ambiente

"Alberi sapienti, antiche foreste. Come guardare, ascoltare e avere cura del bosco"

mercoledì 17 ottobre 2018
di Davide Pompei
"Alberi sapienti, antiche foreste. Come guardare, ascoltare e avere cura del bosco"

Gli alberi ci somigliano più di quanto crediamo”. Daniele Zovi, generale di brigata del Comando Carabinieri-Forestale del Veneto, ne è convinto al punto da corredare le 304 pagine del suo “Alberi sapienti, antiche foreste. Come guardare, ascoltare e avere cura del bosco” pubblicato a giugno tra i volumi di saggistica di Utet con 60 fotografie a colori che, più di ogni altra cosa, parlano.

 

Già autore di diversi trattati nonché tra i maggiori esperti in materia di foreste e fauna selvatica, mercoledì 17 ottobre alle 10 sarà al Teatro Comunale di Vignanello, al civico 12 di Corso Matteotti, per presentarlo dialogando con Roberto Petretti, consigliere segretario dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali della Provincia di Viterbo.

 

All'incontro, aperto al pubblico, parteciperanno oltre ai rappresentanti dell'Amministrazione Comunale e dell'Ordine, anche il personale del Comando Stazione dei Carabinieri Forestali di Soriano nel Cimino, a cui spetta la competenza territoriale, dell'Università degli Studi della Tuscia e gli studenti della Scuola Secondaria di Primo Grado di Vignanello.

Obiettivo, avvicinare la platea al mondo vegetale facendo comprendere con semplicità la sua complessa organizzazione vitale. La presentazione del libro che analizza, documenta e racconta la grande varietà dei verdi patriarchi offrirà l'occasione per focalizzare l'attenzione sulla funzione ecologica che questi svolgono, sia in ambiente naturale che urbano.

E, ancora, comprendere lo “spirito” presente tra le fronde. Perché – annota l'autore, sensibile osservatore della natura – “se si sta dentro un bosco in posizione di ascolto, prima o poi si avverte, si intuisce la presenza di un flusso di energia che circola tra i rami, le foglie, le radici. Talvolta è un sussurro, altre volte strepiti e grida. È come se le piante parlassero tra loro”.

 

Lui, infaticabile camminatore, ha imparato ad ascoltarle ed interpretarle, a considerarle non come paesaggio indistinto. Ha attraversato i sentieri che tagliano i boschi alpini di conifere. Ha perlustrato le antiche foreste croate e slovene. Si è arrampicato fino alle cime dei Picos de Europa, in Spagna. Ha contemplato il più vecchio eucalipto al mondo, il Giant Tingle Tree, in Australia.

 

Ha seguito i semi dell’abete rosso vorticare nel vento prima di atterrare sulla neve o la chioma contorta di secolari pioppi bianchi grandi come piazze. Rincorso le specie pioniere, gli alberi coloni che si sviluppano in territori abbandonati, analizzato cortecce e radici, fronde e resine. Capito che un bosco è il risultato di azioni e reazioni, alleanze e competizioni, crescita e crolli.

 

Un mondo mobile, che sebbene continuiamo a sforzarci di studiare e catalogare, limitare e controllare, resterà sempre un selvaggio, vibrante spazio di meraviglia”.

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 novembre

Tanta Umbria, ancora poco Orvietano nell'Atlante dei Cammini d'Italia

Mostrare per esserci, il progetto di cartellonistica per rifondare sulla bellezza Salci

Chiusa la fase congressuale del Pd, Scopetti confermato segretario

Pendolari sul piede di guerra: "Il futuro dei treni a Orvieto e il silenzio degli amministratori"

Tari, tariffe corrette e conformi alla normativa. Creta: "Non ci sono stati errori"

L'Orvietana punta il Castel Del Piano per riscattarsi dalla sconfitta

A Magione si corre l'Individual Race Attack, tanti orvietani al via

La Filarmonica festeggia Santa Cecilia. Concerto al Teatro Concordia

Parlare di violenza sulle donne per cambiare prospettiva. In Biblioteca, tre appuntamenti

Visita Pastorale del vescovo Benedetto Tuzia. Il decreto di indizione

Alla Rocca dei Papi, conferenza sul genio di Michelangelo

"Orvieto in Philosophia". Per la città della sapienza, Festival di Filosofia in Dialogo e Decade Kantian

Confetti rossi per Alessandra Polleggioni, prima laureata in Informatica Umanistica dell'Orvietano

Scuole, Variati (Upi): "Del totale dei fondi generali solo il 14 per cento destinato alle Superiori"

Ladri in azione in pieno giorno. Paura sull’Alfina

L'Università dell'Arizona presenta il progetto del Museo Archeologico "Poggio Gramignano"

In tanti agli Stati generali della Scuola. Bartolini: "Temi vitali per il futuro dei nostri giovani"

Anas, investimenti per quasi 200 milioni di euro per servizi di progettazione definitiva e fattibilità tecnico-economica

Monte Peglia e Provincia Autonoma di Bolzano, esperienze a confronto per il riconoscimento Mab Unesco

"La Natività ad Orvieto". Decima edizione per il concorso dei presepi, come partecipare

Al Museo di Palazzo Davanzati a Firenze, si presenta il volume di Lucio Riccetti

Giornata di studio su gestione pazienti con Bpco, integrazione Ospedale-Territorio

Al Museo Emilio Greco si presenta il volume "Cristo e il potere. Teologia, antropologia e politica"

Liberati (M5S): "Alta velocità? Poco chiare le risorse, Umbria tagliata fuori dalle opportunità"

Sostanze tossiche, rischio sismico. Consegnata la diffida ai sindaci

"100 Mete d'Italia", riconoscimenti a Monteleone d'Orvieto e Civita di Bagnoregio

"Il Tabarro" di Puccini risuona al Museo della Navigazione nelle Acque Interne

La Quercia

"Non fate come me". A Caffeina Incontri, l'esordio letterario di Massimiliano Bruno