ambiente

Rifiuti. Invito di IDV a rispettare le direttive comunitarie: gli inceneritori sono un modello superato

giovedì 18 novembre 2010

La questione rifiuti torna ad essere nuovamente all'ordine del giorno. Il tema viene ampiamente affrontato in un documemto sottoscritto da Pier Paolo Mattioni, del coordinamento regionale dell'IdV Umbria: " ...per essere operativi- vi si legge- è necessario che vengano rapidamente e radicalmente riconsiderati i Piani e i progetti, all'esame o in istruttoria presso le varie sedi istituzionali, che non sono animati dal rispetto delle direttive comunitarie, ma semplicemente dalla conservazione delle rendite di posizione sul settore della gestione dei rifiuti. E' necessario che la filosofia contenuta nelle direttive comunitarie, che si fonda sul riciclo come chiave di volta di un sistema di gestione del ciclo sostenibile, sia condivisa da tutte le persone o organismi interessati al bene comune..."

Il documento chiama in causa le priorità come sono state indicate nelle direttive comunitarie e così elencate: "...prevenzione; preparazione per il riutilizzo; riciclaggio; recupero di altro tipo, in particolare recupero di energia; smaltimento."
"La domanda che viene spontanea - si chiede Mattioni- è come possa accadere che nel nostro Paese, e nella nostra Regione, quelle priorità sono assolutamente ribaltate."
"Oggi gli inceneritori nel mondo sono in fase di chiusura, le discariche pure. Solo da noi sembra che il tempo si sia fermato... Perdipiù- insiste- chi non vuole riconoscere la realtà o intende sviarla alla fine non può mancare di fare ricorso ai luoghi comuni più frusti: i vizi del consumismo e la cattiveria del genere umano, e la tutela dei posti di lavoro." E a tal proposito precisa: "Qui dobbiamo essere molto chiari. Le direttive che andiamo citando sussistono in quanto è immediatamente e concretamente praticabile il modello di riferimento che si basa sul riciclo, che si definisce spinto in quanto, oggi, può raggiungere facilmente, operativamente e in poco tempo, soglie minime dell'80%; gli esempi non mancano, basta andare a vedere e controllare di persona come stanno le cose dove si opera in questo modo, in Italia, vicino a noi. A questo riguardo possiamo ritenere che esista un interesse alla disinformazione o ad una colpevole mancanza di informazione utile alla conservazione di un sistema arretrato..."

Commenta su Facebook

Accadeva il 13 dicembre

Ludovico Cherubini strepitoso a Spoleto, fa suo l'Open Regionale Assoluto di Spada Maschile

Mostra collettiva d'arte per gli studenti del Gordon College

A grande richiesta al Mancinelli torna per il sesto anno "Canto di Natale"

All'Unitus si parla di "Evoluzione delle tecnologie in ambito digitale" e "Project Management"

Promozione della lettura, sì della Regione allo schema di protocollo d'intesa con l'Associazione italiana biblioteche

"Disagio e pregiudizio minorile", convegno in sala consiliare su bullismo e violenza

Un aquilone, forse

Di fiori

Il colonnello Maurizio Napoletano alla guida del Comando militare dell'Esercito Umbria

Concerto Baratto per la Caritas. Maurizio Mastrini al Teatro degli Avvaloranti

Un'ordinanza del sindaco vieta l'accesso alla frazione di Pornello per motivi di sicurezza

Consumo di alcolici, i dati dell'indagine "Passi" nel territorio

In sala consiliare c'è il convegno su minori stranieri non accompagnati

All'Auditorium Comunale va in scena "Il Presidente, una tragica farsa"

Ussi Umbria si conferma campione d'Italia. Finale dedicata a Dante Ciliani e ai terremotati

"Natale in Musica", tutti i concerti della Scuola Comunale di Musica "Adriano Casasole"

Paolo Maurizio Talanti rappresenta il Comune di Orvieto nel consiglio direttivo di Felcos Umbria

Via le auto da Piazza della Pace, c'è la pulizia straordinaria

"Venite Adoremus". Concerto in Duomo della Corale "Vox et Jubilum"

Giornata di Studio per la Polizia Locale, tanti gli argomenti affrontati

Sei incontri per "Stare bene a scuola e a casa". Via al corso promosso da Iisacp, Orviet'Ama e Sert

Milano, troppo Milano o forse no

Elegia per una morte cattiva

Percorrevo con te una assolata

"Lazio in gioco", l'Istituto "Leonardo da Vinci" per il contrasto alla dipendenza da gioco d'azzardo

"Natale sicuro", la polizia intensifica il controllo del territorio