ambiente

Al Centro Studi aperte le iscrizioni per il corso di "Operatore della Fattoria Didattica"

mercoledì 6 febbraio 2019
di Davide Pompei
Al Centro Studi aperte le iscrizioni per il corso di "Operatore della Fattoria Didattica"

Il Nord Europa ha fatto scuola, ma quando sul finire del '900 hanno iniziato a svilupparsi quali attività supplementari per rilanciare il settore agro-alimentare avvicinando a quest'ultimo i più giovani mostrando loro radici e origini, l'Italia non si è tirata indietro. In un Paese a forte vocazione rurale, quello delle fattorie didattiche resta ancora oggi uno dei settori più interessanti. Non solo per le aziende agricole che accanto all'attività produttiva si attrezzano per svolgere quella didattico-formativa, ma anche per scolaresche, famiglie e gruppi di persone interessate ad approfondire la propria conoscenza sul campo che hanno la fortuna di entrare in contatto con una di quelle iscritte nei registri regionali e che rispettano le carte degli impegni e della qualità.

In esse sono definiti i requisiti di sicurezza, le norme igienico-sanitarie, gli obblighi di formazione degli operatori e la descrizione dell'offerta didattica. L'acquisizione di questa consapevolezza passa ora anche per il percorso formativo promosso dalla Fondazione per il Centro Studi Città di Orvieto che consente di ottenere la qualifica professionale di "Operatore della Fattoria Didattica". Un titolo riconosciuto dalla Regione Umbria, a livello nazionale e dall’Unione Europea che identifica quella figura professionale che si occupa di organizzare e svolgere attività didattiche e divulgative ed eventualmente organizzare la somministrazione di cibi e bevande, costituiti da prodotti biologici, tipici e tradizionali, a favore di bambini, ragazzi di tutte le età e adulti.

Lo scopo resta quello di valorizzare la cultura agricola e rurale, ma anche educare ad un consumo alimentare consapevole e rispettare l’ambiente nell’ambito dello sviluppo sostenibile. Il percorso, strutturato in 92 ore, è finalizzato alla formazione in termini di conoscenze e competenze così come definite dagli standard regionali per ottenere l'attestato che consente l’esercizio della professione. "Al termine – anticipano dalla Fondazione per il Centro Studi Città di Orvieto – i corsisti saranno in grado di gestire il processo di preparazione, erogazione e promozione dell’attività didattica di una fattoria, gestire e promuovere la fattoria didattica, organizzare la ricettività in termini di preparazione e di dotazione dei locali e degli spazi comuni.

E ancora gestire la relazione con il cliente, progettare, organizzare e condurre le attività didattiche, organizzare ed erogare eventuali servizi di ristorazione-degustazione di prodotti aziendali e tipici; prevenire i rischi e gestire il primo soccorso". Destinatari, i soggetti occupati che intendono perfezionarsi ed ampliare il proprio ambito di attività. Oppure inoccupati e disoccupati che vogliono avviarsi a questa specifica attività professionale attraverso la didattica di natura laboratoriale. I docenti sono formatori ed esperti di comprovata esperienza. È previsto un project word individuale, della durata di 32 ore, rivolto allo sviluppo di un progetto operativo di fattoria didattica. Il project work è parte integrante del percorso d’aula.

Per ulteriori informazioni ed iscrizioni:
Segreteria Fondazione per il Centro Studi “Città di Orvieto”
Palazzo Negroni (ex Tribunale) – Piazza Corsica, 2
0763.393496 – info@orvietostudi.it

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 febbraio

In cammino con il CAI, costeggiando Allerona e i suoi verdi dintorni

Visite pastorali alle Vicarie della Diocesi di Orvieto-Todi. Si inizia da quella di San Giuseppe

La filosofia come scienza di vita al "Caffè Letterario" di Viterbo

Unitus, la ricerca di Agraria e Ingegneria ai vertici in Italia

Affarismi

Zambelli Orvieto dispiaciuta ma pronta a reagire, lo dice Giulia Kotlar

Lavori a Duesanti su strade ed aree pubbliche, in corso la bitumatura nel centro storico

Verso la riqualificazione dell'ospedale. I lavori inizieranno a marzo

Castello di Alviano aperto alle gite scolastiche da tutta Italia

Fiori, i candidi fiori

Unitus, Fondazione Carivit e Accademia dei Lincei insieme per una nuova didattica nella scuola

Beni culturali e sisma, la Regione promuove una mostra alla Rocca di Spoleto di opere recuperate e restaurate

Prorogata fino al 5 marzo la mostra delle Fiaccole Olimpiche

Seconda edizione per "Corri...Amo Orvieto", tappa del 13° Criterium Uisp Gare su Strada

Gori (Anci) replica alla CNA: "La fusione a freddo non funziona"

Per "Amateatro" al Cinema Teatro Amiata "Arriva l'ispettore"

Al Mancinelli "Caruso e altre storie italiane". Nel foyer incontro con il coreografo Mvula Sungani

Via il palo, dentro un milione di visitatori a Civita. Bigiotti: "Al lavoro per potenziare l'offerta turistica"

Convegno su "Aree Interne. Quali prospettive per lo sviluppo del territorio?"

Reduce dal palco di Sanremo, Elodie incontra il pubblico dell'Umbria

Anna Mazzamauro è "Divina". Doppio appuntamento e risate a non finire