eventi

"Figure e figuri dell'archeologia in Maremma alla fine dell'800. Lo strano caso di Francesco Mancinelli Scotti"

martedì 6 settembre 2022

Domenica 11 settembre alle 16.30 alla Sala Bartolini di Saturnia, in Via Aldobrandeschi, per la rassegna "Le Voci della Storia" promossa dal Comune di Manciano, sarà presentato "Figure e figuri dell’archeologia in Maremma alla fine dell’800. Lo strano caso di Francesco Mancinelli Scotti".

"Il Conte Francesco Mancinelli Scotti (Civita Castellana 1847 - Roma 1936), di nobile famiglia decaduta - spiegano gli organizzatori dell’evento - viene colto a circa quarant'anni dalla insana passione per l'archeologia e gli scavi, e dedica i successivi quaranta a esplorare o meglio, secondo molti archeologi, ‘devastare’ il territorio dell’Etruria meridionale, partendo dall’Agro Falisco (Capena, Narce) e arrivando fino a Vulci.

Uomo di grandi slanci, che lo portano a vent'anni a entrare nelle fila garibaldine, opera come infaticabile e fortunatissimo scavatore, collezionista e mercante di antichità, vendendo reperti archeologici a collezioni e musei italiani ed esteri.

A lui per un certo periodo si associò anche Riccardo Mancinelli, quasi omonimo, ma non suo parente, che esplorò estesamente i siti archeologici di Poggio Buco, Pitigliano, Sovana e Saturnia, rinvenendo numerosi corredi funerari che, in parte acquistati dal Museo Archeologico di Firenze, finirono poi sul mercato antiquario, e sono oggi conservati nei Musei di Berlino, Copenhagen e Berkeley in Calfornia".

Alla figura di questi affascinanti personaggi nel 2018 è stata dedicata una giornata di studi i cui atti, curati da Cristina Biella (Università di Roma La Sapienza) e Jacopo Tabolli (Università per Stranieri di Siena), saranno presentati in occasione del 16esimo incontro di studi su preistoria e protostoria in Etruria, dal titolo "Archeologia del Fuoco", che porterà a Valentano e Saturnia i più importanti studiosi italiani di preistoria. La partecipazione al convegno è riservata agli iscritti, la presentazione del volume è a ingresso libero.