opinioni

Custodi

mercoledì 9 settembre 2020
di Fausto Cerulli
Custodi

Talvolta, quando respiro tra un respiro
ed un altro, mi sento nemico a me stesso,
ma so che dico soltanto perché sono
ansioso della tenerezza che gli altri
non sanno darmi.
E dite, voi che sapete tutto di me,
voi che siete custodi della mia anima,
quale mistero mi spinge  ad avere
tanta smania di tenerezza?
La le lentezza iridata di questa luce,
la fragile gonna del vento, un pube
ombroso di donna?
O forse soltanto l’amore che io
non so amare.
O il glicine che  tanto piaceva
a Bianca.