cronaca

E ritornammo a riveder le stelle... Nuovo osservatorio Astronomico nel Parco del Monte Rufeno

martedì 16 settembre 2008
Venerdě 19 settembre 2008, alle ore 16:30 ad Acquapendente (VT), presso il Cinema Olimpia, in concomitanza con l’anniversario dei 25 anni di attivitŕ della Riserva Naturale del Monte Rufeno, verrŕ inaugurato l’Osservatorio Astronomico Monte Rufeno. Si tratta di un nuovo centro di ricerca, didattica e divulgazione scientifica, in particolare astronomica, di cui la Riserva Naturale del Monte Rufeno ha deciso di dotarsi, sia per ampliare le proprie potenzialitŕ ricettive e didattiche, sia per dare una destinazione d’uso eccellente al Casale situato sulla cima del Monte Rufeno a 750 metri sul livello del mare. L’Osservatorio Astronomico “Monte Rufeno” si trova quindi nel cuore della omonima Riserva Naturale ed č stato concepito in modo da poter essere utilizzato da tutti: scuole, ricercatori, visitatori privati o semplici appassionati. L'idea di questa iniziative č che l’astronomia non deve essere riservata soltanto agli scienziati o a chi puň accedere ad apparecchiature costose e complicate, ma puň essere affrontata da chiunque. Tutti possono ammirare gli spettacoli che entusiasmarono Galilei, Newton, Herschel e altri famosi astronomi. Quindi effettuando esperienza pratiche e osservazioni dirette dei fenomeni astronomici, tutti coloro che visiteranno l’Osservatorio Astronomico Monte Rufeno potranno “toccare con mano” una scienza troppo spesso considerata …lontana anni luce. Lo strumento principale dell’osservatorio č un moderno telescopio (nella foto che precede) dotato di uno specchio primario parabolico di 60 cm di diametro, tra i piů grandi d’Italia, inserito in una cupola semovente di 3,15 metri di diametro. All’interno del casale č presente anche un planetario digitale, del diametro di 3,60 metri, in grado di simulare la volta celeste riproducendo i suoi movimenti e fenomeni. Una grande aula didattica, completa di computer e sistemi audiovisivi č in grado, all’occorrenza, di trasformarsi in sala conferenza per circa 50 posti. All’esterno un’ulteriore cupola del diametro di 3 metri ospita altri due strumenti: un telescopio solare, ed un telescopio secondario di 25 cm di diametro. Una serie di pannelli solari di ultima generazione rende l’osservatorio autonomo dal punto di vista energetico ed ecologicamente compatibile con l’ambiente circostante. Le strutture ricettive della riserva, sia all’interno dell’osservatorio sia nei casali limitrofi, sono in grado di ospitare oltre 50 persone. Alla serata d’inaugurazione, tra le autoritŕ, saranno presenti Alberto Bambini, Sindaco di Acquapendente, Alessandro Mazzoli, Presidente della Provincia di Viterbo e Tolmino Piazzai, Assessore all’Ambiente della Provincia di Viterbo. Tra gli ospiti scientifici saranno presenti rappresentanti della Ditta costruttrice del telescopio principale, il Dott. Fernando Pedichini dell’Osservatorio Astronomico di Roma (INAF) e la Dott.ssa Rosa Poggiani del Dip. di Fisica dell’Universitŕ di Pisa (associata INFN) che presenzierŕ con una conferenza sull’importanza dei piccoli telescopi sia nella ricerca scientifica che nella didattica universitaria e scolastica. Moderatori della serata saranno il Dott. Massimo Bedini, Direttore della Riserva Naturale Monte Rufeno e l’Arch. Andrea Vagni, Presidente dell’Ass.ne Scientifica Astronomica “Nuova Pegasus” che ha collaborato, con la propria esperienza, alla realizzazione del nuovo centro didattico-scientifico. Alle ore 19:00 le conclusioni saranno riservate all’Assessore all’Ambiente ed alla Cooperazione tra i Popoli della Regione Lazio Filippo Zaratti e al Consigliere Regionale Giuseppe Parroncini. Alle ore 19:30 un bus navetta trasporterŕ le autoritŕ all’Osservatorio per una dimostrazione e osservazione astronomica. Per tutti gli interessati ad una visita gratuita dell’Osservatorio si rende noto che gli esperti dell’Ass.ne “Nuova Pegasus” (nella foto che segue) saranno disponibili nelle successive quattro serate del: 26 settembre, 3, 8 e 10 ottobre 2008, a partire dalle ore 21:30. Per informazioni e prenotazioni Segreteria Riserva Naturale Monte Rufeno tel. 0763.733442 - fax 0763.730223 – e-mail: segreteria@monterufeno.it

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 ottobre

Poker dell'Orvietana sul campo del Lama

Blocco Studentesco, sit-in contro "l'ostruzionismo della dirigenza al liceo Gualterio"

Unitus, via al Master "Crisis" su investigazioni e sicurezza

Gitana

Orvieto FC: vincono le ragazze del calcio a 5, sconfitta la prima squadra

Gnagnarini: "Auspico che Palazzo dei Sette torni ad ospitare i sette saggi"

Parcheggi in Piazza Duomo negati alle famiglie dei cresimandi di Fabro. Olimpieri (IeT): "Perchè?"

Un'autoambulanza per i cittadini. "La Locomotiva" chiede il supporto delle associazioni

Donato un servizio di ceramiche all'istituto alberghiero di Amatrice

"Metti via quel cellulare", a casa Cazzullo un confronto tra generazioni

Tornano "I Giorni dell'Olio Nuovo". Anteprima, "I segreti dell'ulivo. Dalla coltivazione alla raccolta"

"Rifiuti tossici, le dichiarazioni del sindaco Germani non bastano"

Vetrya Orvieto Basket di autorità sull'Atomika

Tutti in piazza a San Vito per festeggiare le cento primavere di Cesarina

Rafael Varela realizza un quadro per i trenta anni dell'Associazione "Piero Taruffi"

Interregionale Gpg di Scherma ad Ariccia. Vince Rocchigiani, terze Tognarini e Urbani

Fine settimana a tutto rugby per l'Orvietana

A Foligno i pensionati della Cisl puntano sul territorio e sulla formazione

"Chi legge naviga meglio". Anche un omaggio ad Anna Marchesini per "Libriamoci"

"Occhi allo Specchio". Descrizioni dal vero Orvieto-Montecchio - 17

Premio Vetrya per la migliore tesi di laurea sulle applicazioni di intelligenza artificiale nell'industria 4.0

Confagricoltura rinnova le cariche, Giuseppe Malvetani confermato presidente

Progetto EVA+, attivo il distributore di elettricità per la ricarica veloce dei veicoli

Le akebie di Bianca

Juniores regionale di calcio a 5, reso noto il calendario

Regione Toscana e 13 Comuni firmano il protocollo d'intesa per il rilancio dell'Amiata