cronaca

Truffa dei salumi biologici, i suini macellati a Orvieto fino al 2010

lunedì 20 ottobre 2014
Truffa dei salumi biologici, i suini macellati a Orvieto fino al 2010

Si aggiungono nuovi dettagli sull’inchiesta chiusa nei giorni scorsi dal pubblico ministero torinese Raffaele Guariniello che vede indagate 28 persone per associazione a delinquere finalizzata alla frode in commercio e al falso.

Gli inquirenti hanno smascherato una truffa legata alla commercializzazione di varie tipologie di salumi che venivano venduti come biologici ma in realtà provenienti dalla lavorazione di suini allevati in modo convenzionale. L’attività d’indagine che ha portato gli inquirenti anche ad agire nella zona dell’orvietano, nei fatti, si riferirebbe ad episodi avvenuti qualche anno fa.

Le macellazione dei presunti suini biologici sarebbe stata effettuata a Orvieto fino al 2010. E infatti l’attuale gestione del Mattatoio Comunale di Orvieto, da parte della Battisti srl, di cui è Amministratore l’imprenditore Mariano Battisti, è totalmente estranea a questa vicenda e all’attività dell’inchiesta. Battisti ha rilevato il mattatoio dopo il 2010 e quindi in un periodo diverso da quello preso in esame dalla procura torinese.

Allo stesso modo l’attività di controllo sanitario sui suini macellati veniva svolta secondo i canoni prestabiliti e la carne utilizzata per confezionare i salumi era rispondente a tutti gli standard alimentari. Era, però, in questo contesto che si inseriva l’attività di truffa. La carne suina, commestibile, ma prodotta da animali allevati convenzionalmente, veniva fatta passare per carne biologica modificando i certificati dei suini.

Secondo gli investigatori del nucleo antifrodi dei carabinieri di Parma, i capi non sarebbero stati allevati come si faceva credere in un'azienda agricola certificata, con sede a Chiusa di San Michele, nel Torinese e che fa capo a uno degli indagati, ma in altre ditte sprovviste di certificazioni.

Ed è proprio sull’indagine legata all’azienda agricola certificata, con sede a Chiusa di San Michele, che si ramificano i rapporti con Orvieto. Già nel 2011, quanto dil Pm Guariniello aveva scoperto la frode, il primo degli indagati risultava essere il titolare dell’azienda agricola torinese che aveva anche altri due allevamenti di suini proprio nelle campagne orvietane. Da quegli allevamenti, che al momento risultano non più in attività, partivano i suini con finta “certificazione bio” da macellare al mattatoio e poi immettere sul mercato internazionale per il confezionamento dei salumi.

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 gennaio

Madame Bovary

Indagine della Procura, le puntualizzazioni di Enel

Giorno della Memoria, ricordare per prevenire. Iniziative della Cgil a Perugia e Terni

Conferenza su "Il mito di Giulia Farnese: amori, potere, storia…"

Robotica e agricoltura di precisione con il Progetto Pantheon

Orvieto FC, la prima squadre batte il GubbioBurano secondo in classifica

Per la Zambelli Orvieto è un momento magico, conquistata Montecchio Maggiore

Orvietana, sconfitta pesante contro il San Sisto

Finisce in carcere per una rapina in banca messa a segno due anni fa

Sicurezza, trecento controlli in due settimane sul territorio

Rti avanza richieste economiche al Comune, Tardani interroga il sindaco

Lia Tagliacozzo presenta il libro "La Shoah e il Giorno della Memoria"

L'Istituto per la Storia dell'Umbria Contemporanea per il Giorno della Memoria

In biblioteca lettura di "Sonderkommando Auschwitz" di Shlomo Venezia

Dal Castello Baronale alla Cappella Baglioni, fino al caffè a Villa Lais

Contro Azzurra Orvieto, Campobasso resiste ma non passa

Una brutta Vetrya Orvieto Basket lascia la vetta a Perugia

Violenza di genere, firmato il protocollo d'intesa per la realizzazione del sistema regionale di contrasto

"A spasso con ABC", giornata finale per i narratori del futuro

Sul palco del Rivellino, Anna Mazzamauro è "Nuda e Cruda"

Iniziative in tutta l'Umbria per San Francesco di Sales, patrono di giornalisti e comunicatori

"Col trattore in Complanare", in 140 a Ciconia per la benedizione dei mezzi agricoli

Il consiglio regionale FIE Umbria conferma alla presidenza Giulia Garofalo

Rumori di lavori in corso a Palazzo Monaldeschi, Olimpieri (IeT) interroga il Comune

Al Concordia, serata dedicata al teatro con "Il Canto del Gallo"

Comitato Scansano Sos Geotermia: "Il pericolo non va esportato in Maremma"