cronaca

San Lorenzo in Vineis ridotta a rimessa di materiali. Nel degrado crolla anche una porzione di tetto

mercoledì 22 giugno 2011
di Monica Riccio
San Lorenzo in Vineis ridotta a rimessa di materiali. Nel degrado crolla anche una porzione di tetto

E' ormai ridotta a rimessa, a magazzino, e in essa sono riposti materiali edili, scale, arredi sacri, e perfino un paio di ciclomotori. E' la triste situazione della Chiesa di San Lorenzo in Vineis, meglio conosciuta come la Chiesa del Cimitero.

In più, come se non bastasse, è crollata una importante porzione di tetto, proprio dietro l'abside, e dalle pareti sono state trafugate le antichissime tele disposte ai lati. Un danno enorme che, in assoluto silenzio, sta lentamente riducendo l'antichissimo complesso a un rudere.

Il complesso monastico di antichissima costruzione, più volte modificato e risalente alla metà del ‘500 (epoca cui si datano anche l'annessa chiesa-battistero e l'ampia sagrestia con soppalco), è un monumento sottoposto a vincolo di tutela in materia di beni culturali e ambientali; disabitato da lunghissimo tempo è stato sottoposto negli ultimi anni a lavori di consolidamento statico e funzionale che hanno interessato singole porzioni dell'edificio.

Nel 2004 la Giunta Comunale approvò il progetto esecutivo per il completamento dei lavori di manutenzione straordinaria del complesso annesso al Civico Cimitero di Orvieto per un importo complessivo di € 100.000,00. L'intervento, che avrebbe dovuto essere finanziato con apposito mutuo della Cassa Depositi e Prestiti, era stato inserito nel Piano Pluriennale degli Investimenti 2004/2006, nel Programma Triennale delle Opere Pubbliche 2004/2006 e nell'elenco dei lavori per il 2004. Purtroppo però la struttura è ora utilizzata come magazzino e, i crolli, ma anche l'intonaco ormai fatiscente ne potrebbero compromettere l'agibilità.

Da notare che nei documenti turistici riportati nel sito web del Parco archeologico ambientale dell'Orvietano (Paao), il complesso di San Lorenzo in Vineis viene indicato come terzo luogo di interesse del percorso dopo Campo della Fiera e Selciata del Tamburino ma anche insieme a Santo Spirito degli Armeni, Diverticolo della via Cassia, Sugano, Fonti del Tione, convento della Trinità ed altro.

 

 

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 febbraio

Giulio Scarpati all'Unitre. Con Valeria Solarino al Mancinelli per "Una giornata particolare"

Cede una porzione di muro, tecnici della Provincia al lavoro sulla SP 31

Ultima settimana di scuola aperta all'Istituto Artistico, Classico e Professionale

Al Palazzo del Gusto, corso di qualificazione professionale per sommelier Ais

Final Four Under 18 Eccellenza, la finale sarà Ellera-Todi

Anteas e Gruppo Famiglie Parrocchia S.Anna promuovono l'incontro "Invecchiare bene"

Lancia una bottiglia contro il muro del commissariato, denunciato un 37enne

Anche il Comune di San Venanzo aderisce a "M'illumino di meno"

Visite guidate a "San Giovenale. La chiesa e il quartiere nell'Orvieto medioevale"

Provincia, la Rsu chiede certezza su servizi, personale e bilancio

Emanuele Carelli presenta la raccolta di poesie "Celeste come i cieli"

Ridistribuite le deleghe, fino a nuove determinazioni

Il Tar conferma l'aumento della litigiosità tra cittadino e pubblica amministrazione

Campo da calcio di Ciconia "in abbandono", la Uisp fornisce chiarimenti

Proposta di legge sull'ambiente, prosegue in tutta l'Umbria la raccolta firme

A "Cinema intorno al mondo", è la volta di "Lagos. Notes of a city"

Vinti: "Le dimissioni scoperchiano la pentola del conflitto interno al Pd"

Tecnici Enel al lavoro, traffico interrotto in Via Magalotti

Umbria e Orvieto protagoniste a Praga. Intensa l'attività per rafforzare relazioni e progetti

Comune spento per "M'illumino di meno". Gli interventi per razionalizzare i consumi energetici

Presentato in Regione il volume "Umbria, paesaggi in divenire 1954/2014"