ambiente

All'insegna di Slow Food. Un convegno sulla biodiversità e sul progetto dei Presìdi apre venerdì 28 settembre Orvieto con Gusto

mercoledì 26 settembre 2012
All'insegna di Slow Food. Un convegno sulla biodiversità e sul progetto dei Presìdi apre venerdì 28 settembre Orvieto con Gusto

Parte con un interessante convegno sulla biodiversità la tredicesima edizione di Orvieto con Gusto. Ad organizzarlo, nel segno di una rigorosa e lodevole attenzione, la Condotta Slow Food di Orvieto, che è uno dei numerosi soggetti che collaborano alla manifestazione. Il tema, "Tradizione, biodiversità, territorio. La storia e i risultati del progetto Presidi Slow Food", sarà trattato venerdì 28 settembre a Palazzo Coelli, a partire dalle ore 17, da qualificati relatori.

La biodiversità è uno dei temi principali dell'agenda di Slow Food e di Terra Madre. I dati resi noti sono allarmanti, ci dicono che se il pianeta continuerà a dilapidare le proprie risorse con questo ritmo, entro la fine del secolo il 10% di tutte le specie sarà estinto; la Fao stima che il 75% delle varietà delle culture agrarie siano già andate perdute.

Quando si parla di biodiversità non si intendono solo specie animali e vegetali, ma si ragiona in modo più ampio di ecosistemi, di un'infinità di attività umane, cucina, artigianato, tradizioni, riti che rischiano di scomparire di fronte alla omologazione della coltura/cultura e delle tecniche di produzione. Slow Food affronta da molti anni questi temi e ha messo a punto pratiche concrete per affrontare il problema: L'Arca del Gusto e i Presidi, strumenti attraverso i quali cerca di salvaguardare la grande ricchezza di cultura del nostro pianeta.

L'Arca del Gusto, nata nel 1996, cerca, cataloga e descrive sapori dimenticati di tutto il pianeta: prodotti a rischio di estinzione ma ancora vivi, che potrebbero essere riscoperti e tornare sul mercato. Nel 1999 nasce poi la Commissione Scientifica dell'Arca Italiana, che individua le categorie dei prodotti e i criteri di selezione. Il lavoro dell'Arca Italiana si dimostra fertile: in molti altri Paesi del mondo nascono Commissioni che iniziano a lavorare, catalogando prodotti. Dietro l'esempio italiano, i primi a mettersi all'opera sono gli americani e i tedeschi, seguiti da svizzeri, olandesi e francesi. Il 26 ottobre 2002, al Salone del Gusto, tutte queste esperienze si incontrano e nasce una Commissione Internazionale dell'Arca.

Gli attuali 201 Presìdi italiani sono il risultato di un lavoro di dieci anni che ha affermato con forza valori fondamentali: la tutela della biodiversità, dei saperi produttivi tradizionali e dei territori, che oggi si uniscono all'impegno a stimolare nei produttori l'adozione di pratiche produttive sostenibili e pulite, oltre che a sviluppare un approccio etico, da Slow Food definito "giusto", al mercato. Il riconoscimento del Presidio ha aiutato centinaia di piccoli produttori affinché potessero continuare nella propria attività.

Ed è proprio questo il tema che la Condotta Slow Food di Orvieto ha voluto proporre all'attenzione, aprendo una discussione e un'occasione di approfondimento insieme a Piero Sardo, uno dei fondatori di Slow Food, oggi Presidente della fondazione Slow Food per la biodiversità (Curatore di diversi volumi su formaggi e prodotti tipici come "Il buon paese", "Formaggi d'Europa "Formaggi d'Italia" e "Verso i cru del Roccaverano", la sua attività giornalistica, iniziata nei primi anni '90 con la collaborazione alle Guide dell'Espresso e all'Unità, prosegue su numerose testate. Redattore della rivista Slowfood, membro della Commissione finale di Assaggio e Valutazione della guida Vini d'Italia, collabora regolarmente con diversi quotidiani e settimanali tra cui La Stampa, Il Manifesto, Il Giorno, Specchio), alla Presidente Slow Food Umbria, Sonia Chellini, che racconterà l'esperienza dei Presidi in Umbria, ad Augusto Buldrini, Responabile del Servizio "Sviluppo sostenibile delle produzioni agricole della Regione Umbria", e ai produttori dei Presidi Umbri. Introdurrà il Convegno la fiduciaria di Slow Food Orvieto Carla Lodi.

La Condotta di Orvieto sta lavorando, insieme ad alcuni produttori e all'Università di Perugia, Facoltà di Agraria, per il riconoscimento del Presidio per il "fagiolo secondo del Piano" prodotto nella nostra zona. Il riconoscimento del Presidio non tende solo a salvare una produzione che sta scomparendo dalla nostra tavola, ma anche a cercare di preservare il territorio da usi devastanti, quali le attività estrattive sorte lungo il fiume Paglia, che hanno distrutto per sempre la stratigrafia esistente. Quella stratigrafia che era un ottimo terreno di coltura per questo vegetale in particolare, ma anche per la produzione agricola in generale.

Anche la partecipazione della Condotta di Orvieto al progetto "Mille orti in Africa" - e ricordiamo che "Orvieto con Gusto" sostiene la Condotta in questa azione - rientra nella filosofia della salvaguardia della biodiversità: l'obiettivo è la sovranità alimentare, con l'aiuto ai contadini perché riprendano le loro tradizioni agricole e utilizzino le varietà locali, che sono più resistenti ed hanno meno bisogno di supporti esterni. La Condotta di Orvieto adotterà, in Sudafrica, l'orto familiare di Bitterfontein, piccolo villaggio di 1100 abitanti a 390 km da Città del Capo.

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 ottobre

"Come difendersi da truffe e raggiri". Incontro all'Unitre con il maggiore Rovaldi

Un progetto di formazione per operatori del sociale porta "attimi di resilienza" a Parrano

"Sulle Tracce del Mistero. Una settimana dedicata a ignoto, mistero e paranormale"

Terminati i lavori sulla SR 205 Amerina, sistemate barriere di sicurezza e paramassi

Fissate al 26 ottobre le elezioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi

Carta Tutto Treno Umbria sospesa, Sacripanti (GM): "Il sindaco si attivi"

Karate, la Scuola Keikenkai in partenza per i Mondiali Iku a Kilkenny

Venticinque candeline per Umbria jazz Winter, nel segno di Thelonious Monk

Cambio al vertice di Ance Umbria. Stefano Pallotta succede a Massimo Calzoni

Orvieto per Tutti: "Varco di Via Malabranca, nuovo provvedimento disomogeneo"

Infoteam della Scuola Sottufficiali dell'Esercito per la Giornata Tricolore

#UjW25, ricco programma di star per celebrare un grande anniversario

Umbria Jazz Winter, storia di passioni e successi

Quattro passi tra le meraviglie di Viterbo. Visita guidata nel centro storico

Turismo, Anci e CAI rilanciano quello sostenibile dei 110 mila chilometri di sentieri italiani

Cammini ed escursioni, intesa tra Pro Loco e CAI per la valorizzazione

Modifiche allo statuto dell'Associazione "Lea Pacini", prima la Commissione costituente

Umbria Jazz Winter # 25, un connubio indissolubile con la Città del Duomo

Quattro giorni nel Villaggio del Teatro con Isola di Confine

"Campioni in Cattedra". I più piccoli intervistano il campione di pallavolo Jack Sintini

Accanto al Duomo, Ippolito Scalza "perde" la testa

Mogol si racconta ad Alessandra Carnevali: "Il mio mestiere è vivere la vita"

Ripartono le attività del Lions Club Orvieto. Anno lionistico 2016/17 dedicato ai giovani

All'Unitre torna "Solo solo canzonette?". La quarta puntata del format è dedicata agli anni '80

Incontro sul Soccorso Alpino e Speleologico Umbria "Sasu" promosso dal CAI

I ladri colpiscono ancora. Nel mirino bar e tabaccherie ai piedi della Rupe

Il Comitato per il No di Parrano diventa sempre più grande

Il patto scellerato

Viabilità, lavori per 250mila euro sulle strade regionali 79 e 61

L'associazione Ippocampo presenta i corsi di teatro per bambini, ragazzi e adulti

Editoria, preadottata la nuova legge regionale. Via alla partecipazione

Nuova seduta per il consiglio provinciale. L'ordine del giorno dei lavori

Tutto pronto per "Zafferiamo". Colori, aromi e sapori invadono Città della Pieve

Umbria Jazz Winter #24, dal 20 ottobre via alle prevendite. Tutto il Programma

Nuove attività all'Unitre. Il plauso del sindaco Gianluca Filiberti

Stella al Merito Sociale al giornalista orvietano Stefano Corradino

Informazione locale, Asu: "Bene la preadozione del Ddl regionale"

"Orvieto sotto le stelle", quaranta auto storiche per la terza edizione

Nuovo incontro ISAO: Agostino Paravicini Bagliani e "Il Bestiario del Papa"

Testate giornalistiche digitali locali, Anso protagonista a Dig.it

Sciopero FS, Trenitalia regionale: "Frecce e servizi locali regolari"

Teatro Null, si riparte. Laboratorio di Teatro al Palazzo della Cultura

Legambiente fa le pulci alla differenziata dell'Umbria. "E i Comuni che fanno?"

Il volo nascosto

Il Grand Tour di Dodecapoli arriva a Vigevano. Ambra Laurenzi e Laura Ricci alla Cavallerizza del Castello Ducale per la rassegna letteraria “Italia Italiae”

Continua la raccolta tappi. I risultati dei primi due anni della benefica iniziativa

Bagni, frazione dimenticata. Grido d'allarme dei Comunisti Italiani: "non c'è più nemmeno il cartello di località!"

Lei lo lascia, lui la insegue, lei chiama il 112. In manette trentottenne di Ficulle per stalking

Approvato il progetto preliminare per i lavori di completamento della Biblioteca "Luigi Fumi"

Energia da fonti rinnovabili, la Giunta individua alcune aree giudicate non idonee alla installazione di impianti

Linux Day #6. Approfondimenti su didattica e sicurezza informatica al Centro Studi

Il Gal Trasimeno-Orvietano finanzia 14 progetti "Cultura che nutre" nelle direzioni didattiche del territorio

Più potere alle donne. A Orvieto forum nazionale delle amministratrici del Partito Democratico

1° Forum nazionale delle Amministratrici democratiche - Programma

Turreni in merito alla falsa lettera attribuita al presidente Frizza: "Sfido il PD a denunciare la mia presunta incompatibilità"

Le produzioni di ArTè. Gli appuntamenti di Ottobre nei vari teatri

Confermare la cassa integrazione alle lavoratrici della Grinta. La CGIL torna sulla vicenda del tessile orvietano

I parlamentari umbri del PD chiedono un rapido intervento del Ministro della Giustizia: "fatti non parole per le carceri umbre"

"Sogni di Autori Vari". Parte il progetto finanziato dalla Fondazione CRO dedicato a ragazzi e ragazze con diversa abilità

"Sogni di autori vari" - Il progetto e le modalità di accesso ai corsi

Una diffusa esigenza di cambiamento

Presentato ad Allerona il progetto Parchi Attivi

Bilancio: Il riequilibrio del poco o niente

Ma secondo il PdL siamo a un passo dal risanamento