ambiente

Le criticità dei lavori per la mitigazione del rischio idraulico ad Orvieto Scalo

lunedì 13 novembre 2017
di Santina Muzi
Le criticità dei lavori per la mitigazione del rischio idraulico ad Orvieto Scalo

Il Paglia. Bello e limpido il Paglia della mia infanzia, e nei periodi di magra consentiva facili guadi per raggiungere la riva opposta. Niente argini, al di là delle scarpate più o meno ripide o delle crete calanti dal versante ficullese. E il Romealla che vi si gettava esso pure era limpido, ricco di pesci e di grossi granchi bianchissimi. Proprio in quell'area ho avuto il primo contatto con il fiume quando, bambina piccolissima, la mamma che mi teneva per mano e reggeva in collo "la piccola" mi ha insegnato a poggiare i piedi sui grossi macigni affioranti a pelo d'acqua. Perché l'acqua c'era, come c'era nel Romealla, nel Carcaione e nel Rio Chiaro.

Impossibile oggi guadare il nostro fiume e, tranne rare eccezioni, è anche difficoltoso accedervi. E questo grazie ai tanti errori dei vari politici, dimentichi del fatto che se nel passato gli abitanti hanno accuratamente evitato di costruire centri abitati, attività artigianali e industriali nella zona di rispetto del Paglia o addirittura dentro l'alveo, ci sarà stato un motivo più che valido. Senza dimenticare il disastro avvenuto a fine agosto-primi settembre 1965 quando tutta la valle dal Romealla al ponte dell'Adunata era diventata un immenso lago. Ma allora i danni avevano riguardato essenzialmente il settore agricolo mentre attualmente sulla stessa area insistono grossi centri abitati, attività artigianali e commerciali che per lo più hanno subito danni e perdite enormi dall'esondazione del Paglia del 12 novembre 2012. Inutile recriminare sul passato, i quartieri moderni oramai ci sono ed è indispensabile provvedere alla loro incolumità.

I lavori per la mitigazione del rischio idraulico.Sui motivi per cui la 'Val di Paglia bene comune' ha organizzato la citata 'passeggiata' di venerdì 10 novembre abbiamo sentito il presidente dell'associazione Enrico Petrangeli che, insieme ai dirigenti di varie Associazioni e Cooperative, ha illustrato il percorso e quanto fatto dal Consorzio di Bonifica.

"L'intento era fare un sopralluogo nel tratto urbano del fiume un po' per vedere come sono stati realizzati i lavori di mitigazione del rischio idraulico, un po' per vedere le criticità che questi lavori hanno evidenziato e, soprattutto, per vedere le potenzialità di questa parte del territorio che effettivamente costituisce un polmone verde straordinario tra Orvieto Scalo, Ciconia e Sferracavallo".

Durante il percorso ho sentito molte critiche a proposito dei lavori effettuati:
"Sì, perché sono state realizzati secondo un criterio riduttivamente ingegneristico avendo in testa l'interpretazione del territorio come un problema idraulico. Invece questo è un territorio che va riconsegnato alla fruizione pubblica, fa parte del tessuto urbanistico dell'area moderna di Orvieto. Bisogna trattarlo perché svolga la sua funzione sociale e la sua funzione urbanistica".

Quali le critiche più dure?
"Allo stato attuale l'accesso al fiume anziché essere favorito viene essenzialmente impedito. Da parte nostra invece stiamo continuando a chiedere una maggiore possibilità di penetrazione sugli spazi del fiume perché effettivamente si dia il via all'incremento della mobilità dolce, della mobilità a piedi, in bicicletta,... affinché sia possibile muoversi nella parte moderna di Orvieto senza incrociare le strade e senza far ricorso alle autovetture".

E perché dici che non è possibile accedere al fiume?
"Perché le arginature diventano spesso insormontabili, perché non sono state previste delle rampe di accesso per gli utenti, perché queste rampe laddove sono state realizzate sono un po' incongrue, perché l'imbrecciatura fatta rende difficile il cammino, perché le pendenze sono eccessive... E potremmo continuare un bel po'. Ora è vero che lo stato attuale non rappresenta lo stato definitivo, altre operazioni andranno ad essere fatte, altre opere di riqualificazione si dovranno fare. Se si fosse operato già con l'idea di riqualificare uno spazio urbano avremmo speso meno e soprattutto ne avremmo avuto già la disponibilità".

Si parlava di 8 milioni di euro spesi.
"Otto milioni grosso modo era la dotazione prevista per la realizzazione delle opere di mitigazione del rischio".

Mitigazione del rischio: cosa vuol dire?
"Tutto e niente. Mitigazione del rischio in questo caso vuol dire contrasto delle acque di piena e decremento della vulnerabilità da parte della popolazione residente. Però la mitigazione del rischio effettivamente la fa non una barriera o un muro, la fa la sistemazione del territorio, che è compito della politica. Per mitigare il rischio effettivamente bisogna ragionare in termini sociali e politici. E poi il fiume di per sé non è pericoloso, solo in certi frangenti e in particolari circostanze può diventarlo: la mitigazione del rischio, dunque non può essere il criterio principedi intervento".

Insomma, per la mitigazione del rischio si sono fatti solamente degli argini?
"Sì, sì. Questo prevedeva il progetto. C'è un master plan più articolato che riguarda altri interventi che faceva da cornice a questi fatti, interventi che riguardano tutta l'asta del Paglia che però non sono stati realizzati.  Attualmente gli 8 milioni sono stati utilizzati per realizzare solamente le difese passive, vale a dire i terrapieni. Ciò che manca effettivamente è la visione complessiva dell'intervento tarata sulla riqualificazione urbana.

È questo che dovremmo riuscire a fare: trasformare questa porzione di territorio da zona inospitale periferica, brutta e degradata a zona capace di attrarre. Ci sono degli scorci naturalistici a portata di mano, fruibili, davvero interessanti. C'è la possibilità poi di far fare tutta quella attività all'aria aperta per la promozione della salute e la coesione sociale che va sotto il nome di 'sport di cittadinanza'. C'è la possibilità effettiva di accedere alla rete escursionistica che potrebbe avere ripercussioni positive sulla permanenza media dei turisti".

Altri interventi
Varie le osservazioni evidenziate dalle società e dalle cooperative impegnate nel sociale (una ventina circa) che prima dell'alluvione usufruivano dei tanti spazi verdi del 'Parco urbano del Paglia'. Tutte hanno qualcosa da mettere in luce: l'Asd Polisportiva 'La tartaruga' fa notare la necessità di ripulire lo spazio verde compreso tra il Paglia e la rotonda di via Stornelli per consentire le attività degli iscritti, mister Fazi illustra la situazione dell'area retrostante il campo di rugby, utilizzata come parcheggio, priva del minimo impianto di illuminazione. Ma si comprende che è anche indispensabile la sistemazione di cartelli che vietino ai proprietari di cani di lasciare ai loro animali la libertà di sporcare con le deiezioni le piste del ruzzolone, nonché di far rispettare il divieto in questione... Tra le varie criticità, viene alla luce la questione dei laghetti. Ed è la pescasportiva 'Lenza orvietana' che, tramite Valentino Maggi, esprime rammarico e proccupazione:

"Il laghetto è in un posto infelice, non andava fatto qui. Però, una volta fatto, noi pescatori l'abbiamo difeso perché è stato utilizzato non solo per fare i corsi estivi di pesca ma anche per i corsi per le scuole: le medie, il liceo... La cosa è stata facilitata perché il polo scolastico si trova nelle immediate vicinanze. Dopo l'alluvione del 2012 sembrava semplice ripulire il laghetto. Invece non è stato possibile ed è stato abbandonato, nonostante la richiesta di molte persone per il ripristino sia del laghetto che del percorso. Noi, per tempo, siamo intervenuti per evidenziare certe criticità, eppure questo è il risultato..." conclude indicando il sottopasso.

Il sottopasso in questione dalla Direttissima portava all'area del laghetti. Portava? Veramente il sottopasso c'è ancora. Ma oggi nemmeno si nota miniaturizzato com'è tra i macigni disposti a difesa delle due rampe. Rampe che, peggio di un ascensore, affrontano il notevole dislivello del dosso costruito a difesa di quella parte di Orvieto Scalo.

"Quindi qui non ci si può venire più.- prosegue Maggi -Pensate ad un disabile, ad una donna con la carrozzina, una persona di una certa età... Più a monte c'è un lavoro analogo ma la salita è meno impervia, è più dolce. Era molto semplice: cosa ci voleva ad allungare un po' di più il toppo? Anche a valle del ponte dell'Adunata si è danneggiata una bella zona che attirava pescasportivi anche da fuori. C'erano delle società di pesca sportiva che venivano con i pullman da Roma... A parte il fatto che è stata spostata la foce del Fanello più a monte... Prima dell'alluvione qui c'era un campo di gara".

In questo specchio d'acqua il fiume riprende il suo aspetto suggestivo con le chiome dorate dei pioppi riflesse nell'acqua, il Fanello sfociante contro corrente che sembra risalire il Paglia superando i sassi bianchi immobili come paperelle, i pescatori mimetizzati tra l'oscurità della vegetazione...

Ma la realtà è ben diversa dalle immagini bucoliche: il campo di gara è frutto di un intervento realizzato, non da ora, a difesa delle fondamenta del ponte e la calma superficiale dei laghetti non è affatto rassicurante e non promette niente di buono per i pescasportivi:
"Purtroppo - riferisce Enrico Petrangeli - in periodi di piogge intense una parte delle acque di fognatura di Orvieto Scalo finisce dentro il laghetto. Per fare l'allaccio alla conduttura del depuratore manca un metro e mezzo, manca solo di attraversare la strada".
"Qui - aggiunge Maggi - abbiamo fatto una infinità di sopralluoghi. Niente. Come più a valle nel caso del Fosso Fanello sono state fatte scelte che penalizzano il fiume e i cittadini".
Anche quest'area è Orvieto, ne va della nostra immagine, l'immagine di un'Orvieto pulita, organizzata, coerente con la bellezza che la circonda e con il coraggio delle idee. Come dice Valentino Maggi:
"È il nostro territorio, non lasciamo che altri ce lo deturpino".

Commenta su Facebook

Accadeva il 16 gennaio

In cammino nei luoghi e nella storia del Monte Peglia, candidato a Riserva Mab Unesco

Orvietano e Alfina nel primo Elenco degli Alberi Monumentali d'Italia

Ai piedi della Rupe il calore del Presepe ha fatto germogliare i semi dei grani antichi

Nuovi furti ai piedi della Rupe. Vertice del Comitato per l'ordine e la sicurezza

Animali benedetti a Ciconia e Bardano Alto nel nome di Sant'Antonio Abate

Social, sono le mamme il punto di riferimento delle pagine delle scuole viterbesi

Zambelli Orvieto nella tana del fanalino di coda Caserta

Trasporto scolastico, oltre 1,1 milioni di euro all'Umbria per i disabili delle superiori

"Un mondo di fiabe", letture ad alta voce alla Scuola Primaria

Rassicurazioni e risorse umane in arrivo per la Biglietteria della Stazione

Open Day alla Sezione Primavera e Scuola dell'Infanzia "Maria Bambina"

Ex Ospedale, in pubblicazione l'avviso di asta pubblica

Per il nuovo anno scolastico, a Ciconia nuova sede, nuovo orario

Nuovo Open Day all'Istituto Agrario. Il futuro è agricoltura e ambiente

Trasferta sarda per Monteleone, Livia Di Schino intervista Sergio Brio

Viperette di nuovo in campo con le Seven Pellegrins

Ritardi dei pagamenti Agea, le associazioni agricole e le centrali cooperative scrivono alla Regione

Gestione privata per l'illuminazione pubblica

Computer

Aiuto psiconcologico e cure palliative, firmata la convenzione tra OCC e Ausl Umbria 2

Fare Verde: "Bene il provvedimento antiplastica, siano i cittadini i veri protagonisti"

"Ogni maledetto giovedì" tornano i film di "Sequenze Frequenze"

Arriva il lunch box, nelle mense scolastiche si producono meno rifiuti

Morrano piange il parroco emerito don Ercole Plini

Differenziata, sacchetti dell'organico in distribuzione anche nelle frazioni

Tra animali benedetti e sacri fuochi, gli eventi nel nome di Sant'Antonio Abate

Una Vetrya Orvieto basket decimata torna a mani vuote da Assisi

"Degrado, abbandono e irregolarità". All'Ipsia e all'Artistico esplode la polemica

Terza edizione del Concorso di Poesia e Narrativa "Saverio Marinelli"

Scatta il senso unico alternato sulla strada provinciale 33

Provincia, guasto a sistemi informatici: entro la settimana ripristino strumentazioni

Fiocchi di neve sull'Orvietano. Pericolo ghiaccio: circoli stradali in pre allerta

L'appello dell’Avis fa centro: 153 donazioni in 4 giorni, ma è ancora emergenza

"Bravi emigrati, cattivi immigrati. Storie di Migrazioni da Ellis Island a Lampedusa"

Castel Viscardo e Allerona verso la valorizzazione delle produzioni agricole locali

"Il ruolo degli amministratori nel percorso riformista dell'Umbria, della Provincia e del Paese"

"Flussi migratori e gestione dell'emergenza migranti". De Angelis alla Scuola Sottufficiali dell'Esercito

Pensieri pensabili tra le nuvole

Aree Interne Sud Ovest Orvietano nel programma degli attrattori culturali della Regione

Comitato Pro Casa di Riposo San Giuseppe, rinnovate le cariche

Parcheggi e ascensori, si cambia. In pubblicazione il bando che riorganizza la sosta

Un anno di attività del Consiglio Comunale e primi impegni istituzionali del 2017

Portano paziente a cena prima dell’operazione, muore dopo 13 giorni. Coinvolto medico orvietano

Nuda di Magdala

Arrivai che stava facendo notte

Furono momenti di meraviglia

Il primo incendio scoppiò al teatro

"Le stratificazioni dell'arte: percorsi vecchi e nuovi in rete nel sistema museale di Todi"

Nuovo libro per Claudio Lattanzi. In uscita "Amore e sesso al tempo degli Etruschi"

La città piange la scomparsa di Antonio Barberani

Coop taglia, chiudono i supermercati di Sferracavallo e Acquapendente

Treno fermo per tre ore tra Fabro e Orvieto

Il PDL Orvieto sulla vicenda dei rifiuti alle Crete: "Gli imputati rinuncino al salvagente della prescrizione"

Coar Orvieto Juniores senza freni sul Magione

Sviluppo per Orvieto. Incontri con il Censis in vista della conferenza socio-economica di Marzo

"Majorana scuola aperta". Come informarsi meglio e iscriversi al Liceo Scientifico di Orvieto: scuola e docenti a disposizione delle famiglie sabato 14 febbraio

A proposito di Facebook... Vieri Venturi risponde a Pasquino

Sabato 17 gennaio ad Assisi Manifestazione nazionale per la pace in Medio Oriente. Il Programma

Le adesioni locali alla marcia di Assisi

L' Amministrazione Comunale di Orvieto aderisce alla manifestazione per la Pace in Medio Oriente

Chiediamo un’informazione onesta. Appello della Tavola della Pace e di Articolo 21

Buconi: "Occorrono volti nuovi. Perdente la scelta di un candidato PD a Sindaco di Terni

A Roma manifestazione pacifista per la Palestina a Piazza Vittorio

Domenica 18 gennaio Allerona festeggia San Antonio Abate

Proposta di legge del PD per la riduzione del numero dei consiglieri regionali

Per Vinti (Prc), ridurre il numero dei consiglieri significa restringere gli spazi di democrazia. Piuttosto diminuire indennità e sprechi

Dai megadebiti per i parcometri alle megamulte

Si ridimensiona l'episodio del giovane di Collelungo arrestato per droga. Concessi i domiciliari

Il Crescendo rientra in possesso dell'immobile ex Mabro. E in più 75 mila euro per il danno d'immagine

Chiusure e prezzi maggiorati durante UJW. Il Caffè Montanucci dice la sua

Verso le primarie. Oltre 500 le firme raccolte da Loriana Stella