opinioni

"Tardani & Co. Ancora bugie"

giovedì 25 giugno 2020
di Massimo Gnagnarini
"Tardani & Co. Ancora bugie"

Nel presentare il Bilancio consuntivo 2019 all’attenzione del Consiglio Comunale dicono che hanno trovato 6 mln di disavanzo.
Invece, da scarsi dilettanti, scambiano il risultato d’amministrazione dopo gli accantonamenti con il DEFICIT che non esiste più ormai da due anni come peraltro certificato dalla Corte dei Conti e dagli stessi documenti contabili che questa stessa Amministrazione non può fare a meno di allegare al bilancio (Si veda l’allegato sotto pubblicato). Praticamente non sanno neanche di cosa parlano.

Non solo.
Per cinque anni ci hanno scassati i zibidei e hanno preso in giro gli orvietani propagandando a destra e a manca che l’Amministrazione Germani produceva avanzi di amministrazione allo scopo di abbattere più rapidamente il deficit per rincorrere l’uscita anticipata dal pre-dissesto, mentre quei soldi, dicevano, avremmo dovuto spenderli per la città.
Una menzogna colossale che però gli si ritorce contro come qui sotto dimostrato e che ancora qualche giorno fa compariva puntualmente riproposta sulla pagine ufficiale FB del Comune.

Sapete quanto è l’avanzo di amministrazione per competenza in questo primo bilancio consuntivo varato oggi dall’Amministrazione orvietana di destra? 6.096.915 euro! Superiore di gran lunga a qualunque altro avanzo d’amministrazione registrato negli anni scorsi.

Siccome siamo gente seria e, forse, meno incompetente di chi adesso invece di governare continua a impegnarsi solo per sminuire e per gettare fango sull’operato altrui, noi non ci prestiamo ad alimentare queste forme di demagogia idiote e dannose per l’immagine dell’Ente e per la fiducia che i cittadini conservano in esso.

Sappiamo che oggi, come ieri, gli avanzi di amministrazione sono solo i soldi già impegnati nel corso dell’esercizio conclusosi e che non sono stati spesi entro il 31 dicembre e che verranno spesi per le stesse finalità e obbiettivi nel corso del nuovo esercizio.

Lasciate perdere i conti, non è una vostra specialità. Siete già troppo impegnati a chiudere teatri, Palazzo dei Congressi, Palazzo del Gusto e a ritrasformare Piazza del Popolo in garage a cielo aperto.