sociale

"Quando a prendersi cura dell'altro è il figlio: l'arteterapia per dare voce all'indicibile svelando l'invisibile"

martedì 22 settembre 2020
"Quando a prendersi cura dell'altro è il figlio: l'arteterapia per dare voce all'indicibile svelando l'invisibile"

Un ciclo di incontri gratuiti rivolti a educatori, operatori sanitari, psicologi, psicoterapeuti, assistenti sociali ma anche a insegnanti, figli adulti e a chiunque sia interessato ad approfondire il delicato tema del prendersi cura dei genitori con un disturbo mentale. L’iniziativa è organizzata dall’Associazione Comip, nata a Terni e ad oggi l’unica associazione nazionale che si prende cura dei figli di genitori con patologie psichiatriche.

Il via giovedì 1° ottobre, dalle 20.30, nella Sala Parrocchiale della Parrocchia SS. Giuseppe e Marco, ad Orte Scalo, con l’incontro su "Quando a prendersi cura dell’altro è il figlio: l’arteterapia per dare voce all’indicibile svelando l’invisibile".

A condurre l’incontro Sara Latragna, arteterapeuta in formazione presso la scuola di Arteterapia “La Cittadella” di Assisi, col supporto di Stefania Buoni, autrice attivista Changemaker, presidente e co-fondatrice dell’associazione Comip, autrice del libro Quando mamma o papà hanno qualcosa che non va edito dal Cesvol.

“Esploreremo il caleidoscopio spesso invisibile che è il vissuto di molti figli che hanno uno o entrambi i genitori affetti da un disturbo psichico. Alcuni di loro sono giovani caregiver inconsapevoli di esserlo, e portano sulle proprie spalle, oltre al peso della fragilità genitoriale, anche quello dello stigma e del tabù. Tabù che la nostra associazione, formata da figli che lo hanno vissuto in prima persona, sta lottando per sciogliere” dice Stefania Buoni.

Per gli incontri, che si svolgeranno nel rispetto delle normative anti-Covid, è stata scelta Orte in modo da consentire la partecipazione a professionisti di Umbria e Lazio.

Per ulteriori informazioni e prenotazioni:
339.1233657 - saralatry81@gmail.com
info@comip-italia.org