sociale

Luci e simboli per accendere Allerona Scalo. "Così si prova a resistere e rinascere"

martedì 22 dicembre 2020
di Antonio Ruina
Luci e simboli per accendere Allerona Scalo. "Così si prova a resistere e rinascere"

Con l'approssimarsi delle festività natalizie anche Allerona Scalo ha voluto dare luce a questo periodo toccato dalla pandemia. Ogni anno il Comitato Festeggiamenti della Parrocchia di Allerona Scalo con parte dei ricavi della festa patronale era solito far installare le luminarie per il Santo Natale. Quest’anno il paese rischiava di restare spento a causa dell’assenza di contributi per le feste. Tuttavia, come spesso avviene ad Allerona Scalo-Pianlungo, è scattata la solidarietà delle realtà aggregative, imprenditoriali e del paese tutto.

Così, il centro si è potuto accendere in festa. Il parroco, don Eugenio Campini, sollecitato dai cittadini ha invitato la presidente del Comitato Festeggiamenti, Lucia Pistucchia, a realizzare quanto sempre fatto con il sostegno di quanti volevano essere particolarmente generosi in un momento difficile per tutti.

Inoltre, per ovviare al taglio annuale di un albero messo a disposizione per le feste natalizie, il comitato ha acquistato e messo a dimora un piccolo abete  in segno di rinascita e speranza che si auspica negli anni a venire cresca e illumini sempre più intensamente la  comunità. Il Comitato Festeggiamenti non può  che ringraziare i concittadini per la partecipazione e la solidarietà dimostrata che, tra l’altro, hanno permesso una maggiore coesione tra i membri del comitato stesso.

Si ringrazia in particolare:  i comuni di Allerona e Castel Viscardo, Avis Comunale  Allerona, Vittoria Assicurazioni, Termoidraulica di Mauro Ragno, Virgili Autotrasporti, Costruzioni edili Guazzarotto Andrea, farmacia Buonaduce, Corradini serramenti di Corradini Sergio, Ass.ne Canto Libero, Agricola 2000 di Cupello Andrea, Armando e Dina Abbigliamento.

Senza il contributo delle realtà aggregative, imprenditoriali, nonché della cittadinanza tutta, non sarebbe mai stato possibile colorare di luce il paese che, di questi tempi, ha bisogno, come l’Italia, di essere allietata nella speranza di un futuro migliore.