sport

A porte aperte Orvietana-Pianoscarano al Muzi

venerdì 11 settembre 2020
di Roberto Pace
A porte aperte Orvietana-Pianoscarano al Muzi

Evviva! E’ possibile andare alla partita dell’Orvietana. C’è un percorso da seguire, che potete leggere qui sotto, al quale bisognerà abituarsi:
- Innanzitutto serve riempire uno stampato, scaricabile dal sito.
- Chi è impossibilitato, può riempire lo stesso modulo all’ingresso dello stadio, prima che inizi la partita.
- Ogni spettatore dovrà presentarsi al cancello d’ingresso indossando la mascherina e sottoporsi alla misurazione della temperatura corporea.
- Una volta all’interno sarà obbligatorio il rispetto del distanziamento, lasciando almeno un metro dallo spettatore più vicino.

Tutto questo da sabato 12 settembre, quando è in programma l’amichevole tra Orvietana e Pianoscarano, partita che segna l’esordio della nuova Orvietana al Luigi Muzi. Si giocherà alle 18. La squadra biancorossa è alla seconda uscita, dopo il successo sulla Vigor, ad Acquapendente. Partita dalla quale qualcuno ne è uscito ammaccato, per cui sarà difficile vederlo in campo. Resteranno fuori, tra gli altri, il nuovo attaccante, Regis, e Raffaele Cotigni, autore della prima rete stagionale. In compenso, saranno disponibili Vicaroni e Schiavon.

Il marscianese, che è una punta sterna, a riposo mercoledì, si è ripreso dal leggero infortunio e sarà, per lui, la prima volta con la maglia dell’Orvietana. Michele Schiavon, dopo il Covid ha sconfitto la burocrazia che ritardava il rilascio della certificazione obbligatoria e sarà a disposizione di Ciccone. Il ruolo è di centrale difensivo e, qualora utilizzato, occuperà il posto di Lanzi o Annibaldi, coppia utilizzata mercoledì.

Gli altri nuovi, Grezzana, Proietti, Guazzaroni e Bracaletti, unitamente al rientrante numero uno, Riccardo Perquoti e ad altri giovani al primo approccio con l’Eccellenza, saranno regolarmente in campo, per sottoporsi al metro di giudizio dei sostenitori abituali. Non potrà ancora essere l’Orvietana da campionato, sciolta, spigliata e amalgamata che si vedrà più in là, ma le indicazioni che il tecnico e il direttore sportivo, Ciccone e Cioci, ricaveranno da questa e dalle prossime amichevoli saranno, ad ogni modo, importanti.