cronaca

Accorato appello dell'Istituto Tecnico e Professionale di Orvieto contro lil tipo di accorpamento scolastico: "L'Istituto tecnico non va scorporato dal professionale"

sabato 17 novembre 2012

"Il prospettato ed inevitabile dimensionamento delle scuole superiori orvietane porterà cambiamenti decisivi negli assetti amministrativi, didattici e gestionali degli Istituti cittadini. Le logiche dettate da pure tesi di economicizzazione, prevedono la riduzione a 2 delle Dirigenze Scolastiche, con diverse possibilità di aggregazione." Spiega dettagliamente la situazione una nota stampa dell'Istituto Tecnico e Professionale di Orvieto, che vede con preoccupazione, oltre all'accorpamento che porta ad avere almeno mille alunni per Dirigenza, anche e soprattutto lo smembramento dell'Istituto Tecnico Professionale, posto nel centro storico, da quello per Geometri, ubicato a Orvieto Scalo. Si ragiona, infatti, non tanto per tipologia di scuole e per ormai consolidati team di lavoro, quanto su fattori puramente tecnici di numeri e di localizzazione. Fatto come sempre avvilente quando si parla di educazione e istruzione. Di qui una presa di posizione del Collegio dei Docenti dei due Istituti, che ha approvato una delibera, da inviare agli organi interessati, che sostiene quanto di seguito enunciato. 

"La situazione attuale - si afferma - vede per Orvieto: il Liceo Scientifico, l'Istituto di Istruzione Superiore Artistica e Classica, l'Istituto di Istruzione Superiore Tecnica e Professionale. Il Comune e la Provincia vorrebbero un polo nel centro storico, con Liceo Classico, Liceo Artistico e Istituto Professionale, ed un polo suburbano, con Liceo Scientifico, Istituto Ragioneria e Istituto per Geometri; altri sostengono diverse soluzioni, che spesso non tengono in minimo conto offerte formative, vocazioni educative, caratteristiche fondamentali delle singole presenze scolastiche cittadine.

Anche i numeri riferiti alle popolazioni studentesche parlano chiaro:
la popolazione studentesca degli Istituti Superiori=+1700
soluzione comunale Ls+Itc+Itg=+1.000 / Lc+Isa+Ipsia=+700
soluzione alternativa Ls+Isa=+900 / Lc+Itc+Itg+Ipsia=800 ca.
soluzione terza via Ls=+700 / Lc+Isa+Itc+Itg+Ipsia=1.000 ca.
soluzione ulteriore Ls+Lc=+1.000 / Isa+Itc+Itg+Ipsia=+700

Tutte le leggi, i pronunciamenti e gli orientamenti a livello europeo e nazionale parlano di Istruzione Tecnica e Professionale. I docenti ed il personale Ata dell'Iistp manifestano la precisa volontà di non disgregare in maniera insensata gli Istituti Ragioneria, per Geometri e Professionale, in nome di razionalizzazioni basate soltanto su presunti risparmi.

La decisione finale spetta, come si sa, alla Regione, ed è attesa per i prossimi giorni.

PREMESSO

che l'importanza di una scuola efficiente ed efficace sul territorio è a fondamento di un servizio educativo e formativo dagli eccezionali aspetti valoriali, che rappresenta un riferimento privilegiato dell'immagine politico-amministrattiva regionale e un fattore determinante per la crescita, lo sviluppo e la valorizzazione locale;

TENUTO CONTO

delle diverse fonti giuridiche a livello europeo e degli orientamenti di settore più volte espressi, che richiamano ad un'omogeneità di intenti riguardo alla strutturazione dell'offerta formativa degli Istituti Superiori comunitari;

CONSIDERATI

le leggi, le direttive ministeriali e gli studi specifici nazionali;
si evince, anche in materia di razionalizzazioni - dimensionamenti, il rafforzamento del ruolo nell'unitarietà degli Istituti Tecnici e degli Istituti Professionali.

L'Istituto di Istruzione Superiore Tecnica e Professionale di Orvieto è nato nel 2000. Ne fanno parte l'Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri, e l'Istituto Professionale di Stato per l'Industria e l'Artigianato.
Le continue trasformazioni, fusioni, aggregazioni di scuole, spesso determinano confusioni, traumatiche transizioni logistiche ed amministrative. Per quanto riguarda il nostro Istituto, gli sforzi compiuti per creare una struttura omogenea, in grado di gestire servizi educativi e formativi sul territorio, hanno dato esiti davvero sorprendenti. Nel giro di breve tempo, si è giunti a risultati concreti, volti soprattutto all'efficacia operativa.

In particolare, basti pensare alla coesione raggiunta nelle scelte collegiali, all'uso di programmazioni condivise, alle funzioni strumentali, ai coordinamenti dipartimentali, alle progettualità comuni, ai corsi di formazione e aggiornamento. All'Iistp si vive insomma un clima di costruttiva collaborazione, in cui non si notano poiché non sussistono diversi sentire riguardo all'appartenenza, all'identità, al ruolo istituzionale ricoperto. Il corpo docente dialoga, progetta e si confronta, gli Uffici di Segreteria operano tra le diverse sedi con efficienza, malgrado le tante difficoltà del momento, gli allievi sono uniti senza alcuna differenziazione rispetto a Sezioni o Indirizzi, si respira un'atmosfera di armonioso solidarismo. Non da ultima l'esemplarità di coinvolgimento tra diversi soggetti nelle iniziative, non poche e testimoniate anche dai media, sul territorio. Larghe intese e produttività per quanto attiene agli aspetti didattici, organizzativi, amministrativi, partecipativi e sindacali. Intesa completa, interna, gestionale e nei servizi erogati.

L'impegno profuso dalla Dirigenza Scolastica perché si addivenisse a questi traguardi appare forte e sentito. Un processo di consolidamento graduale, ben definito e congegnato, che non può esser smantellato da campanilismi deteriori, scelte avventate o peggio presunte razionalizzazioni dettate da economicismi inesistenti.

Sarebbe un danno enorme ed inutile ipotizzare scelte che permettano lo smembramento di un Istituto di siffatte caratteristiche, considerati i livelli di "customer satisfation" raggiunti.

In un periodo carico di criticità nei settori scolastici, le positività manifeste rappresentano un riferimento di produttività al servizio del territorio, meritevole delle più attente riflessioni."

Commenta su Facebook

Accadeva il 16 dicembre

"Far Web. Odio, bufale, bullismo. Il lato oscuro dei social" nel saggio di Matteo Grandi

Todi Magic Christmas. Tra luci e musica, il Natale dà spettacolo

Lectio Magistralis di Gianrico Carofiglio su "La Ribellione della Bellezza"

Taglio del nastro (arancione) a Palazzo dei Sette per la sede di Cittaslow International

Due incidenti stradali in due giorni

Ad "Arti e Mestieri Expo" vetrina natalizia per i prodotti della Tuscia

L'Istituto Agrario guarda al futuro. Cotarella all'inaugurazione della Cantina Didattica

Il Lions Club per il Merletto Orvietano. Catalogo generale e mostra tematica a Palazzo Coelli

"Sicurezza, Cittadini, Territorio" incontro con il Sottosegretario Bocci

Vetrya Orvieto Basket ospita la Favl per la prima di ritorno

"Prendere a Cuore" per favorire la prevenzione e la riabilitazione dei malati cardiopatici

"Imago VV". A Palazzo Coelli la presentazione del volume di Alberto Satolli

Per Maria Elena

Umbria al vertice del rapporto Istat su servizi prima infanzia

Fondo Beato Giacomo Villa, si conferma anche quest'anno

Open Day all'Istituto Professionale per l'Agricoltura e l'Ambiente "Bruno Marchino"

Precetto militare interforze nella Chiesa Cattedrale di San Lorenzo

Scuola aperta per tutti, l'Istituto "Dalla Chiesa" si mette in vetrina

Sportello UnitusJob, il ponte tra laureati e mondo del lavoro

I progetti presentati al V Premio Simonetta Bastelli esposti alla Mostra Internazionale di Architettura del Paesaggio

Chiuso in entrambe le direzioni il tratto della Strada Statale 685 delle Tre Valli Umbre

"Natale in Musica 2017". Eventi e concerti dal 16 dicembre 2017 al 28 gennaio 2018

Old Rock City Orchestra in gara su "Classic Rock Italia", come votare

"Salva la tua lingua locale", Rita Santinami tra i sette finalisti del concorso

"Tanti Lati Latitanti" al Lea Padovani. Viaggio nelle relazioni con Ale e Franz

Le giornate del merlo

La Zambelli Orvieto lotta, soffre e vince, battendo in trasferta il Club Italia

La Fidapa - Bpw Italy guarda al nuovo anno. A Orvieto, l'Assemblea del Distretto Centro

Trasferta a Villa Giulia per l'Ecomuseo del Paesaggio degli Etruschi

Il fascino nascosto di "Bagnoregio Underground". Conferenza e mostra a Palazzo Alemanni

I Clown di Fellini a "Particolari. Volti e racconti del Natale bagnorese"

Notti sul ghiaccio alla Fonte del Rigombo, si pattina con "Acquapendente On Ice"

"Lavandaia Day" in compagnia della Compagnia delle Lavandaie della Tuscia

Fumo bianco a "Le Crete", cittadini in allerta

Unitus, Beni Culturali restaura il Fonte Battesimale del Duomo di Viterbo

La Zambelli Orvieto assalta la prima posizione ospitando la Teodora Ravenna

Servizi alla sanità. Confindustria conferma presidente Nardi Schultze, Mazzocchini nel direttivo

"Stradabilia (prove tecniche per un festival di artisti di strada)". Musica con Rossella Costa Trio

In attesa di che

Inaugurato il Nucleo Alzheimer, "modello da esportare ed estendere in Umbria"

"Tu sei Bambino!". Doppio concerto per i cori parrocchiali di Montecchio e Guardea

Babbo Natale a Piazza degli Aceri, festa con l'associazione Ciconiaviva

Vetrya: l'Università della Tuscia presenta i lavori del programma "Semestre in Azienda"

Forestale alla discarica. SAO: "Solo vapore acqueo"

Un re folle

Dopo Orvieto, Voyager fa tappa anche a Viterbo

Orvieto e Perugia insieme per la candidatura unitaria della "Spur - Città Etrusche" al Patrimonio Unesco

Tredicesima seduta del consiglio comunale. In otto punti l'ordine del giorno

"Sacro e Profano". Sergio Canonici espone alla Torre dei Monaldeschi

La Nuova Biblioteca Pubblica "Luigi Fumi" si fa salotto per "Le Streghe"

Al Concerto di Natale alla Camera dei Deputati vicinanza alle popolazioni colpite dal sisma

Giornata di solidarietà per i più piccoli a San Pellegrino di Norcia

"Natale al Fanello". Musica e danza, aspettando Babbo Natale al mercato straordinario

A Orvieto Scalo si inaugura "La Natività dei Giardini"

Sonorità argentine a Palazzo dei Sette, anteprima per "Orvieto Tango Festival"

In mostra a Civitella del Lago due rarissime stampe ritraenti Orvieto e Amelia

"Sfilata e Aperi....Piero (Aperitivo)...e Tanto Altro"

Le labbra, mio Dio, l'aspide

Al Muzi, l'Orvietana ritrova la Clitunno

Raccolta differenziata, Orvieto balza dal 44% del 2014 al 70%