sport

Umbria sconfitta di misura nella sfida motocross con la Toscana

domenica 17 ottobre 2021

Toscana – Umbria, 3-2. Con questo risultato, che vede gli ospiti prevalere di stretta misura, si è chiusa al circuito internazionale “Vinicio Rosadi” di Gioiella la quinta e penultima prova del campionato umbro-toscano di motocross, organizzata dal Moto Club Trasimeno di Castiglione del Lago. Un esito che nelle passate stagioni, in cui i piloti toscani tornavano dalla trasferta carichi di vittorie, sarebbe stato impensabile e che, per le vicende attraverso le quali è maturato, assume un significato ancora maggiore per il motocross umbro. Al risultato complessivo, che deve tenere conto di sei categorie, va aggiunto il successo “corsaro” ottenuto dal Lazio, con il viterbese Samuele Pagliaccia nella Challenge MX1-MX2.

Questi comunque i vincitori assoluti di giornata: per l’Umbria si sono imposti nella 65 Debuttanti – Cadetti il pilota di casa Riccardo Burrini e nella 125 Junior – Senior il panicalese Luca Cardaccia, che ha firmato una perentoria (e per certi aspetti sorprendente) doppietta. Per la Toscana hanno prevalso Niccolò Mannini nella 85 Junior-Senior, Lorenzo Ciabatti nella Rider – Expert – Fast, classi MX1 e MX2, e, infine, Fabio Occhiolini nella Veteran MX1-MX2. Migliore degli umbri nella Rider-Expert-Fast, la top class della giornata, è stato il magionese Ivo Lasagna, 4° assoluto alle spalle dei toscani, che si conferma uno dei migliori piloti italiani di 40 anni.

Il fatto che i piloti di casa abbiano prevalso in due delle tre categorie giovanili, verso le quali si appuntano le attenzioni dei tecnici e degli addetti ai lavori, lascia molto ben sperare per la crescita di un vivaio che è ormai una consolidata realtà. E solo per poco, al successo nella Debuttanti – Cadetti, non si è unito anche Riccardo Mescolini che, dopo aver vinto gara 1, stava lottando per il successo assoluto nella seconda manche ma è stato fermato da una caduta che, per fortuna, ha creato solo un po’ di paura ma nessun danno.

Oltre 160 piloti hanno partecipato alla manifestazione che si è svolta in una magnifica giornata di sole, su una pista perfettamente preparata dal “Trasimeno” e soprattutto davanti al pubblico, finalmente riammesso dopo il lungo lock-down, nel rispetto della norme anti-Covid. Particolarmente apprezzata l’opera del Servizio Medico, coordinato dal Dott. Giuseppe Bacci, che, mettendo in gioco la propria specifica esperienza nel motocross, ha consentito di limitare al massimo le conseguenze dei pochi incidenti verificatisi in pista.

Con questo evento, fortemente voluto dal direttivo del club castiglionese, presieduto da Paolo Butini, si chiude la stagione agonistica 2021 del crossodromo Rosadi che può tornare ad ambire ad importanti manifestazioni.