cultura

"Donna vede Uomo". Tutto pronto per l'inaugurazione della mostra

giovedì 1 luglio 2021

Presso la Rocca-Museo di Passignano sul Trasimeno, alle 18 di domenica 4 luglio, sarà inaugurata la mostra “Donna vede Uomo”, alla presenza del sindaco Sandro Pasquali e della vice, Paola Cipolloni, della direttrice del GAL Trasimeno-Orvietano, Francesca Caproni e di altre Autorità Istituzionali.

Gli elaborati delle artiste, così come il progetto, hanno la finalità di trasmettere positività, gioia, felicità e affetto, rifuggendo da ogni forma di violenza, come nei desideri di una civiltà evoluta.

Diciotto donne, attraverso l’obiettivo fotografico e la penna, descrivono il mondo dell’uomo tramite le proprie percezioni, dove ogni fotografa ha avuto a disposizione cinque scatti per descrivere come vede l’uomo nel suo mondo e l’abbinata poetessa, ha potuto, con dei versi, scrivere su quello che le specifiche immagini le hanno trasmesso.

“Siamo ben lieti di ospitare Donna vede Uomo – dichiara Pasquali - un progetto che percorre finalità e valori di un’espressione eccelsa e assolutamente condivisibile negli aspetti formativi ed educativi. Le immagini e le poesie, oltreché essere di assoluto pregio nella loro composizione, portano e trasmettono un messaggio denso di valori fondamentali e irrinunciabili”.

“Il GAL Trasimeno Orvietano – spiega Caproni - condivide questo progetto ambientato sul nostro bellissimo lago Trasimeno, il principale ispiratore delle fotografe e delle poetesse, così come alcune ispirazioni nascono dal suggestivo lago di Piediluco: un ponte d’acqua dolce che unisce idealmente i due principali laghi umbri. Infatti e ne siamo convinti, la cultura, in tutte le sue forme, è una promozione per il territorio e calamitante per il turismo”.

L’occhio della donna è percettivo, acuto e sensibile, infatti in questo progetto le artiste hanno colto emozioni e sentimenti che spesso l’uomo non palesa. Gli scatti e i versi, rimarranno come perenne istantanea a testimonianza che l’incontro positivo tra due diversi mondi, sia certamente possibile.

Le artiste protagoniste di questo progetto sono 18, di origine italiana, russa, ucraina, ceca e cilena: Anna Maria Bolletta, Roberta Costanzi, Alessandra Di Cesare, Sara Fusini, Helena Malachova, Graziella Mallamaci, Susanna Mannarelli, Katia Merli, Francesca Panichi, Eleonora Pascai, Francesca Pecorella, Catia Rogari, Olena Romanko, Anna Savino, Mariolina Savino, Marina Sereda, Emiliana Tamburi e Carla Tejo. La direttrice artistica è Carla Medici, vice presidente della Casa degli Artisti di Perugia, mentre il coordinatore e organizzatore del progetto è Marco Pareti.

L’evento è patrocinato dalla Regione Umbria, dalla Provincia di Perugia, dal Comune di Passignano s/T, dalle locali associazioni, ProLoco e Rione Centro Storico, con il supporto del GAL Trasimeno-Orvietano e la collaborazione organizzativa di Trasimeno in Dialogo, Ars Cultura, AboutUmbria, MepRadio, TEF, Alessandro Mastrini e La Casa degli Artisti di Perugia.

La manifestazione Donna vede Uomo ospiterà al suo interno, alcuni interventi con tematiche al femminile che riguarderanno libri, dibattiti e presentazioni. L’esposizione sarà visitabile fino al 18 luglio 2021, tutti i giorni e domenica compresa, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19.30, presso la panoramica Rocca di Passignano s/T.