sociale

Emergenza sangue nella provincia di Terni. Avis: "A rischio l'operatività degli ospedali"

mercoledì 12 luglio 2017
Emergenza sangue nella provincia di Terni. Avis: "A rischio l'operatività degli ospedali"

"L’emergenza sangue è drammatica. È a rischio l’operatività dei nostri ospedali. Quello di Terni ha estrema urgenza di sangue A positivo e negativo ma anche i gruppi zero positivo e negativo sono necessari. Chiunque ha questi gruppi ed è in condizione di donare è pregato di recarsi immediatamente al Centro prelievi dell’ospedale Santa Maria di Terni o degli altri ospedali della provincia". L’appello è di Patrizio Fratini, presidente di Avis comunale Terni.

"Il caldo torrido che imperversa da settimane - spiega - sta creando gravissimi problemi di disponibilità di sangue. Dobbiamo garantire agli operati, ai feriti e ai malati di poter avere cure adeguate, che in molti casi significa anche ricevere trasfusioni. Ma questo è possibile solo se ci sono disponibilità continue e adeguate di sangue. Ricordo ancora una volta che una sacca di sangue intero si conserva solo per quaranta giorni".

In queste ore anche l'Avis Narni ha lanciato l’appello per la grave carenza sangue. "E’ assolutamente urgente reperire sangue dei gruppi A e zero positivo e negativo - dice il presidente, Massimo Rossi. Invitiamo tutti ad organizzarsi per andare a donare”. In estate purtroppo il fabbisogno di sangue aumenta e la disponibilità diminuisce, e solo attraverso la donazione è possibile reintegrare reintegrare le scorte ma a Narni in queste ore è urgentissimo reperire in particolare questi due gruppi sanguigni.

“C’è veramente in gioco la vita - aggiunge Rossi - le scorte di alcuni gruppi sono finite, per cui o preferiamo restare alla finestra ad aspettare che qualcuno ci risolva il problema oppure agiamo di conseguenza andando a donare”. Il calo delle donazioni di sangue solo tre mesi fa era stato uno dei temi al centro dell’assemblea annuale di Avis comunale Narni, sottolineando come, in occasione del terremoto, c’era stata una vera e propria gara di solidarietà che però non era stata sufficiente a garantire donazioni continuative nel tempo. “Donatori si diventa e si resta nel bene e nel male, nelle emergenze e non. Ed è urgente cambiare la mentalità per poter arrivare ad un volontariato organizzato”. Per prenotare la donazione: 0744.715573

Ad Orvieto, al momento, non si registrebbero particolari urgenze. Nel vicino Lazio, intanto, ad Acquapendente, giovedì 13 luglio dalle ore 8 alle ore 10 sarà possibile effettuare la donazione di sangue presso la Sede AVIS di Via Battisti, 49.