politica

Riorganizzazione dei Distretti sanitari. Lega: "I confini cambieranno, trovata la soluzione per Trasimeno e Alto Tevere"

venerdì 24 dicembre 2021

“Grazie al direttore regionale, Massimo Braganti, all’assessore alla Sanità, Luca Coletto e alla presidente, Donatella Tesei per aver immediatamente preso in considerazione le nostre osservazioni relative all’impossibilità di inserire, in uno stesso distretto, le aree del Trasimeno e dell’Altotevere e per aver trovato una soluzione che permetterà di razionalizzare i servizi, assicurando migliori prestazioni ai cittadini e agli operatori”.

Sono le parole del senatore della Lega Luca Briziarelli, dell’onorevole Riccardo Augusto Marchetti e dei consiglieri regionali, Manuela Puletti ed Eugenio Rondini a margine dell’incontro avuto con il direttore regionale Braganti giovedì 23 dicembre che fa seguito ai contatti intercorsi a partire dal 21 di novembre. “Nel corso dell’incontro – spiegano gli esponenti della Lega – abbiamo sottolineato come, pur prendendo atto della necessità di riorganizzazione e della volontà della Regione Umbria di partire dalle zone sociali, i due territori non possono essere accorparti a causa di incompatibili caratteristiche morfologiche, viarie, socio-economiche e per la dislocazione delle strutture di erogazione, nonché per le dotazioni di personale.

Per questo l’orientamento assunto sarà quello di rivedere l’organizzazione prevedendo che il Trasimeno sia inserito nello stesso Distretto di Perugia e quello dell’Altotevere in quello di Gubbio. Ciò consentirà – dicono Briziarelli, Marchetti, Puletti e Rondini – da un lato di superare il numero minimo di cittadini previsto, fissato in 100.000 abitanti, e che nessuna delle due aree, che contano ciascuna circa 60mila abitanti, avrebbe potuto assicurare da sola, e dall’altro di garantire la migliore possibilità di raggiungimento dei punti di erogazione dei servizi da parte dei cittadini e l’ottimizzazione del personale.

E’ sicuramente preferibile appartenere a un Distretto più popoloso, ma meglio servito sul piano dei trasporti, collegamenti e risorse umane e strutturali, piuttosto che a uno con numero di abitanti inferiore, ma che risulta più problematico sotto i punti di vista sopra citati. La decisione – fanno sapere – sarà formalizzata nelle prossime settimane. D

urante l’incontro sono stati approfonditi anche altri elementi fondamentali per le due aree: dalla medicina del territorio alla rete di emergenza-urgenza fino a quella ospedaliera. E’ l’ennesima conferma – concludono - di come il centro destra voglia affrontare problemi annosi finora irrisolti, mettendo al primo posto la necessità di assicurare a tutti i cittadini della regione gli stessi servizi, evitando che ci siano aree i cui residenti possano essere cittadini di serie b. Come Lega continueremo a lavorare per dare ai territori le risposte che da anni aspettano sia in campo sanitario che in tutti gli altri”.