opinioni

Egloga

lunedì 1 marzo 2021
di Fausto Cerulli
Egloga

Erbe che ondeggiano con altre erbe.
Prato di mescolanze, vendemmie
che sanno di donne accaldate, e
di nude braccia di muscoli e sole,
sudori violenti, profumo degli acini
schiacciati anzi tempo, presagio
di un vino faticoso.
Una coppa, poi, e solo un minuto
per bere profumi, sudori,
sole. Soltanto un minuto
a vendemmia finita.