economia

Visionario o illuminato? Rifkin espone le sue teorie a Terni

domenica 4 settembre 2005
di Angelo Rosati
Di fronte ad una platea gremita ed incuriosita, ieri a Terni, Jeremy Rifkin ha illustrato i fondamenti della sua teoria economica basata sull置tilizzo dell段drogeno.
Nella conferenza, organizzata dalla Lega Coop Centro Italia insieme alla Biblioteca comunale di Terni, il famoso economista futurologo ha illustrato ad una folla di tecnici e semplici curiosi quali saranno gli scenari geopolitici in un mondo senza pi riserve di petrolio.

Jeremy Rifkin , introdotto dall誕ssessore Sonia Berrettini e dal sindaco Raffaelli, camminando tra il pubblico, ha catturato l誕ttenzione partendo dalle recenti tragedie climatiche, per poi delineare un quadro quanto mai interessante: saremmo, a suo dire, di fronte ad una nuova rivoluzione della storia umana, paragonabile alla scoperta dell誕gricoltura ed alla rivoluzione industriale: ovvero l誕vvento della democrazia nella produzione energetica.

Il famoso economista, che fu anche consigliere di Prodi all旦nione Europea, sostiene che in futuro tutti saremo in grado di produrre e scambiare energia pulita grazie all置so dell段drogeno, mettendo fine agli oligopoli di governi e multinazionali.
In questo scenario sar possibile risolvere i problemi legati all段nquinamento, causa a suo parere dello sconvolgimento climatico in atto, e non solo: l弾conomia all段drogeno generer un surplus energetico che permetter il restringimento della forbice tra paesi ricchi e paesi poveri.
Naturalmente Rifkin non dice che tutto ci sar di facile realizzazione.

Questo 菟otere orizzontale, che dar energia a tutti, dovr infatti essere conquistato dall置manit opponendosi ai poteri che cercheranno di imbrigliarne la fonte
. Per spiegare come combattere nella guerra per la democrazia energetica Rifkin prende l弾sempio di internet, dove nonostante le leggi sul copyright ed i controlli sempre pi stretti su software e musica, una miriade di utenti/programmatori, spesso giovanissimi, riescono a creare sistemi di scambio dati e programmi gratuiti (come ad esempio Linux o Firefox) spesso migliori di quelli a pagamento.

C定 per una brutta notizia, infatti Rifkin avverte che l段drogeno comunque un 砺ettore secondario e deve quindi essere estratto tramite l置tilizzo di altre fonti energetiche.
Mette in guardia allora dal controsenso di utilizzare di nuovo il petrolio o combustibili fossili per la produzione dell段drogeno, il quale sarebbe allora un idrogeno a sua volta inquinante.
釘asta dunque con il petrolio e con gli investimenti in tecnologie per la sua estrazione, e basta a guerre causate dal petrolio afferma senza mezzi termini entrando apertamente in polemica con il presidente Bush.
La soluzione, afferma, risiede solo ed esclusivamente nell段nvestimento massiccio in fonti pulite e rinnovabili che a loro volta permettano di produrre idrogeno, pena il collasso del sistema mondiale.

Nel finale parla addirittura di politica italiana esortando il pubblico ad esigere agende ed interventi in direzione dell段drogeno: 砺otate nelle prossime elezioni chi abbraccer questa visione.
A questo punto sorge nel pubblico in sala un amletico dubbio: questo stimato professore americano sar forse un pazzo visionario? o siamo invece di fronte ad un illuminato che ha compreso con largo anticipo la vera via della sostenibilit?

Di sicuro non facile capirlo, ma gli sconquassi climatici di questi giorni, l誕umento vertiginoso del prezzo del petrolio e l誕ria irrespirabile delle nostre citt rappresentano segnali oramai troppo evidenti per essere considerati solo effetti accidentali slegati tra loro e non, piuttosto, come conseguenze di una grave crisi sistemica dell誕ttuale modello energetico mondiale.