ambiente

Le criticità dei lavori per la mitigazione del rischio idraulico ad Orvieto Scalo

lunedì 13 novembre 2017
di Santina Muzi
Le criticità dei lavori per la mitigazione del rischio idraulico ad Orvieto Scalo

Il Paglia. Bello e limpido il Paglia della mia infanzia, e nei periodi di magra consentiva facili guadi per raggiungere la riva opposta. Niente argini, al di là delle scarpate più o meno ripide o delle crete calanti dal versante ficullese. E il Romealla che vi si gettava esso pure era limpido, ricco di pesci e di grossi granchi bianchissimi. Proprio in quell'area ho avuto il primo contatto con il fiume quando, bambina piccolissima, la mamma che mi teneva per mano e reggeva in collo "la piccola" mi ha insegnato a poggiare i piedi sui grossi macigni affioranti a pelo d'acqua. Perché l'acqua c'era, come c'era nel Romealla, nel Carcaione e nel Rio Chiaro.

Impossibile oggi guadare il nostro fiume e, tranne rare eccezioni, è anche difficoltoso accedervi. E questo grazie ai tanti errori dei vari politici, dimentichi del fatto che se nel passato gli abitanti hanno accuratamente evitato di costruire centri abitati, attività artigianali e industriali nella zona di rispetto del Paglia o addirittura dentro l'alveo, ci sarà stato un motivo più che valido. Senza dimenticare il disastro avvenuto a fine agosto-primi settembre 1965 quando tutta la valle dal Romealla al ponte dell'Adunata era diventata un immenso lago. Ma allora i danni avevano riguardato essenzialmente il settore agricolo mentre attualmente sulla stessa area insistono grossi centri abitati, attività artigianali e commerciali che per lo più hanno subito danni e perdite enormi dall'esondazione del Paglia del 12 novembre 2012. Inutile recriminare sul passato, i quartieri moderni oramai ci sono ed è indispensabile provvedere alla loro incolumità.

I lavori per la mitigazione del rischio idraulico.Sui motivi per cui la 'Val di Paglia bene comune' ha organizzato la citata 'passeggiata' di venerdì 10 novembre abbiamo sentito il presidente dell'associazione Enrico Petrangeli che, insieme ai dirigenti di varie Associazioni e Cooperative, ha illustrato il percorso e quanto fatto dal Consorzio di Bonifica.

"L'intento era fare un sopralluogo nel tratto urbano del fiume un po' per vedere come sono stati realizzati i lavori di mitigazione del rischio idraulico, un po' per vedere le criticità che questi lavori hanno evidenziato e, soprattutto, per vedere le potenzialità di questa parte del territorio che effettivamente costituisce un polmone verde straordinario tra Orvieto Scalo, Ciconia e Sferracavallo".

Durante il percorso ho sentito molte critiche a proposito dei lavori effettuati:
"Sì, perché sono state realizzati secondo un criterio riduttivamente ingegneristico avendo in testa l'interpretazione del territorio come un problema idraulico. Invece questo è un territorio che va riconsegnato alla fruizione pubblica, fa parte del tessuto urbanistico dell'area moderna di Orvieto. Bisogna trattarlo perché svolga la sua funzione sociale e la sua funzione urbanistica".

Quali le critiche più dure?
"Allo stato attuale l'accesso al fiume anziché essere favorito viene essenzialmente impedito. Da parte nostra invece stiamo continuando a chiedere una maggiore possibilità di penetrazione sugli spazi del fiume perché effettivamente si dia il via all'incremento della mobilità dolce, della mobilità a piedi, in bicicletta,... affinché sia possibile muoversi nella parte moderna di Orvieto senza incrociare le strade e senza far ricorso alle autovetture".

E perché dici che non è possibile accedere al fiume?
"Perché le arginature diventano spesso insormontabili, perché non sono state previste delle rampe di accesso per gli utenti, perché queste rampe laddove sono state realizzate sono un po' incongrue, perché l'imbrecciatura fatta rende difficile il cammino, perché le pendenze sono eccessive... E potremmo continuare un bel po'. Ora è vero che lo stato attuale non rappresenta lo stato definitivo, altre operazioni andranno ad essere fatte, altre opere di riqualificazione si dovranno fare. Se si fosse operato già con l'idea di riqualificare uno spazio urbano avremmo speso meno e soprattutto ne avremmo avuto già la disponibilità".

Si parlava di 8 milioni di euro spesi.
"Otto milioni grosso modo era la dotazione prevista per la realizzazione delle opere di mitigazione del rischio".

Mitigazione del rischio: cosa vuol dire?
"Tutto e niente. Mitigazione del rischio in questo caso vuol dire contrasto delle acque di piena e decremento della vulnerabilità da parte della popolazione residente. Però la mitigazione del rischio effettivamente la fa non una barriera o un muro, la fa la sistemazione del territorio, che è compito della politica. Per mitigare il rischio effettivamente bisogna ragionare in termini sociali e politici. E poi il fiume di per sé non è pericoloso, solo in certi frangenti e in particolari circostanze può diventarlo: la mitigazione del rischio, dunque non può essere il criterio principedi intervento".

Insomma, per la mitigazione del rischio si sono fatti solamente degli argini?
"Sì, sì. Questo prevedeva il progetto. C'è un master plan più articolato che riguarda altri interventi che faceva da cornice a questi fatti, interventi che riguardano tutta l'asta del Paglia che però non sono stati realizzati.  Attualmente gli 8 milioni sono stati utilizzati per realizzare solamente le difese passive, vale a dire i terrapieni. Ciò che manca effettivamente è la visione complessiva dell'intervento tarata sulla riqualificazione urbana.

È questo che dovremmo riuscire a fare: trasformare questa porzione di territorio da zona inospitale periferica, brutta e degradata a zona capace di attrarre. Ci sono degli scorci naturalistici a portata di mano, fruibili, davvero interessanti. C'è la possibilità poi di far fare tutta quella attività all'aria aperta per la promozione della salute e la coesione sociale che va sotto il nome di 'sport di cittadinanza'. C'è la possibilità effettiva di accedere alla rete escursionistica che potrebbe avere ripercussioni positive sulla permanenza media dei turisti".

Altri interventi
Varie le osservazioni evidenziate dalle società e dalle cooperative impegnate nel sociale (una ventina circa) che prima dell'alluvione usufruivano dei tanti spazi verdi del 'Parco urbano del Paglia'. Tutte hanno qualcosa da mettere in luce: l'Asd Polisportiva 'La tartaruga' fa notare la necessità di ripulire lo spazio verde compreso tra il Paglia e la rotonda di via Stornelli per consentire le attività degli iscritti, mister Fazi illustra la situazione dell'area retrostante il campo di rugby, utilizzata come parcheggio, priva del minimo impianto di illuminazione. Ma si comprende che è anche indispensabile la sistemazione di cartelli che vietino ai proprietari di cani di lasciare ai loro animali la libertà di sporcare con le deiezioni le piste del ruzzolone, nonché di far rispettare il divieto in questione... Tra le varie criticità, viene alla luce la questione dei laghetti. Ed è la pescasportiva 'Lenza orvietana' che, tramite Valentino Maggi, esprime rammarico e proccupazione:

"Il laghetto è in un posto infelice, non andava fatto qui. Però, una volta fatto, noi pescatori l'abbiamo difeso perché è stato utilizzato non solo per fare i corsi estivi di pesca ma anche per i corsi per le scuole: le medie, il liceo... La cosa è stata facilitata perché il polo scolastico si trova nelle immediate vicinanze. Dopo l'alluvione del 2012 sembrava semplice ripulire il laghetto. Invece non è stato possibile ed è stato abbandonato, nonostante la richiesta di molte persone per il ripristino sia del laghetto che del percorso. Noi, per tempo, siamo intervenuti per evidenziare certe criticità, eppure questo è il risultato..." conclude indicando il sottopasso.

Il sottopasso in questione dalla Direttissima portava all'area del laghetti. Portava? Veramente il sottopasso c'è ancora. Ma oggi nemmeno si nota miniaturizzato com'è tra i macigni disposti a difesa delle due rampe. Rampe che, peggio di un ascensore, affrontano il notevole dislivello del dosso costruito a difesa di quella parte di Orvieto Scalo.

"Quindi qui non ci si può venire più.- prosegue Maggi -Pensate ad un disabile, ad una donna con la carrozzina, una persona di una certa età... Più a monte c'è un lavoro analogo ma la salita è meno impervia, è più dolce. Era molto semplice: cosa ci voleva ad allungare un po' di più il toppo? Anche a valle del ponte dell'Adunata si è danneggiata una bella zona che attirava pescasportivi anche da fuori. C'erano delle società di pesca sportiva che venivano con i pullman da Roma... A parte il fatto che è stata spostata la foce del Fanello più a monte... Prima dell'alluvione qui c'era un campo di gara".

In questo specchio d'acqua il fiume riprende il suo aspetto suggestivo con le chiome dorate dei pioppi riflesse nell'acqua, il Fanello sfociante contro corrente che sembra risalire il Paglia superando i sassi bianchi immobili come paperelle, i pescatori mimetizzati tra l'oscurità della vegetazione...

Ma la realtà è ben diversa dalle immagini bucoliche: il campo di gara è frutto di un intervento realizzato, non da ora, a difesa delle fondamenta del ponte e la calma superficiale dei laghetti non è affatto rassicurante e non promette niente di buono per i pescasportivi:
"Purtroppo - riferisce Enrico Petrangeli - in periodi di piogge intense una parte delle acque di fognatura di Orvieto Scalo finisce dentro il laghetto. Per fare l'allaccio alla conduttura del depuratore manca un metro e mezzo, manca solo di attraversare la strada".
"Qui - aggiunge Maggi - abbiamo fatto una infinità di sopralluoghi. Niente. Come più a valle nel caso del Fosso Fanello sono state fatte scelte che penalizzano il fiume e i cittadini".
Anche quest'area è Orvieto, ne va della nostra immagine, l'immagine di un'Orvieto pulita, organizzata, coerente con la bellezza che la circonda e con il coraggio delle idee. Come dice Valentino Maggi:
"È il nostro territorio, non lasciamo che altri ce lo deturpino".

Pubblicato da Gianni Cardinali il 14 novembre 2017 alle ore 12:03
Sottoscrivo interamente il contenuto dell'intervento aggiungendo una ulteriore criticità cioè quella manutenzione ovviamente non prevista! Se me lo posso permettere aggiungerei che mi si dà ragione del mio "ponderoso" intervento pubblicato il 10 settembre scorso: http://www.orvietonews.it/opinioni/2017/09/10/un-gioiello-nel-fango-lettera-aperta-sul-rischio-idrogeologico-ad-orvieto-57088.html

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 novembre

Torna la "Maratona dell'Olio". Verso la creazione di un marchio unico di qualità

Quarta edizione per "Viterbo Fotografia". Mostre e incontri fotografici nella Città dei Papi

Anna Merolle presenta il libro "Il filo di Anna. Tanti nodi, una sola storia"

Impazza il toto-assessore. La TeMa, intanto, esprime "stima e gratitudine"

Al Teatro Boni Amanda Sandrelli dirige "Il Piccolo Principe e l'Aviatore"

Viabilità, in fase chiusura gli interventi su 79 bis Orvietana e 71 Umbro Casentinese

La Zambelli Orvieto può contare su Gloria Santin

Il Comune aderisce al bando della Regione Lazio Rete di Imprese con il Progetto "Porta Francigena"

Il Comune istituisce il nuovo Piano Parcheggi, ecco cosa prevede

Attività estrattive, la giunta regionale approva relazione informativa 2013-2015

"Altri 2,5 milioni di euro per completamento piano intervento frane/dissesti"

Verso il referendum, alla Casa del Popolo assemblea pubblica su "Le ragioni del Sì"

Dopo il sisma, riapre la Tre Valli. Soddisfazione dell'assessore Chianella

Discarica Le Crete. Fiorini (Lega Nord): "La Regione si assuma le proprie responsabilità"

"Cambiare Sì Può". Incontro alla sala polivalente con Eros Brega e Simona Bonafè

Adozioni, i Comuni di Terni, Narni, Orvieto e Usl 2 firmano il protocollo per rafforzare il servizio

Magistrati a convegno su "La giustizia tributaria tra riforma e controriforma"

"Eretico Futuro" raddoppia, tra pensiero digitale e creatività produttiva

Incontro con sindaci e associazioni agricole, ecco le disposizioni per il post-sisma

Sciopero del personale ferroviario, frecce regolari

Settimana europea per la riduzione dei rifiuti, prevenzione ed ecoinnovazione per un imballaggio circolare

Rotary Club Orvieto: "Il nostro impegno a sostegno del territorio"

Dal Comune assicurano: "Continua l'impegno nei confronti dell'ospedale"

Percorsi e culture della danza contemporanea alla Biblioteca Pubblica "L. Fumi": incontri con la coreografa Rossella Fiumi. Giovedì 25 novembre il secondo happening del ciclo

Il testo integrale dell'illustrazione della mozione, così come è stata pronunciata ieri dal consigliere Leoni

Arsenico nel bicchiere si o no? Il SII rassicura sulla qualità dell'acqua di Orvieto

Onde anomale

Il consigliere comunale Marco Moscetti vuole saperne di più. Interrogazione sulla qualità dell'acqua erogata nell'Orvietano

Castel Viscardo e Allerona chiedono l'intervento del Prefetto sulla problematica dell'esondazione Paglia

Piena del fiume Paglia. Il consigliere regionale Galanello presenta un'interrogazione in Regione

Dalla Regione rassicurazioni per il tessile. Rossi "Riattiveremo il tavolo istituzionale"

"Percorsi di cittadinanza". Giovedì 25 novembre presentazione del progetto volto alla costituzione di un'associazione di cittadini stranieri residenti sul territorio orvietano

Aprire i varchi elettronici per le Festività. Lo chiede Confcommercio Orvieto

Barriere fonoassorbenti allo Scalo. Il sindaco glissa l'interrogazione di Oriano Ricci e il rumore resta

Il numero delle farmacie sul territorio non cambia ma diventa possibile, a richiesta, un trasferimento. Approvata dal consiglio comunale la pianta organica 2009/2010

Istituire una giornata intitolata alla memoria di Giovanni Ciuco. Lo chiedono alcuni consiglieri comunali

Definita la composizione dell'Osservatorio permanente sul fenomeno delle tossicodipendenze

"Bolero e non solo" al Mancinelli. Domenica 28 novembre con Kledi Kadiu

Arsenico nell'acqua: nessuna situazione di pericolo a Orvieto. Zazzaretta: "Nessun allarme"

Ad Allerona Scalo Anpi e Comune presentano"La storia rovesciata"

Torna il corso "La cucina di Natale" a Il Palazzo del Gusto. Iscrizioni entro il 30 novembre

Settimana europea della riduzione dei rifiuti. L'Orvietano arretrato nella differenziata: se ne è parlato in un'iniziativa de "Il Ginepro" ad Allerona

Una "Italietta" davvero piccola

Su Agorà Umbria – Insieme per il Pd, su dilettanti allo sbaraglio (Ranchino, Concina...)

Vinti e vincitori nel week end sportivo orvietano

Settimana europea per la riduzione dei rifiuti. Vergognoso l'11% di differenziata a Orvieto: lo denuncia Altra Città

Prorogata fino al 10 gennaio la mostra su Leonardo Da Vinci

"Alcol e giovani". Incontro a Castel Viscardo organizzato dal Centro Salute di Monterubiaglio

Nasce "Agorà Umbria - insieme per il PD". Riparte da Amelia la "voglia di fare politica"

Esordio della Orvieto Nuoto 97 alle gare Provinciali

Orvieto Libera? nessuna rottura. Ma una spina nel fianco di Concina e dei suoi assessori

Interpellanza sulle iniziative per lo sviluppo del Turismo

Interpellanza per una corretta gestione del servizio idrico - Ramo Gabelletta/Ponte del Sole

Mozione sulla regolamentazione della vendita a filiera corta

Giornate soleggiate, polveri sottili in agguato. A Ciconia superata la soglia di PM10

Mozione su Protocollo di intesa con Viterbo, Civitavecchia e i Comuni dell'Alta Tuscia

Mozione protocollo di intesa con Roma capitale

"Per non morire di lavoro". Dal convegno di Orvieto interventi, proposte, contenuti

"Riprendiamo a giocare" e "Lettori del presente" alla Biblioteca "Luigi Fumi"

L'Azienda De Filippo presenta i suoi vini all'Enoteca Regionale di Palazzo del Gusto

Sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. Seminario di Confartigianato Orvieto

23 novembre 2007: HTML.it compie 10 anni. Dalla stanza tutta per sé all'internet company: leggi e guarda il video

Se siete preoccupati per Forza Nuova (e non solo) tutti invitati all'incontro con il Professor Roberto Gatti!

S.O.S. cagnolino smarrito a Bolsena cercasi

25 novembre, Giornata Mondiale della Violenza contro le donne: una piaga dell'intera umanità. Sabato 24 manifestazione a Roma

Approvato il progetto definitivo revisionato della Complanare

Il Comune di Orvieto aderisce al progetto IPEW sulle energie rinnovabili

Sostegno del Consiglio Provinciale alla proposta di indennità di disoccupazione per i precari: lo propongono i consiglieri dello SDI

Sicurezza sul lavoro: dalla Provincia formazione e coordinamento per aumentare controlli e prevenzione

Uomini in sovrappeso, donne sedentarie e fumatrici. Lo stato di salute degli umbri al XXI Convegno Nazionale SISA

L'arredo urbano verso un nuovo look. Al via la localizzazione delle preinsegne a partire dal centro storico

Violenza sulle donne: cresce con l'esplosione di libertà femminile. Sconfiggiamola con un modo nuovo di pensare e praticare la politica

La violenza contro le donne ci riguarda, prendiamo la parola come uomini: il documento di Maschileplurale e altre associazioni di uomini

25 novembre, 'Cerchio delle donne' a Palazzo dei Sette. A cura dell'Albero di Antonia, con il patrocinio del Comune di Orvieto e la collaborazione della Biblioteca Luigi Fumi

Guidata da coach Bondi Azzurra Iemmeci gira pagina e affronta il Manhattan Sulmona

Meteo

giovedì 23 novembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 11.0ºC 93% scarsa direzione vento
15:00 13.6ºC 74% buona direzione vento
21:00 10.6ºC 97% buona direzione vento
venerdì 24 novembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 11.8ºC 87% buona direzione vento
15:00 14.8ºC 74% buona direzione vento
21:00 10.2ºC 98% buona direzione vento
sabato 25 novembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 12.7ºC 92% foschia direzione vento
15:00 13.9ºC 79% buona direzione vento
21:00 12.0ºC 97% foschia direzione vento
domenica 26 novembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.3ºC 89% buona direzione vento
15:00 8.6ºC 58% buona direzione vento
21:00 2.8ºC 83% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni