economia

"L'Umbria riparte dal lavoro". Il laboratorio di idee e proposte di Cgil, Cisl e Uil

martedì 13 ottobre 2020
"L'Umbria riparte dal lavoro". Il laboratorio di idee e proposte di Cgil, Cisl e Uil

Lavoro, ambiente e sanità. Questi i temi al centro del convegno "L’Umbria riparte dal lavoro" tenutosi martedì 13 ottobre, ma soprattutto le parole d’ordine per il rilancio dell’Umbria. All’iniziativa prima le parole dei segretari generali regionali Cgil, Cisl e Uil Umbria (Vincenzo Sgalla, Angelo Manzotti e Claudio Bendini) e poi gli interventi dei segretari confederali nazionali Cgil, Cisl, Uil (Maurizio Landini, Andrea Cuccello e Pierpaolo Bombandieri).
 
“La nostra regione oggi – ha sottolineato Manzotti – è fortemente impoverita da una crisi che ha ragioni strutturali e che si è aggravata dalla pandemia che purtroppo è ancora in corso. Tutte le forze sociali ed economiche, assieme alle istituzioni, si devono unire per condividere un progetto di rilancio dell’economia umbra". Oltre alle istituzioni locali ci rivolgiamo a quelle nazionali: considerato che L’Umbria si colloca tra le regioni maggiormente in difficoltà. "La nostra proposta – ha proseguito Manzotti – è quella di estendere la possibilità della decontribuzione (ad oggi solo per le regioni del Sud) anche all’Umbria".
 
Il segretario Cisl nazionale Andrea Cuccello con il segretario generale Cisl Umbria Angelo Manzotti prima dell’inizio dei lavori
Lo sviluppo poi, secondo il segretario della Cisl Umbria, passa da una politica che si basa sulla sostenibilità ambientale: oggi è possibile, più che nel passato, conciliare la produzione con l’ambiente. L’Umbria non è il fanalino di coda. Questo perché abbiamo molte aziende che hanno fatto della sostenibilità un fattore di crescita e di sviluppo". La sanità, legata al territorio, per la Cisl rappresenta un modello da perseguire non solo ed esclusivamente per contenere effetti dell’emergenza sanitaria legata al Covid-19, ma anche uno strumento per stare vicino alle esigenze della popolazione umbra.

"Un umbro su quattro – ha precisato Manzotti – nella nostra regione è over 65 e quindi necessita di cure e assistenza: servizi che le strutture territoriali possono offrire". Il segretario Cisl Nazionale Andrea Cuccello, assieme agli altri due segretari confederali nazionali di Cgil e Uil, si è confrontato con i lavoratori su importanti temi di attualità. Temi sollevati direttamente da Perugia o in collegamento da Terni, Foligno e Città di Castello.
 
"Sulla scuola si è perso tempo – ha sottolineato Cuccello – e per andare avanti, come ci ha ricordato la testimonianza del lavoratore intervenuto, bisogna ricordarsi il passato. E noi abbiamo dimenticato quello che è successo a marzo.
Il tema vero da affrontare, assieme a quello delle assunzioni, rimane quello di ampliare le classi, i plessi scolastici. È vero che la tecnologia avanza, ma sulla formazione a distanza rimane irrisolta la questione del digital divide”.
 
Sullo smart working. "Questa materia – ha chiarito il segretario Cisl – deve essere affrontata con la contrattazione e non lasciata al confronto individuale tra datore di lavoro e lavoratore. Questo per non creare situazioni di svantaggio. Soprattutto per le donne". Quanto ai fondi europei e la loro destinazione, è "un tema prioritario e va affrontato con il Governo, in un confronto che non c’è ancora stato".
 
Il segretario Cisl Nazionale Andrea Cuccello è poi tornato sul Mes. "È prioritario – ha concluso – per ricostruire la rete della sanità nazionale, già insufficiente prima dell’emergenza Covid-19, e per dare nuovi presidi sanitari, medicina di territorio, diagnostica. I 37 miliardi a disposizione non possiamo non utilizzarli".