SCOPRI

Offerta Banner
99 euro per 30 giorni

ambiente

Geotermia, i sindaci del territorio e la Provincia di Viterbo ricorrono al Tar del Lazio

giovedì 25 giugno 2015
Geotermia, i sindaci del territorio e la Provincia di Viterbo ricorrono al Tar del Lazio

E' stato consegnato venerdì 19 giugno dall'avvocato Nicoletta Tradardi al TAR del Lazio il ricorso contro il decreto di compatibilità ambientale emesso dal Ministro dell’Ambiente Galletti per l’impianto geotermico di Castel Giorgio per conto dei Comuni di: Acquapendente (Sindaco Alberto Bambini); Allerona (Sindaco Sauro Basili); Bolsena (Sindaco Paolo Equitani); Castel Giorgio (Sindaco Andrea Garbini); Montefiascone (Sindaco Luciano Cimarello); Castel Viscardo (Sindaco Daniele Longaroni); Orvieto (Giuseppe Germani) e della Provincia di Viterbo (Presidente Mauro Mazzola).

"Il ricorso - spiega in una nota Vittorio Fagioli, portavoce Rete Nazionale No Geotermia Elettrica Speculativa e Inquinante - è contro i Ministri dell’Ambiente, dei Beni Culturali, dello Sviluppo economico e contro le Regioni Umbria e Lazio, nonché nei confronti della ITW LKW Geotermia Italia S.p.A. al fine di ottenere l’annullamento e/o la riforma del parere favorevole e di tutte le determine e pareri connessi alla Valutazione di Impatto Ambientale relativi al progetto dell’impianto pilota geotermico denominato Castel Giorgio, in Comune di Castel Giorgio (Terni) presentato dalla Società ITW-LKW Geotermia Italia S.p.A. Il ricorso è composto da 41 pagine nelle quali vengono dettagliatamente contestati tutti gli aspetti legali che hanno indebitamente determinato il decreto di compatibilità ambientale del progetto, nonché i danni e rischi ambientali quali l’inquinamento delle falde, la sismicità indotta e provocata, gli aspetti paesaggistici, ecc.

L’esecuzione del progetto geotermico è stata momentaneamente sospesa per un intervento delle Commissioni Parlamentari congiunte Ambiente (VIII) e Attività Produttive (X) che hanno chiesto al Governo -con una Risoluzione approvata all’unanimità in data 15.04.15- una nuova regolamentazione in merito alla geotermia (avviare “le procedure di zonazione del territorio nazionale, al fine di individuare le aree potenzialmente sfruttabili sotto il profilo geotermico” ; emanare “le linee guida a cura del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero dell’Ambiente per individuare nell’ambito delle aree idonee i criteri generali di valutazione, tenendo conto delle implicazioni che l’attività geotermica comporta relativamente al bilancio idrologico complessivo, al rischio di inquinamento delle falde, alla qualità dell’aria, all’induzione di micro – sismicità” richiedendo che tali implicazioni siano oggetto di particolare disamina in sede di VIA (valutazione di impatto ambientale).

Inoltre la Risoluzione parlamentare sostiene che le autorizzazioni- comprese quelle dei procedimenti in corso come nel caso di Castel Giorgio- debbono tener conto delle prescrizioni previste nelle linee guida, da emanarsi entro 6 mesi dal 15.04.15.

La valutazione di VIA ed il provvedimento finale di compatibilità ambientale contro cui si ricorre è avvenuto senza tener conto delle norme ancora da emanarsi, ovvero della necessità di una appropriata regolamentazione della materia, pur essendo questo un argomento di dibattito, anche nelle Commissioni Parlamentari, e, quindi, ben conosciuto da parte dei soggetti interessati e dai Ministeri competenti.

“Il decreto di compatibilità ambientale” -prosegue il ricorso- “è stato emesso in data 03.04.2015, nelle more della stesura ed approvazione della citata Risoluzione; ed è revocabile in dubbio che gli organi di Governo non fossero a conoscenza della attività delle Commissioni parlamentari VIII e X della Camera dei Deputati”.

Il quarto punto della Risoluzione esplicita che nella VIA si tengano in particolare conto gli elementi di rischio citati (bilancio idrologico complessivo, rischio di inquinamento delle falde, qualità dell’aria, induzione di micro sismicità) e richiede che le emanande linee guida prevedano espressamente che nella Via si tenga conto di tali parametri. “Con ogni probabilità” si legge nel ricorso- “quanto meno a seguito dell’emanazione delle Linee Guida, l’esito della VIA in discussione si rivelerà inappropriata. Le preoccupazioni dei ricorrenti Comuni non sono, quindi, isolate o pretestuose, poiché sono in discussione importanti elementi di rischio”.

Per quanto riguarda la parte relativa al lago di Bolsena il ricorso rileva che fra la falda contenente i fluidi geotermici e quella superficiale utilizzata per alimentare la rete potabile ed irrigua, non è interposta una zona di copertura impermeabile, che impedisca la risalita dei fluidi geotermici.

Il fluido geotermico contiene inquinanti molto pericolosi, fra i quali l’arsenico; perciò, il rischio di un aumento della concentrazione di arsenico nell’acqua potabile e nel lago è più che concreto, ed è dovuto alla risalita di piccole percentuali di fluido geotermico attraverso la roccia di copertura, causata dalla pressione di re-iniezione.

Il lago di Bolsena è una riserva di acqua potabile per il viterbese, poiché contiene un basso livello di arsenico (a quanto consta, la Regione Lazio sta da tempo vagliando la possibilità di miscelare l’acqua del lago con quella della rete idrica del viterbese, ad alto contenuto di arsenico).

Tutti questi elementi di valutazione sono stati erroneamente omessi dal Ministero all’Ambiente in sede istruttoria, così da ritenere “trascurabili” le eventuali (e, non oltre specificate,) incidenze.

Si torna, infatti, a ribadire che il lago è un SIC e ora ZSC; l'impianto (se pure collocato in Umbria) re-inietta i reflui di fluido geotermico sotto il bacino idrogeologico del lago di Bolsena (che è nel Lazio), come ammette la stessa relazione della ITW-LKW : “… solo (!) il tratto terminale della tubazione di re-iniezione e i pozzi di re-iniezione (sito CG 14) si collocano nell’area dove il drenaggio sotterraneo dell’acquifero delle vulcaniti è diretto verso il Lago di Bolsena” (cfr. relazione ITW&LKW, pag. 76).

L’Unione Europea ha avviato una procedura di pre-infrazione (EU Pilot 4999/13/ENVI) a carico dell’Italia, per non avere provveduto a deliberare adeguate misure per conservare ed eventualmente ripristinare lo stato ecologico del lago di Bolsena. Dette misure sono in gran parte di competenza della Regione Lazio, che è l’organo che deve definirle, ma una piccola parte del bacino idrogeologico si trova in Umbria dove appunto sarebbe ubicato l’impianto di Castel Giorgio, l’autorizzazione per il cui esercizio è di competenza dello Stato.

L’impianto di Castel Giorgio si trova a 6 km da Bolsena. L’effettiva origine dell’impatto ambientale è nel sottosuolo. L’impianto funziona utilizzando 9 pozzi profondi 1000 metri, in parte deviati, che si estendono intorno a raggio per alcuni chilometri quadri. I pozzi di re-iniezione sono pressurizzati e inquineranno l’acquifero lacustre sovrastante con arsenico e altre sostanza cancerogene: quindi, le misure di conservazione che lo Stato Italiano dovrà assumere per evitare la procedura di infrazione, dovranno necessariamente avere contenuti inibitori per l'impianto.

La Commissione Europea è stata interessata della questione dall’Associazione Lago di Bolsena, i cui rappresentanti, nel corso di un’audizione del 5 maggio 2015 tenuta a Bruxelles, hanno esposto l’avanzato stato autorizzativo dell’impianto di Castel Giorgio e le problematiche esistenti. Desta, quindi, perplessità (ed ancora maggiori ne sorgerebbero se l’impianto venisse definitivamente autorizzato) la valutazione positiva di compatibilità ambientale assunta dal Ministero all’Ambiente, proprio mentre è in corso a carico dello Stato Italiano la detta procedura di pre-infrazione...".

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 novembre

"Entro luglio, un Parco Avventura nel Bosco di Carbonara e uno tematico sui Dinosauri"

E-Bike Sharing intorno al lago, tre Comuni pronti a pedalare insieme

Meridiane e orologi dell'Umbria in un libro, strumenti astronomici al Museo Archeologico

"Orvieto per Anna" incanta il Mancinelli. Strabioli: "L'omaggio prosegua pensando ai giovani"

Ufficiali della Repubblica Popolare Cinese in visita alla Caserma "Soccorso Saloni"

Nasce Vetrya Iberia. Obiettivo, internazionalizzare servizi e soluzioni digital

Dalla Regione, 475.000 euro per la Scuola d'Infanzia di Guardea

Omaggio a Fabrizio De Andrè. Concerto al Teatro Secci per gli Hotel Supramonte

Ulivi tortuosi

Fontana pubblica rosa, conferenze, rappresentazioni e la mostra "Essere una donna"

Passeggiata femminista notturna per dire "Basta alla violenza sulle donne"

La Orvieto in affitto

Al Teatro Mancinelli "Il Malato Immaginario". Gioele Dix apre la Stagione di Prosa

"Questo non è amore": la campagna della Polizia di Stato contro la violenza di genere

San Venanzo aderisce, "il rispetto è alla base di ogni rapporto"

Coach Matteo Solforati elogia la sua Zambelli Orvieto

Barbara De Rossi e Francesco Branchetti portano "Coro di donna e uomo" al Teatro Spazio Fabbrica

Le botteghe storiche si raccontano. Prima tappa della creazione di un itinerario turistico nel centro storico

Maratona di lettura ad alta voce dei Lettori Portatili, per ricordare i 150 anni della nascita di Pirandello

Femminicidio: una piaga che non riusciamo a rimarginare

Alla Sala Regia si presenta il libro "La Serpara / dialoghi tra arte e natura"

"È nato sei settimane prima, ma stiamo bene. Grazie ai reparti di Ostetricia e Pediatria"

Parcheggi gratis nel periodo natalizio, la mozione della minoranza va in discussione a fine mese

Orvieto riceve al Parlamento Europeo di Bruxelles il riconoscimento internazionale di "Comune Europeo dello Sport 2017"

Eventi natalizi dedicati a popolazioni colpite da sisma

Sisma in Umbria, riunito il Comitato strategico per rilancio del turismo

Sempre bandiera rossa

Riforme ed assetto dirigenti regionali, in arrivo il disegno di legge

Attenti a quei due, Barili e Abbate presentano "Antologica" al Teatro dei Calanchi

Sogni sul lago

Pd: "Serenità nell'attesa dell'esito delle indagini. Inopportune e incoerenti le opposizioni"

Villa Paolina

Consiglio provinciale, nel 2017 si va a nuove elezioni

San Venanzo aderisce alla Giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Al Mancinelli "Non ho peccato abbastanza". Il teatro denuncia la violenza

In morte di un amico

Dalla giunta regionale un milione e settecentomila euro per gli asili nido

Un torrone natalizio per aiutare i terremotati della zona di Norcia

"Crash Scene. Indicazioni Salva Vita", nell'ambito della Campagna ACI "Strade Sicure 2016"

L'Arma celebra Virgo Fidelis. "Date speranza a chi l'ha perduta"

Uno zar alla corte del re tartufo. A Ivan Zaytsev il Vanghetto d'Oro 2016

Si dimette l'assessore Martino. Entro 48 ore, nuovo ingresso in giunta

La pallacanestro orvietana compie 70 anni. In corso i preparativi per le celebrazioni

Liberati (M5S): "Quinto giorno di assordante silenzio da Catiuscia Marini"

"Lo scrittore non ha fame", il nuovo coinvolgente romanzo di Maria Letizia Putti

"Lo Yoga di Yogananda". Presentazione del libro e workshop esperienziale

Dopo il terremoto, controlli nelle scuole. "Alla Barzini, le problematiche non sono riconducibili al sisma"

Fonti del Tione, risolti i problemi con la sostituzione dei filtri

Sì al pre-dissesto in Provincia, nonostante il parere negativo dei Revisori dei Conti

Servizio tributi, prelievo di 44 mila euro. In consiglio, letta la nota della Fondazione Cro

Ztl, segnaletica stradale e manutenzione. Sollecitazioni bipartisan in consiglio

PalaCongressi, a gennaio 2017 la pubblicazione del bando europeo

Un fiore per Bianca

Frana di Sugano, si attende il secondo finanziamento per terminare la messa in sicurezza

Piene del Paglia e gestione dell'emergenza, l'amministrazione prova a fare chiarezza

Torquati e Balestra, chi sfiora il ridicolo?

Le mille voci di Antonio Mezzancella animano il pomeriggio a "Porta d'Orvieto"

Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, i supermercati dell'Orvietano coinvolti

Istituto di beneficenza "Piccolomini Febei", nel cda entra Piergiorgio Pizzo

La riqualificazione del centro storico passa per la rimozione dei pali, sì unanime del consiglio

Incidenza tumorale a Bagni, botta e risposta in consiglio

"Trattenere dal contributo italiano al bilancio Ue le risorse per la ricostruzione post-terremoto"

Impiantistica sportiva di Ciconia nel degrado, la vicesindaco ridimensiona

Aree Interne, ok alla bozza di strategia. Respinta la risoluzione sulla MedioEtruria