sport

Motocross, oltre 180 piloti nella grande sfida Umbria-Toscana

venerdì 15 ottobre 2021

Domenica 17 ottobre a Gioiella torna il motocross, in versione autunnale ma con una manifestazione che si preannuncia affollatissima e ricca di spettacolari contenuti. Sulla pista intitolata a Vinicio Rosadi, il Moto Club Trasimeno organizza infatti il campionato umbro-toscano, ormai alle battute finali. Proprio l’incertezza che regna in tutte le classifiche stimola la partecipazione dei piloti che si preannuncia vicina alle 180 unità.

In gara i giovanissimi del minicross, la classe 125 Junior e Senior e le classiche MX1 e MX2, aperte alle categorie Challenge, Rider-Expert, Fast e alla Elite, top class del motocross nazionale. Il programma è concentrato nella giornata di domenica, con prove libere e di qualificazione fin dalla prima mattina e poi con la sequenza delle manche decisive che si protrarrà fino al tardo pomeriggio.

Torna finalmente il pubblico, elemento fondamentale anche del motocross: l’ingresso sarà consentito ai possessori di Green Pass, 10 euro il biglietto intero, 8 euro ridotto per i soci Federmoto e gli under 14.

Molto affollata la rappresentativa del piloti di casa con alcune punte di diamante rappresentate ad un estremo dal giovanissimo Riccardo Burrini (Cadetto, 10 anni), che domenica scorsa ha contribuito all’ottimo ottavo posto conquistato dall’Umbria nel Trofeo delle Regioni, e all’altro da Ivo Lasagna (cat. Fast), reduce da successi in serie nel settore del motocross d’epoca, compreso un titolo europeo, da una stagione da protagonista (ma non fortunata) nel sidecarcross e ormai considerato dalla critica uno dei migliori piloti italiani di 40 anni.

Da tenere d’occhio anche il terzetto scatenato formato da Davide Mencaroni, Valerio Mannaioli e Daniele Pagano, che hanno monopolizzato la classifica della categoria Exper MX2 facendo di quel campionato un affare in famiglia-Trasimeno. Molto interessante ed aperto, infine, il confronto con i colleghi  toscani che disputano la penultima prova del torneo regionale loro riservato e che spesso hanno fatto di questa trasferta “terra di conquista”. Ebbene, i valori si sono livellati e dunque il pronostico non è affatto scontato come appariva fino a qualche anno fa.