opinioni

Superstizione

venerdì 19 febbraio 2021
di Fausto Cerulli
Superstizione

Non era stata scelta da me la mia compagna di viaggio,
è entrata in silenzio nello scompartimento dove stavo leggendo
un libro che avevo già letto prima ma senza troppa attenzione.
Si è seduta davanti a me, ha estratto dalla sua borsetta del trucco
un rossetto viola per le sue labbra sottili, ha cercato i miei occhi
con i suoi, lucidi di un pianto antico, e quando è stata sicura
che io la stessi guardando ha cominciato a spogliarsi, io
mi sono avvicinato con il volto al suo che ora era rigato di pianto.
Non ho sofferto poi tanto, lo giuro, quando ha estratto
dalla borsa all’ultima moda una piccola pistola d’argento
e mi ha ucciso. Lo sapevo che non dovevo mettermi
in viaggio quel venerdì diciassette.