario di Fabro vola in Sicilia per conoscere la cooperativa "Lavoro e non solo"

Le impressioni di capitan Serena Ubertini dopo l'esordio vincente della Zambelli Orvieto

Uffici postali. Gori: "Bene tavoli confronto regionale, impegno comune evitare riduzioni servizio"

Ceramica, Paola Biancalana e Andrea Miscetti sul podio del concorso "Il segno del tempo"

Forza Italia: "Acquapendente invasa dai topi, c'è troppa immondizia in giro"

In marcia con la Polisportiva verso la chiesa della Madonna di Loreto

Le tre slide mancanti di Palazzo Chigi

"Senza Monete" compie tre anni. Festa all'Emporio del Riuso e dello Scambio

Per "Lezioni di Storia" al Teatro Mancinelli arriva Alberto Mario Banti

Mano tesa tra la Scuola di Musica "Casasole" e la Filarmonica "Mancinelli"

Sicurezza all'ex caserma Piave con "Crash Scene. Indicazioni Salva Vita"

Dopo otto anni torna il "Bollettino sulla situazione economica e sociale dell'Area Orvietana"

Case popolari, c'è il bando. Per la presentazione delle domande c'è tempo fino al 29 novembre

FotograMia

Giubileo, in corso le iniziative per le Settimane della Misericordia

Torna l'Operazione Mato Grosso. Giovani al lavoro a sostegno dell'America Latina

"Aspettando Halloween". Festa alla sala parrocchiale della Segheria

"Non c'è sicurezza senza prevenzione". Sul tavolo, le criticità del territorio umbro

Ritrovato l'uomo smarrito nei boschi. Terzo caso in quindici giorni

Orvietana, faccia a faccia con i due fratelli Fillippo e Giuliano Avola

Al frantoio Cecci di Monterubiaglio torna "Pane e Olio". Le degustazioni si fanno solidali

Ilaria Alpi si è suicidata?

"Arte sui muri. Street art e urban art". Giornata di studi all'Università della Tuscia