costume

Genitori a merenda: insieme per educare. Un buon risultato a Ciconia

giovedì 19 aprile 2007
Si sono svolti nei giorni scorsi presso la Scuola Elementare di Ciconia e di Orvieto Scalo i seminari “Genitori a merenda” relativi al Progetto di prevenzione del disagio giovanile, con particolare attenzione al tema dell’alimentazione, promosso dai comuni di Orvieto e Porano in collaborazione con Asl, Uisp e Camst. Dal 16 al 18 aprile si sono ritrovate, così, riunite le agenzie educative ed i servizi locali predisposti all’educazione dei bambini. Un'esperienza concreta, di azione sinergica e continuità educativa orizzontale che ha consolidato una rete di collaborazione che si sta sempre più affermando nella nostra realtà. La presenza degli esperti medici e dello psicologo ha fornito spunti di riflessione circa il rapporto tra cibo e cultura, cibo e pubblicità, cibo e salute che possono costituire una spinta ad interrogarsi sulla tematica più ampia del “benessere”. "Il nostro Circolo - affermano le insegnanti del Sette Martiri - ha da sempre affrontato le tematiche relative all’educazione alla salute ed ha inserito volentieri gli incontri nel proprio progetto di Alimentazione “Il puzzle del benessere” che propone l’acquisizione di un corretto stile di vita attraverso un percorso di insegnamento/apprendimento che valorizzi i prodotti del territorio, la salvaguardia dell’ambiente e del proprio corpo". Il mangiare è, come ha sottolineato il dottor Strabioli, un atto ricco di significati che va ben oltre il semplice soddisfacimento fisiologico. Come e cosa si mangia ha feedback familiari, psicologici, sociali, culturali ed economici. Sta agli adulti educatori, la famiglia e la scuola, educare le nuove generazioni a riflettere sui temi legati all’alimentazione, a promuovere effettivi stili di vita corretti e a proteggere da stimoli devianti. L’esperienza di questi incontri ha dimostrato la sempre più ampia sensibilità delle famiglie dei bambini che, se debitamente stimolate, sanno rispondere alle iniziative della scuola in modo partecipativo.

Commenta su Facebook