opinioni

Occasioni perdute

mercoledì 16 settembre 2020
di Fausto Cerulli
Occasioni perdute

Segmenti di delusione frammentano
il tentativo di dire il vero con le parole
maledette, le oscene controfigure
che affollano il mio misero teatro
ambulante, le ruote del mio Carro di
Tespi stridono sul selciato sconnesso
della mia fantasia complicata da mille
complessi di colpa. Spesso sono
incompreso a me stesso nella cronaca
di una malattia da cui non voglio
guarire. Mi fa compagnia da una
vita ed è la sola che non mi deride.
Penso di avere perso ogni fragile
speranza di essere accettato da lei,
la donna ascoltata nell’incanto
di un silenzio rotto soltanto
dall’eco di un’alba spezzata
come dal suono  stordito
inatteso di un farsi giorno
indecente.