Cisl Terni-Orvieto Fai Cisl Umbria
economia

"Subito un tavolo con le parti sociali, le prefetture e l'Ispettorato del Lavoro per monitorare situazioni a rischio"

mercoledì 3 marzo 2021
"Subito un tavolo con le parti sociali, le prefetture e l'Ispettorato del Lavoro per monitorare situazioni a rischio"

"Apprendiamo dagli organi di informazione che un imprenditore orvietano è stato denunciato dalla Polizia per sfruttamento di due lavoratori. La situazione di degrado descritta è impensabile soprattutto in un territorio, come quello orvietano, che appare come un’isola felice. Auspichiamo che la Magistratura in breve tempo faccia luce sull’intera vicenda".

Così Riccardo Marcelli (Cisl Terni – Orvieto), Dario Bruschi e Simone Dezi (Fai Cisl Umbria) manifestano sconcerto rispetto al primo caso di caporalato che avviene nella provincia di Terni. Per questo i tre sindacalisti ritornano a rinnovare una proposta che nel tempo è rimasta inascoltata.

"Chiediamo ancora una volta – affermano – che venga istituita una vera e propria cabina di regia con la Regione Umbria, per istituire un protocollo come già presente in altre Regioni, un tavolo con le parti sociali, con le Prefetture e l’Ispettorato del Lavoro per portare avanti un lavoro di monitoraggio che deve essere capillare e costante. La tutela dei lavoratori, soprattutto di quelli più deboli e a rischio sfruttamento, è e rimane una delle priorità del sindacato”.

 


Questa notizia è correlata a:

Imprenditore orvietano denunciato dalla Polizia. Primo caso di caporalato in provincia di Terni