cronaca

Furti a Orvieto Scalo e Ciconia, un arresto e due denunce. A Corbara, recuperata refurtiva

lunedì 17 novembre 2014
Furti a Orvieto Scalo e Ciconia, un arresto e due denunce. A Corbara, recuperata refurtiva

Nello scorso fine settimana tutti i reparti della Compagnia Carabinieri di Orvieto hanno concorso allo svolgimento di un servizio straordinario di controllo del territorio specificatamente finalizzato all’intensificazione del contrasto ai cosiddetti "reati predatori" nel territorio di competenza. Uno sforzo mirato che ha permesso ai militari di trarre in arresto una ventenne romena, senza fissa dimora e gravata da numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio.

La giovane è stata sorpresa in tarda serata da militari dell’Aliquota Radiomobile mentre si aggirava con fare sospetto nei pressi delle abitazioni di Ciconia e Orvieto Scalo. Già colpita da un provvedimento di custodia cautelare emesso dal Tribunale di Latina a seguito di un furto in un esercizio commerciale commesso ad Aprilia nel 2004 si trova ora ristretta nel carcere femminile di Perugia Capanne.

Nel corso dei servizi sono state inoltre denunciate per furto aggravato altre due giovani romene, rispettivamente di 30 e 17 anni entrambe con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio e senza fissa dimora, che erano state rintracciate da un equipaggio dell’Aliquota Radiomobile in giro per Orvieto Scalo appena dopo aver rubato da un supermercato merce varia per un valore complessivo di 200 euro, poi recuperata e restituita all’esercente.

A Corbara, invece, è stata recuperata un’auto di grosse dimensioni con targa olandese - al momento non risulta rubata - che era stata abbandonata lungo la strada dalle persone a bordo, fuggite a piedi nei campi limitrofi alla vista dei militari dell’Aliquota Operativa e della Stazione di Baschi allertati dal titolare di una struttura ricettiva del posto di un furto in atto. L'intervento dei carabinieri ha permesso non solo di sventare il reato predatorio in atto, ma anche di recuperare svariati oggetti sia in argento che in rame, per un valore di diverse migliaia di euro, rinvenuti nel bagagliaio dell’auto abbandonata.

Al momento, sono in corso accertamenti sia sul veicolo che sugli oggetti rinvenuti dal momento che presumibilmente costituiscono la refurtiva di una serie di furti perpetrati in zona e non solo. Rimane alta pertanto l’attenzione dell’Arma alla prevenzione dei reati predatori nell'Orvietano e di tutta la provincia.

Commenta su Facebook