ambiente

Le criticità dei lavori per la mitigazione del rischio idraulico ad Orvieto Scalo

lunedì 13 novembre 2017
di Santina Muzi
Le criticità dei lavori per la mitigazione del rischio idraulico ad Orvieto Scalo

Il Paglia. Bello e limpido il Paglia della mia infanzia, e nei periodi di magra consentiva facili guadi per raggiungere la riva opposta. Niente argini, al di là delle scarpate più o meno ripide o delle crete calanti dal versante ficullese. E il Romealla che vi si gettava esso pure era limpido, ricco di pesci e di grossi granchi bianchissimi. Proprio in quell'area ho avuto il primo contatto con il fiume quando, bambina piccolissima, la mamma che mi teneva per mano e reggeva in collo "la piccola" mi ha insegnato a poggiare i piedi sui grossi macigni affioranti a pelo d'acqua. Perché l'acqua c'era, come c'era nel Romealla, nel Carcaione e nel Rio Chiaro.

Impossibile oggi guadare il nostro fiume e, tranne rare eccezioni, è anche difficoltoso accedervi. E questo grazie ai tanti errori dei vari politici, dimentichi del fatto che se nel passato gli abitanti hanno accuratamente evitato di costruire centri abitati, attività artigianali e industriali nella zona di rispetto del Paglia o addirittura dentro l'alveo, ci sarà stato un motivo più che valido. Senza dimenticare il disastro avvenuto a fine agosto-primi settembre 1965 quando tutta la valle dal Romealla al ponte dell'Adunata era diventata un immenso lago. Ma allora i danni avevano riguardato essenzialmente il settore agricolo mentre attualmente sulla stessa area insistono grossi centri abitati, attività artigianali e commerciali che per lo più hanno subito danni e perdite enormi dall'esondazione del Paglia del 12 novembre 2012. Inutile recriminare sul passato, i quartieri moderni oramai ci sono ed è indispensabile provvedere alla loro incolumità.

I lavori per la mitigazione del rischio idraulico.Sui motivi per cui la 'Val di Paglia bene comune' ha organizzato la citata 'passeggiata' di venerdì 10 novembre abbiamo sentito il presidente dell'associazione Enrico Petrangeli che, insieme ai dirigenti di varie Associazioni e Cooperative, ha illustrato il percorso e quanto fatto dal Consorzio di Bonifica.

"L'intento era fare un sopralluogo nel tratto urbano del fiume un po' per vedere come sono stati realizzati i lavori di mitigazione del rischio idraulico, un po' per vedere le criticità che questi lavori hanno evidenziato e, soprattutto, per vedere le potenzialità di questa parte del territorio che effettivamente costituisce un polmone verde straordinario tra Orvieto Scalo, Ciconia e Sferracavallo".

Durante il percorso ho sentito molte critiche a proposito dei lavori effettuati:
"Sì, perché sono state realizzati secondo un criterio riduttivamente ingegneristico avendo in testa l'interpretazione del territorio come un problema idraulico. Invece questo è un territorio che va riconsegnato alla fruizione pubblica, fa parte del tessuto urbanistico dell'area moderna di Orvieto. Bisogna trattarlo perché svolga la sua funzione sociale e la sua funzione urbanistica".

Quali le critiche più dure?
"Allo stato attuale l'accesso al fiume anziché essere favorito viene essenzialmente impedito. Da parte nostra invece stiamo continuando a chiedere una maggiore possibilità di penetrazione sugli spazi del fiume perché effettivamente si dia il via all'incremento della mobilità dolce, della mobilità a piedi, in bicicletta,... affinché sia possibile muoversi nella parte moderna di Orvieto senza incrociare le strade e senza far ricorso alle autovetture".

E perché dici che non è possibile accedere al fiume?
"Perché le arginature diventano spesso insormontabili, perché non sono state previste delle rampe di accesso per gli utenti, perché queste rampe laddove sono state realizzate sono un po' incongrue, perché l'imbrecciatura fatta rende difficile il cammino, perché le pendenze sono eccessive... E potremmo continuare un bel po'. Ora è vero che lo stato attuale non rappresenta lo stato definitivo, altre operazioni andranno ad essere fatte, altre opere di riqualificazione si dovranno fare. Se si fosse operato già con l'idea di riqualificare uno spazio urbano avremmo speso meno e soprattutto ne avremmo avuto già la disponibilità".

Si parlava di 8 milioni di euro spesi.
"Otto milioni grosso modo era la dotazione prevista per la realizzazione delle opere di mitigazione del rischio".

Mitigazione del rischio: cosa vuol dire?
"Tutto e niente. Mitigazione del rischio in questo caso vuol dire contrasto delle acque di piena e decremento della vulnerabilità da parte della popolazione residente. Però la mitigazione del rischio effettivamente la fa non una barriera o un muro, la fa la sistemazione del territorio, che è compito della politica. Per mitigare il rischio effettivamente bisogna ragionare in termini sociali e politici. E poi il fiume di per sé non è pericoloso, solo in certi frangenti e in particolari circostanze può diventarlo: la mitigazione del rischio, dunque non può essere il criterio principedi intervento".

Insomma, per la mitigazione del rischio si sono fatti solamente degli argini?
"Sì, sì. Questo prevedeva il progetto. C'è un master plan più articolato che riguarda altri interventi che faceva da cornice a questi fatti, interventi che riguardano tutta l'asta del Paglia che però non sono stati realizzati.  Attualmente gli 8 milioni sono stati utilizzati per realizzare solamente le difese passive, vale a dire i terrapieni. Ciò che manca effettivamente è la visione complessiva dell'intervento tarata sulla riqualificazione urbana.

È questo che dovremmo riuscire a fare: trasformare questa porzione di territorio da zona inospitale periferica, brutta e degradata a zona capace di attrarre. Ci sono degli scorci naturalistici a portata di mano, fruibili, davvero interessanti. C'è la possibilità poi di far fare tutta quella attività all'aria aperta per la promozione della salute e la coesione sociale che va sotto il nome di 'sport di cittadinanza'. C'è la possibilità effettiva di accedere alla rete escursionistica che potrebbe avere ripercussioni positive sulla permanenza media dei turisti".

Altri interventi
Varie le osservazioni evidenziate dalle società e dalle cooperative impegnate nel sociale (una ventina circa) che prima dell'alluvione usufruivano dei tanti spazi verdi del 'Parco urbano del Paglia'. Tutte hanno qualcosa da mettere in luce: l'Asd Polisportiva 'La tartaruga' fa notare la necessità di ripulire lo spazio verde compreso tra il Paglia e la rotonda di via Stornelli per consentire le attività degli iscritti, mister Fazi illustra la situazione dell'area retrostante il campo di rugby, utilizzata come parcheggio, priva del minimo impianto di illuminazione. Ma si comprende che è anche indispensabile la sistemazione di cartelli che vietino ai proprietari di cani di lasciare ai loro animali la libertà di sporcare con le deiezioni le piste del ruzzolone, nonché di far rispettare il divieto in questione... Tra le varie criticità, viene alla luce la questione dei laghetti. Ed è la pescasportiva 'Lenza orvietana' che, tramite Valentino Maggi, esprime rammarico e proccupazione:

"Il laghetto è in un posto infelice, non andava fatto qui. Però, una volta fatto, noi pescatori l'abbiamo difeso perché è stato utilizzato non solo per fare i corsi estivi di pesca ma anche per i corsi per le scuole: le medie, il liceo... La cosa è stata facilitata perché il polo scolastico si trova nelle immediate vicinanze. Dopo l'alluvione del 2012 sembrava semplice ripulire il laghetto. Invece non è stato possibile ed è stato abbandonato, nonostante la richiesta di molte persone per il ripristino sia del laghetto che del percorso. Noi, per tempo, siamo intervenuti per evidenziare certe criticità, eppure questo è il risultato..." conclude indicando il sottopasso.

Il sottopasso in questione dalla Direttissima portava all'area del laghetti. Portava? Veramente il sottopasso c'è ancora. Ma oggi nemmeno si nota miniaturizzato com'è tra i macigni disposti a difesa delle due rampe. Rampe che, peggio di un ascensore, affrontano il notevole dislivello del dosso costruito a difesa di quella parte di Orvieto Scalo.

"Quindi qui non ci si può venire più.- prosegue Maggi -Pensate ad un disabile, ad una donna con la carrozzina, una persona di una certa età... Più a monte c'è un lavoro analogo ma la salita è meno impervia, è più dolce. Era molto semplice: cosa ci voleva ad allungare un po' di più il toppo? Anche a valle del ponte dell'Adunata si è danneggiata una bella zona che attirava pescasportivi anche da fuori. C'erano delle società di pesca sportiva che venivano con i pullman da Roma... A parte il fatto che è stata spostata la foce del Fanello più a monte... Prima dell'alluvione qui c'era un campo di gara".

In questo specchio d'acqua il fiume riprende il suo aspetto suggestivo con le chiome dorate dei pioppi riflesse nell'acqua, il Fanello sfociante contro corrente che sembra risalire il Paglia superando i sassi bianchi immobili come paperelle, i pescatori mimetizzati tra l'oscurità della vegetazione...

Ma la realtà è ben diversa dalle immagini bucoliche: il campo di gara è frutto di un intervento realizzato, non da ora, a difesa delle fondamenta del ponte e la calma superficiale dei laghetti non è affatto rassicurante e non promette niente di buono per i pescasportivi:
"Purtroppo - riferisce Enrico Petrangeli - in periodi di piogge intense una parte delle acque di fognatura di Orvieto Scalo finisce dentro il laghetto. Per fare l'allaccio alla conduttura del depuratore manca un metro e mezzo, manca solo di attraversare la strada".
"Qui - aggiunge Maggi - abbiamo fatto una infinità di sopralluoghi. Niente. Come più a valle nel caso del Fosso Fanello sono state fatte scelte che penalizzano il fiume e i cittadini".
Anche quest'area è Orvieto, ne va della nostra immagine, l'immagine di un'Orvieto pulita, organizzata, coerente con la bellezza che la circonda e con il coraggio delle idee. Come dice Valentino Maggi:
"È il nostro territorio, non lasciamo che altri ce lo deturpino".

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 aprile

"Alviano, un castello da favola" tra proposte didattiche ed animazioni in costume

Quale venticinque aprile?

Oltre 250 persone alla presentazione del libro "Erminia Frezzolini. La signora della lirica"

Otto nuovi campioni regionali al Trofeo Arcobaleno Fidal

Premio Letterario Città di Lugnano, ecco i nomi che compongono la giuria

Numero Umbria Sanità, per abbattere le barriere tra il sistema sanitario e i cittadini

Arte in movimento al Colle del Duomo, visite guidate a passo di danza

Marini scrive a Ruggiano: "25 aprile da celebrare tutti uniti"

Gli ex sindaci di Todi scrivono al loro successore: "Riveda la sua posizione"

"Manciano Street Music Festival", dal 7 al 10 giugno l'edizione 2018

Problemi sulla Direttissima, pendolari dirottati sulla linea Lenta

Il messaggio dell'Amministrazione Comunale: "Viva il 25 Aprile, viva la Libertà"

Protocollo tra Comune e Unipg per studiare le proprietà cosmetiche e salutari delle argille

La Vetrya Orvieto Basket si aggiudica Gara 1 di Semifinale

La Biblioteca fiorisce di iniziative per "Il Maggio dei Libri 2018"

Orvieto accoglie i partecipanti de "La Carrareccia Liberata"

Piazza del Popolo, Piazza Vivaria e Piazza Corsica, ecco cosa cambia

Anche ad Orvieto arriva la Carta d'Identità Elettronica

Messa in sicurezza del muro, divieto di sosta in Via Cesare Nebbia

Presentato "Metamorfosi 2. Riciclo Creativo", un sogno di carta che si fa solidale

Ballata alla maniera di Faber

Zambelli Orvieto, una debuttante che comincia a fare paura

Caccia in Umbria, ecco la proposta di Calendario Venatorio 2018/2019 preadottata

"Italia Nostra invita la Soprintendenza umbra a formulare un parere che salvaguardi Orvieto"

Seconda edizione per "Orvieto a tutta birra". In Piazza del Popolo, la Festa della Birra Artigianale

Torna "Il Cantamaggio" a Ciconia, ecco come cambia la viabilità

Modifiche alla viabilità, il mercato trasloca in Piazza Cahen

Colpo di scena in Consiglio Comunale. Loriana Stella dimissionaria

Patto di amicizia fra Orvieto e Pesaro nel segno di Padre Gianfranco Maria Chiti

"Tentazioni", personale di pittura di Ioan Pascu al Centro Studi "Città di Orvieto"

Sei nuovi ingegneri "junior" dal Corso di laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni di Orvieto

"Voci del Sacro". Sabato 24 aprile a Guardea la "Passio secondum Joannem"

In difesa del Tribunale di Orvieto: interrogazione Belcapo in Consiglio. Barberani: "L'aria che tira non è incoraggiante"

Interrogazione Gialletti sulla disciplina transitoria riguardante gli allietamenti: "Tutti devono attenersi a delle regole". Il Sindaco: "a molti sfugge la distinzione tra allietamento ed intrattenimento"

"La scultura lignea in Italia, in Umbria e nella Diocesi". Sabato 24 aprile seminario a cura della associazione "Pietre Vive"

Episodi di vandalismo, a matrice politica e non, compiuti nel territorio comunale. Rosmini: "deplorevoli e frutto di stupidità"

Ancora su Commercio e Turismo. Chi discrimina chi?

Anas, i diserbanti utilizzati sulle strade di competenza non sono dannosi né per l'uomo né per l'ambiente

Effetto Stella: entra in Consiglio Cecilia Stopponi

Vicenda Grinta Srl. Tutto rimandato a fine maggio, l'azienda ha tempo un mese per trovare soluzioni concrete

"Dalla traccia alla prova. Il contributo dei RIS all'attività della Polizia Giudiziaria e della Magistratura": Fabro incontra i suoi illustri cittadini

L'Italia che non finisce di stupire. Assurda la proposta Fieg sulla tassa Internet per finanziare l'editoria

Guido Scorza: "L’idea è inaccettabile e giuridicamente illegittima. Nel Paese dei dinosauri paga sempre l'innovazione"

Il Gala perde e attende l'ultimo impegno. In arrivo il 1° Torneo Gala5

I legali degli indagati all'opera per il dissequestro: "in regola i permessi per costruire"

Lo stalking diventa reato autonomo. Non tutto è perfetto ma si esce finalmente dal silenzio

Viabilità, sicurezza e servizi all'area residenziale ed industriale di Bardano, respinta in Consiglio la mozione del Gruppo Misto

Corso di laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni di Orvieto: laureati altri otto ingegneri "junior"

Istituite forme di previdenza e assistenza complementare per il personale della Polizia Municipale

Il Comune di Orvieto aderisce alla Carta Europea per l'uguaglianza e le parità fra donne e uomini nella vita locale

Paolo Trippini scelto per concorrere al premio "Miglior Chef del Centro Italia"

Vauro e la Rai, tra nuovi partigiani e vecchi regimi

Le cave si stanno mangiando il bel Paese. Un contributo alla Settimana della Cultura

1600 euro i fondi raccolti dai Giovani Democratici per l'Abruzzo

25 aprile: "E' una ricorrenza di tutti, festeggiamola insieme". Molte le iniziative a Orvieto e nel Comprensorio

A Castelviscardo incontro tra Fausto Ermini e Massimo Tiracorrendo

A San Venanzo intitolazione della Biblioteca Comunale a Stefano Millesimi. Mostra personale di pittura dell'artista

Passeggiata ecologica a San Venanzo

La Sapienza intitola a Sante De Sanctis l'aula magna delle facoltà di Psicologia

A Montegabbione incontro su "La battaglia dimenticata". Pomeriggio sportivo con la cronoscalata Faiolo-Montegabbione

Ad Orvieto in mostra le opere di Paolo Antonini

"Un Canto per la Vita". Al Palazzo dei Congressi la Corale Polifonica della Cattedrale di Orvieto

25-26 aprile sull'altopiano dell'Alfina manifestazione di aeromodellismo

Partito da Orvieto il VII Giro Podistico dell'Umbria sotto il maltempo