ambiente

Il Monte Peglia va riqualificato. Cosa fare per rilanciare la zona secondo un gruppo di cittadini di Ospedaletto

domenica 18 giugno 2006
Il Monte Peglia torna, da qualche giorno, all'onore delle cronache. Dopo essere stato meta di considerevole turismo fino alla fine degli anni Ottanta, ora si trova ad essere frequentato solo da piccoli gruppi di turisti domenicali e affezionati, che lo frequentano con ostinata fedeltà anche se, come segnala un gruppo di cittadini di Ospedaletto, non vi trovano adeguato confort. Con una nota che ripoortiamo di seguito, in attesa dell'ecomuseo di cui si sta parlando da qualche tempo, il gruppo di Ospedaletto segnala cosa bisognerebbe fare per riqualificare, a breve e medio termine, la zona.
E’ noto a tutti che l’Umbria e’ una piccola regione con grandi tesori, dal punto di vista paesaggistico, culturale, enogastronomico. E’ importante dunque che alcune aree verdi attualmente in stato di abbandono vengano recuperate e valorizzate perché possano incrementare l’offerta del turismo ambientale e culturale e costituire così una risorsa in più per l’Umbria stessa e per l’Italia intera. Uno di questi tesori si trova nel comune di San Venanzo, in provincia di Terni, e si chiama Monte Peglia. Denominato “la montagna orvietana” per la sua vicinanza alla città d’arte, con il suo manto di pinete e di boschi ha sempre offerto uno spettacolare panorama, aria pulita e tanta pace, tanto da essere stato un’importante meta turistica fino alla fine degli anni Ottanta. Ora non più. Solo piccoli gruppi di turisti affezionati, seppur domenicali, frequentano d’estate queste pinete. Sollecitati da alcuni di loro, lo scorso anno abbiamo chiesto espressamente agli amministratori locali pochi servizi minimi di cui da sempre avevano sommessamente lamentato la mancanza. Ma tutto è rimasto come prima. Né panchine né tavoli, né fontanella né un wc ecologico tra Poggio Spaccato ed Ospedaletto. Gli “ostinati”avventori, soprattutto anziani e disabili, continuano a portarsi da casa tutto quello che gli occorre e si avventurano tra gli alberi per soddisfare le proprie esigenze fisiologiche. Anche noi,ostinati come loro, vogliamo ancora sottolineare cosa, a nostro parere, si dovrebbe fare, oltre ai già citati servizi essenziali: 1.Realizzare uno o più percorsi – natura per le passeggiate e l’attività sportiva: non dovrebbe essere difficile né troppo costoso, visto che ovunque se ne vedono anche in modesti giardini pubblici. 2.Abbattere i ruderi dell’ex colonia elioterapica, ben visibili per chi transita per la strada statale 317. 3.Prendere provvedimenti per il vecchio albergo (ex Cingolani per chi ne ha memoria) il cui tetto sta per crollare. 4.Segnalare la breccia ossifera scoperta nei primi anni cinquanta, considerata dai paleontologi una delle più antiche testimonianze della presenza dell’uomo in Italia. 5.Valorizzare il sito archeologico del Poggio delle Civitelle, abbandonato da due anni. 6.Occuparsi della manutenzione dei percorsi da trekking già realizzati dalla comunità montana. Noi ci siamo avventurati in quello dell’Elmo e abbiamo rischiato di perderci perché la segnaletica non era visibile (ma può darsi che nel frattempo le cose siano cambiate, allora scusateci…) 7.Segnalare, all’entrata del Parco dei Sette Frati, i giorni e gli orari di apertura del ristorante e del centro di documentazione (al limite un numero di telefono, per prendere un appuntamento…) 8.Ripristinare il mezzo pubblico che collega Marsciano ad Orvieto, da anni attivo solo nei giorni di scuola. 9.Restaurare, sulla vetta, la croce con annessa cappella ora senza tetto, realizzata nei primi del Novecento, ai tempi del rimboschimento con pino nero d’Austria, come recita un’iscrizione interna. 10.Dare un taglio al taglio del bosco. Temiamo che l’unica selva a restare sul monte sia quella delle antenne. Ci teniamo a ribadire quanto detto, soprattutto perché si sta diffondendo un ampia letteratura sull’ecomuseo. Conservare, restaurare e valorizzare il patrimonio ambientale esistente non sono forse obiettivi di un ecomuseo? “I percorsi dell’ ecomuseo sono come arterie che distribuiscono sangue comune alle singole parti del territorio e a tutta la sua comunità…..il territorio, mantenendo e valorizzando il suo “genius loci”, acquista identità e visibilità per i residenti e per un futuro “sviluppo turistico”, abbiamo letto da qualche parte e questo ci piace. Bisogna crederci veramente, però. Il presidente della Comunità Montana Giorgio Posti aveva dichiarato, sulla rivista mensile di Todi “Tam Tam” del novembre2005, che a Febbraio 2006 sarebbero partiti i lavori di valorizzazione turistica delle pinete con la realizzazione di un belvedere nella zona dell’ex colonia e altre piccole dotazioni ad Ospedaletto. Aveva anche promesso di indire un’assemblea pubblica sulla situazione del Peglia. Attendiamo fiduciosi, abbarbicati ai nostri amati ottocento metri sul livello del mare. Un gruppo di cittadini di Ospedaletto

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 settembre

Simona Atzori e le sue mani basse: "Tra danza e pittura, sorrido sempre alla vita"

Falsa partenza per la Vetrya Orvieto Basket

Geotermia, Brega a difesa del territorio: "Basta giochini, pronto a chiedere il Referendum"

Una politica, quella renziana, non al passo con i tempi

Biomasse, Agricola Macchia Alta Srl: "La verità è un'altra"

Gsd Romeo Menti, il settore giovanile in visita al Museo del Calcio di Coverciano

Nuova seduta per il consiglio comunale. L'ordine del giorno

"Poraneggiando" con i "Cavalieri del Torrione", a Bomarzo con "Percorsi Etruschi"

Ufficializzato l'ingresso di Allerona nel club de "I Borghi più belli d'Italia"

Olimpieri (IeT): "Vogliono salvare il Crescendo con i nostri soldi"

"Aspettando Altrocioccolato", il commercio equo e solidale fa festa in Piazza Mazzini

Giornata mondiale del malato di Alzheimer, festa alla residenza protetta "Non ti scordar di me"

Gianfranco Foscoli in concerto a Colonia. Conquista gli States e va in onda su Canale Italia

Lavori pubblici, il Comune utilizzerà l'Elenco Regionale delle Imprese da invitare alle procedure negoziate

Caccia vietata il 21 settembre nelle aree interessate dalla visita di Mattarella e Papa Francesco

Pali spezzati dal maltempo, da mesi nessuno interviene

La Parrocchia del Duomo festeggia i Santi dei Rioni

"Anonimi elettori" interrogano l'ex consigliere comunale Cristiano Federici

Notte dei Ricercatori, al CSCO c'è il convegno "Scolar-Mente: divulgazione del metodo scientifico"

Stefano Baldi, un pievese ambasciatore italiano a Sofia

Biomasse, "Passione Civica" contro-replica: "Ci interessa il risultato"

Sessantenne di Monteleone muore schiacciato dal crollo del solaio

Al via anche in Umbria la campagna congiunta di sicurezza stradale "Edward"

Sisma, emergenza e ricostruzione al centro di incontri con parlamentari e organizzazioni sindacali

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni