ambiente

La Protezione Civile fornisce le previsioni stagionali per la prossima estate

mercoledì 23 maggio 2007
Si è svolta ieri presso il Dipartimento della Protezione Civile una riunione alla quale hanno partecipato i principali centri di climatologia nazionali, durante la quale sono stati presentati i risultati dei modelli probabilistici di previsione stagionale per l'estate 2007, elaborati anche sulla base dei dati meteorologici osservati fino al 30 aprile 2007. I modelli elaborati dall'Istituto di meteorologia IBIMET-CNR in sintesi hanno evidenziato - per il mese di giugno: temperature superiori ai valori medi del periodo. La previsione dell'arrivo del monsone africano supporta la possibilità del verificarsi di ondate di calore sulle aree del mediterraneo anche se potrebbe trattarsi di episodi di non lunga durata; - per il mese di luglio: temperature e precipitazioni nella media stagionale - per il mese di agosto: temperature inferiori alla media stagionale in particolare nelle regioni del centro-sud. Instabilità meteorologica del bacino del mediterraneo causata dalla prevalenza di correnti nord-orientali, probabilità di pioggia superiore alla media stagionale con temporali anche di forte intensità. Per l'estate 2007 ci si attende quindi un periodo iniziale con possibilità di ondate di calore e la seconda metà dell'estate caratterizzata da temperature più fresche con maggiore probabilità di piogge. Inoltre i modelli globali prevedono per il 2007 una stagione degli uragani atlantici più intensa che potrebbe avere come conseguenza l'aumento della variabilità atmosferica nella regione europea e quindi una maggiore variabilità per i mesi di agosto e novembre che maggiormente ne risentono. Sempre per quanto riguarda le ondate di calore è stato sottolineato comunque che negli ultimi 5 anni (2002-2006) si rileva il verificarsi di episodi di temperature estreme durante i mesi di maggio e giugno mentre nella serie storica degli anni precedenti tali condizioni si verificavano solo nei mesi di luglio e agosto. Nella stessa riunione è stato confermato che il 2007 risulta essere l'anno con maggiore siccità rispetto agli ultimi decenni con un grave problema di deficit idrico, superiore a quello verificatosi nel 2003. Il deficit pluviometrico per il periodo settembre-maggio 2007 è stato stimato del 30-40% per le regioni del centro-nord, mentre risultano nella norma le regioni del sud. E' stato quindi confermato lo stato di emergenza idrica per le regioni del centro-nord. I modelli previsionali a lungo termine sono modelli probabilistici che esprimono quindi solo la maggiore probabilità che si possano verificare determinate condizioni e che periodicamente tali modelli vengono rielaborati; in particolare è previsto l'aggiornamento al 15 giugno 2007 che potrà confermare o meno le previsioni per i mesi di luglio ed agosto. Per quanto attiene l’ondata di calore, come nel 2006 La Protezione Civile del Comune di Orvieto, tramite il Gruppo Comunale ed in accordo con i Servizi Sociali e la ASL n. 4 che segnalerà tali situazioni, potrà fornire alle persone con particolari patologie o disagi, ventilatori con consegna a domicilio in comodato d’uso.

Commenta su Facebook