cronaca

Emergenza a Orvieto Scalo tra prostituzione e degrado. I cittadini cominciano ad avere paura: "Fate qualcosa non lasciateci soli"

mercoledì 20 agosto 2014
di G. An.
Emergenza a Orvieto Scalo tra prostituzione e degrado. I cittadini cominciano ad avere paura: "Fate qualcosa non lasciateci soli"

“Non ne possiamo più, vivere a Orvieto scalo non è più sicuro o i politici fanno qualcosa oppure va a finire che il quartiere scompare”. La voce dei residenti storici di Orvieto scalo è preoccupata, tra ragazze che si prostituiscono ai giardini comunali, furti costanti e negozi che declino di trasferisti, ormai il primo quartiere nato ai piedi della Rupe rischia veramente di diventare un’emergenza.

Le persone hanno voglia di parlare, ma non di farsi riconoscere. Già questo la dice lunga sullo stato d’animo che regna nella zona dei giardinetti, di piazza del Commercio e della Stazione Ferroviaria. “Abito qui da quarant’anni e quello che vediamo oggi non lo abbiamo visto mai - dice una settantenne casalinga -. Vengo da tanti anni al mercato, quasi tutte le settimane. Un tempo d’estate s’incontravano ragazzini e famiglie che giocavano ai giardini, oggi ci sono solo persone anziane e soprattutto ci sono tanti stranieri. Non abbiamo niente contro gli stranieri, ma ho qualche amica che vive al Borgo e mi racconta cose che a volte stento a crederle”. Tentiamo di sollecitare la signora a farsi fare una foto per dare forza alle sue parole, ma a quel punto corre via: “Per carità, la foto, poi mi riconoscono e non sai mai come va a finire”.

Che cosa succederà mai in questo benedetto giardino pubblico? Basta aggirarsi per le bancarelle del mercato e origliare qualche discorso dei gruppi di anziani. Ieri mattina - 19 agosto 2014 - l’argomento era questo: “Le hanno arrestate tutte e due” dice uno, “Ma davero” risponde l’altro. “Ma che arrestate, gli hanno dato il foglio di via” si inserisce un altro. “Ma quall’erano?” riprende l’amico. “Come qual’erano - risponde l’altro - quelle che giravano qui la mattina. Non te ce sei mai trovato? A coso (in realtà hanno fatto dei nomi ben specifici ndr) j’avevano fatto partì la capoccia, c’avrà speso tutta la pensione”.

La situazione viene confermata da tutte le forze dell’ordine, tanto che i servizi delle ultime settimane dimostrano come Carabinieri e Polizia vogliono stringere il cerchio sul giro di prostituzione che c’è a Orvieto Scalo. Nonostante pochi giorni fa ci sono stati i controlli dei militari dell’arma al parcheggio della stazione, basta fare un giro per capire che quelle ragazze che camminano lungo il viale, nella zona vicina al parcheggio dei pullman dell’Atc non aspettano l’arrivo delle giostre. Basta far finta di rallentare che subito la loro attenzione si rivolge verso un eventuale cliente e non ci mettono tanto a chiamare da lontano.

Lasciamo il parcheggio della stazione e proseguendo incontriamo un uomo, al quale diciamo di essere di Orvietonews e stiamo conducendo un’inchiesta sul degrado di Orvieto scalo. “Bravo” risponde d’impatto. Ci dice qualcosa? Le possiamo fare una foto? Alle nostre domande si irrigidisse, tentiamo di convincerlo a parlare e lo fa soltanto a patto di mantenere l’anonimato. “Sono cresciuto allo Scalo e qui vivo con mia moglie e i miei due figli, un maschio di 8 anni e una femmina di 13” racconta il quarantenne. “Faccio spesso la spesa al Superconti - dice - dove ho letto proprio sul vostro sito della denuncia delle due ladre. Con i miei figli veniamo spesso ai giardini. Io stesso passo qualche ora al bar durante la settimana. Mi moglie frequenta quotidianamente la zona. Ho dei parenti che vivono al Borgo. Diciamo che negli ultimi anni la situazione è andata a peggiorare, specie da quando hanno chiuso la caserma dei carabinieri. Ora non si vedono mai le forze dell’ordine e strani gruppetti di persone sono ormai in ogni angolo. Al Borgo penso che non debba essere io a raccontarvi cosa succede, lo potete benissimo immaginare. Ma ormai è tutto un “borgo”. Ai giardini della rotonda in determinate ore della giornata non possiamo più andarci. C’è un giro di prostituzione costante e se devo dirla tutta le ragazze mi sembrano troppo giovani. E non pensate che siano solo straniere. Dopo che la Coop si è trasferita la zona si è spopolata. So che ora anche altri due negozi andranno via da piazza del Commercio. Per non parlare della Stazione Ferroviaria, è diventata un lugo dimenticato, chi arriva con il treno penso che solo all'impatto che ha con la stazione vorrebbe già andare via. E' sporca, priva di servizi e la notte è un lugo veramente pericoloso. Non so veramente cosa rimarrà di Orvieto scalo. Quando ero giovane . ricorda l'uomo - era un posto dove si viveva bene, ora siamo veramente combattuti se rimanere qui o vendere la casa e trasferirci altrove, anche per difendere i miei figli. Quando escono di casa e dicono, andiamo ai giardini, non nascondo che io e mia moglie abbiamo paura. Ve lo ripeto, fate bene a fare queste inchieste, almeno i politici si rendono conto dello stato in cui versano i quartieri della città. Soprattutto si devono rendere conto i vertici dei Carabinieri che hanno chiuso una caserma lasciando tanti cittadini senza un presidio di sicurezza”.

Le parole di queste persone pesano come macigni sulla vivibilità di Orvieto scalo, ma come ogni situazione di disagio, probabilmente tutto può essere recuperabile a partire dalla riapertura di una caserma o di un presidio da parte dei carabinieri. Il comune in questo caso potrebbe agevolarne l’apertura fornendo dei locali pubblici. Chiaramente le cose non si fanno con la bacchetta magica, ma arrivati a questo punto è il caso di prendersi la responsabilità di un gesto di coraggio. Quel coraggio che Don Stefano Puri ha avuto qualche settimana fa nel denunciare pubblicamente che l’apertura di una nuova sala scommesse non è necessaria. L’amministrazione comunale si è mossa, ma non tutti lo sanno, forse sarebbe il caso di fare altrettanto, di prendere il coraggio a quattro mani e fare come Don Stefano, dire pubblicamente quello che si pensa. Orvieto scalo ne ha bisogno, soprattutto ne hanno bisogno i cittadini che cominciano ad avere paura.

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 gennaio

Nel "borgo magico" di Calcata, con Asds Polisportiva Castel Viscardo e Armata Brancaleone

Fermati tre ventenni all'uscita del supermercato con merce appena rubata

On line il primo numero del 2018 del periodico aziendale di informazione sanitaria "Usl Umbria 2 inForma"

All'Unitre riprende il Laboratorio di Pittura guidato da Donato Catamo

Regionali 2018, parte il viaggio di Bigiotti attraverso borghi e bellezze della Tuscia

Lo minaccia con il coltello e gli porta via l'incasso giornaliero

Umbria presente a "Winter School 2018. L'agenda sul futuro della sanità italiana"

Recupero evasione Imu, Orvieto al secondo posto tra i 16 Comuni umbri con oltre 15.000 abitanti

Sporcizia e siringhe vicino alla Casa dell'Acqua di Ciconia

Corsi serali all'Istituto Cardarelli. Un gruppo di alunni a Roma dal ministro Fedeli

"Gli Ebrei sono matti" sul palco del Teatro Boni

"Gli Psicodrammatici" mettono in scena "Il senso di colpa"

Procedura di Via. Sacripanti (Gm): "Questo è Germani, questa è la sinistra che ci governa"

Buono servizio sostitutivo del trasporto scolastico per le scuole dell'infanzia

"Vette in Vista", quando il cinema incontra la montagna

"A 80 anni dalle leggi razziali". La Regione ricorda la tragedia della Shoah

Zeno (Pci): "La città si svuota e il sindaco se ne fa una ragione"

Federalberghi: "Le risorse derivanti dall'imposta di soggiorno siano destinate allo sviluppo del turismo"

Toni e Peppe Servillo tornano al Mancinelli con "La parola canta"

Sostegno a domicilio per anziani e disabili, in pubblicazione i bandi

Assistenza sociale fittizia, le Fiamme Gialle portano alla luce oltre 4 milioni di euro di evaso

Esercitazione tecnico-tattica per i marescialli con specializzazione "Sanità"

Nuova geografia giudiziaria, Montegabbione e Monteleone con Orvieto

Testimonianze al Teatro Concordia per la Giornata della Memoria

"Vino made in biologico". Convegno all'Istituto Agrario "Ciuffelli"

Festa del Tesseramento per l'Associazione Andromeda

Orvieto FC, prima squadra nella tana del Cannara

L'allenatore Matteo Solforati valuta i progressi della Zambelli Orvieto

"Più o meno alle tre" con i Lettori Portatili. Andrej Longo presenta "L'altra madre"

Sabato 28 gennaio casting per il nuovo film di Alice Rohrwacher

Nello scavo della piramide di via Ripa Medici ritrovato il cibo degli Etruschi

Corso di Sociocrazia con Pierre Houben all'Auditorium

Orvieto, Via del Corso

L'Orvietana Rugby vince ancora al De Martino

Olimpieri (IeT): "Con Germani il Comune torna a privatizzare"

Prima seduta del nuovo Consiglio Provinciale, convalida degli eletti e giuramento del presidente

Ad aprile torna la Coppa degli Etruschi

Fabrizio Bentivoglio porta "L'ora di ricevimento" al Teatro Comunale di Todi

Imprese Creative, a disposizione 2,8 milioni di euro. Illustrati i criteri del primo bando regionale

Oltre 400 richieste in due mesi nei punti informativi di Sii, Ati e Assoconsumatori

Promozione turistica, l'Umbria presente per la prima volta all'Holiday World di Dublino

Atletica Libertas Orvieto, tanti gli eventi e le manifestazioni in arrivo nel 2017

Seduta plenaria della Pro Loco per l'approvazione dei bilanci

Prima seduta del consiglio comunale. In quindici punti l'ordine del giorno

Al Teatro Santa Cristina, il recital "...ed ora sono nel vento..."

Sisma, si riunisce comitato istituzionale. Marini: "Massimo supporto a sindaci dall'ufficio speciale ricostruzione"

Studenti in Comune per presentare "Testimoni della Memoria. Il nostro viaggio in Polonia"

Linea ferroviaria Orte-Foligno-Perugia, ripristinate due fermate

Cena a base di solidarietà. Serata speciale organizzata dai ragazzi dell'Oratorio San Filippo Neri e dagli studenti dell'Alberghiero

Donne vittime di violenza, in Regione firmato il protocollo per l'inserimento lavorativo e sociale

Sottoscritto il protocollo d'intesa tra Perugia e Orvieto per l'iscrizione delle Città Etrusche al Patrimonio Unesco

Al Teatro Boni va in scena "L'istruttoria" di Peter Weiss

"Viaggio nell'Operetta". Seconda tappa con Katia Ricciarelli e Andrea Binetti

Iaia Forte al Teatro Boni con "Tony Pagoda. Ritorno in Italia"

Benedizione dei Trattori a Ciconia. Gli agricoltori offrono il frutto del loro lavoro

"Comunicare speranza e fiducia nel nostro tempo". Il vescovo incontra i giornalisti per S.Francesco di Sales

Incontro su "La persecuzione in Europa e i suoi effetti anche a San Venanzo"

Uisp, la squadra Umbria Nuoto master cresce